Investimenti in infrastrutture in Africa

di lettura

Gli impegni di investimento destinati allo sviluppo delle infrastrutture in Africa nel 2017 sono stati pari a circa 81,6 miliardi di dollari, di cui circa l’80% in Africa Subsahariana, in crescita del 22% rispetto al 20161. Si tratta del miglior risultato dal 2010 grazie all’aumento del contributo cinese, che ha visto i commitment passare, nell’ultimo anno di analisi, da 6,4 a 19,4 miliardi di dollari, e di quello dei governi africani da 30,7 a 34,4.

Investimenti in infrastrutture in Africa

Il valore dei progetti con partecipazione del settore privato è stato pari a 5,2 miliardi di dollari, mentre i membri del Consorzio per le infrastrutture per l’Africa – Ica (partnership tra Paesi G8, Sudafrica, Banca Africana di Sviluppo - AfDB -, Banca Mondiale, Commissione Europea, Ifc, Eib, Development Bank of Southern Africa) hanno contribuito per circa 19,7 miliardi, di cui il 65% provenienti dalle multilaterali e il 35% dalle bilaterali.
A livello geografico, gli impegni sono concentrati principalmente nell’Africa occidentale, Nord Africa e Africa orientale, mentre, dal punto di vista settoriale, circa 34 miliardi sono stati impegnati nel settore dei trasporti, seguito da quello energetico e idrico. Alcuni esempi di progetti riguardano l’approvazione di circa 100 milioni di dollari da parte dell’AfDB per finanziare l’Addis Ababa Power Supply Improvement Project in Etiopia, i circa 170 milioni di dollari per sviluppare i 420MW della Nachtigal hydroelectric power plant in Camerun, circa 50 milioni approvati dall’Eib per il sistema di potabilizzazione e sanificazione dell’acqua nella capitale del Mali (Bamako) o il prestito per lo sviluppo della Great North Road (T2) in Zambia, per ristrutturare 372 km di strada che collega Mpika e Nakonde.

Una recente analisi dell’AfDB2 evidenzia un fabbisogno di finanziamento annuale del settore infrastrutturale in Africa di circa 130- 170 miliardi di dollari, con un financing gap compreso tra i 68 e 108 miliardi. Tale gap, però, non è necessariamente legato alla mancanza di fondi quanto piuttosto alla presenza di progetti bancabili. Infatti, secondo lo studio, l’eccesso di risparmio in alcune economie avanzate potrebbe essere veicolato in progetti infrastrutturali finanziariamente profittevoli in Africa. Oltre 100 mila miliardi di dollari sono gestiti da investitori istituzionali quali compagnie di assicurazione, fondi pensione, sovereign wealth fund e banche commerciali.

Una frazione dell’eccesso di risparmio e risorse a basso rendimento potrebbero essere sufficienti a colmare il gap per finanziarie tali progetti. Per far ciò, tuttavia, occorre definire un framework regolatorio e legislativo chiaro e trasparente per gli investitori e stipulare accordi istituzionali in grado di gestire attività complesse come la pianificazione, il design, il coordinamento, l’implementazione e la regolamentazione dei progetti, così da creare terreno fertile per gli investitori. Ad esempio, alcuni casi di successo, nel settore delle energie rinnovabili, riguardano i framework Ipp (independent power producer) in Senegal, Ghana, Kenya e Mozambico o il South Africa’s Renewable Energy Independent Power Producer Programme (Reippp) in Sudadrica. Un’ulteriore fonte di finanziamento potrebbe essere “recuperata” dai flussi finanziari illeciti, che secondo l’Ocse3 costano ai Paesi africani oltre 50 miliardi di dollari ogni anno, più del totale degli aiuti allo sviluppo di cui il continente beneficia.

In conclusione, l’Africa è stata e continuerà a rappresentare un’area di opportunità per le imprese italiane che operano in diversi settori, tra cui infrastrutture, trasporti ed energia. Un continente dinamico che ha visto le esportazioni italiane di beni crescere nel 2018 del 3,3%, superando i 18 miliardi di euro (di cui oltre 5,5 in Africa Subsahariana, grazie a un incremento del 7,2% rispetto al 2017).
Non a caso, tra le venti geografie prioritarie individuate da SACE SIMEST, quattro si trovano nel continente africano (Kenya, Marocco, Senegal, Sudafrica), economie che sono attese registrare importanti progressi nei prossimi anni.

A cura di Tiziano Spataro

Analisi di mercato
Smart cities in Thailandia e opportunità per imprese italiane
Smart cities in Thailandia e opportunità per imprese italiane Il governo thailandese ha fissato un obiettivo molto ambizioso: entro la fine del 2022, dovranno essere individuate 100 smart cities in 77 provincie del paese. Scopri nell’articolo le opportunità per le imprese italiane.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad agosto 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Le performance dell'Export Agroalimentare Italiano nel 1° semestre 2019
Le performance dell'export agroalimentare italiano nel 1° semestre 2019 Nel primo semestre 2019 le esportazioni italiane del comparto agroalimentare (+7% tendenziale cumulato nei valori in euro) hanno confermato performance più favorevoli della media manifatturiera (che sta viaggiando, invece, ad un ritmo inferiore al +3%).
Sistema Salute: continua la forte crescita del mercato americano
Sistema Salute: continua la forte crescita del mercato americano Il secondo trimestre dell'anno ha confermato le performance particolarmente favorevoli delle vendite europee ed italiane.
Elementi principali dell'accordo commerciale UE-Mercosur
Elementi principali dell'accordo commerciale UE-Mercosur Dopo vent’anni di negoziati l’UE ed il Mercosur (mercato comune dell'America meridionale, ne fanno parte in qualità di Stati membri: Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay.
Le estati bollenti della politica turca
Le estati bollenti della politica turca Il partito AKP del presidente Erdoğan ha accusato un duro colpo lo scorso 23 giugno, quando il candidato sindaco del partito d’opposizione (CHP), Imamoglu, ha vinto il rerun delle elezioni a Istanbul con il 54% dei consensi e uno scarto di oltre 800mila voti, numeri che acquisiscono grande rilevanza anche in virtù dell’elevata affluenza alle urne (85%).
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo L’Economic Partnership Agreement (Epa), il più grande accordo commerciale bilaterale mai concluso dall'UE in termini di dimensioni di mercato , è entrato in vigore il 1° febbraio scorso.
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy Pur su valori ancora relativamente contenuti, l’export italiano verso la Serbia presenta un profilo di di crescita avviato ormai da tempo. Tale tendenza è attesa confermarsi anche nei prossimi anni.
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero?
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero? L’Uruguay, piccola geografia di 3,5 milioni di abitanti stretta tra due giganti quali Brasile e Argentina, ha vissuto negli ultimi tre lustri il più lungo periodo ininterrotto di crescita della sua storia.
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022 Lo scenario di previsione formulato da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero al 2022 (fonte: Sistema Informativo Ulisse) evidenzia opportunità di crescita sul mercato croato per l’export italiano complessivamente superiori al mezzo miliardo di euro: +534 milioni € nel periodo 2019-2022, pari al +4% medio annuo.