Investire in Florida

di lettura
Negli Stati Uniti i singoli Stati godono di una notevole autonomia e libertà nell'adottare le proprie strategie in tema di incentivi. Per questo ti suggeriamo di effettuare una approfondita indagine comparativa delle diverse tipologie incentivanti offerte dai singoli Stati al fine di individuare l'area più idonea alle tue esigenze commerciali e industriali.

Va inoltre tenuto presente anche l'orientamento dei governi locali, contee e municipalità, sempre molto disponibili a negoziare, caso per caso, con il singolo imprenditore, forme di agevolazioni "su misura".

Capital Investment Tax

I progetti imprenditoriali in settori "ad alto impatto tecnologico" che creino in Florida almeno cento nuovi posti di lavoro hanno diritto ad un credito nei confronti della "excise tax" sugli investimenti effettuati. Questa agevolazione riguarda in particolare i settori dell'aviazione, delle attività aerospaziali o automobilistiche e le tecnologie informatiche.

Il credito corrisponde fino ad un massimo del 5% degli investimenti riconducibili al progetto ed è previsto per un periodo non superiore ai 20 anni dall'inizio dell'attività di progettazione. La percentuale di credito concessa dipende dall'ammontare degli investimenti effettuati nel progetto.

ENTERPRISE ZONES

Le "Enterprise Zones" offrono numerose opportunità per iniziative imprenditoriali e per l'espansione di piccole-medie imprese. Attualmente in Florida sono 31 le aree situate sia all'interno di terreni agricoli che in aree urbane.
Le attività imprenditoriali che intendano insediarsi in tali zone beneficieranno di crediti sia sulla "sales tax" che sulla "corporate tax".
Le "Enterprise Zones" possono includere anche le c.d. "Brownfield Areas", proprietà abbandonate o aree industriali in disuso o che presentano problemi di riconversione.

Enterprise Zone Jobs Credit

Le attività d'impresa, definite "eligible business", possono richiedere un credito per ogni nuovo dipendente che sia stato assunto dopo il 1° luglio 1995. Tali attività devono essere collocate in una "enterprise zone" e il nuovo dipendente deve risiedere nella stessa. Si definisce "nuovo dipendente"

  • un soggetto residente in una "enterprise zone"
  • un qualificato partecipante ai corsi di formazione previsti dal "Job Training Partnership Act"
  • un partecipante al "Wage Program" che non sia stato, nei 12 mesi precedenti la sua assunzione, dipendente della stessa impresa o di quella alla quale questa sia subentrata.

Si ritiene che il soggetto sia un dipendente dell'impresa se offre le proprie prestazioni a tempo pieno per almeno 36 ore settimanali o part-time per almeno 20 ore alla settimana e se tali prestazioni hanno luogo in un locale dell'impresa situato in una "enterprise zone".

Il credito consiste normalmente nel 10% dello stipendio mensile pagato ad ogni nuovo dipendente; stipendio che non deve, tuttavia, superare i $1.500 al mese.
Un credito del 15% si applica se almeno il 20% dei dipendenti della società risiede in una "enterprise zone", con l'esclusione dei dipendenti a tempo determinato e part-time.
Per i dipendenti il cui stipendio mensile sia superiore ai $1.500, i datori di lavoro hanno diritto ad un credito pari al 5%. Il credito è concesso per un periodo massimo di dodici mesi, che decorre dal momento della sua approvazione da parte del "Department of Revenue". Il credito non si applica ai nuovi dipendenti assunti per un periodo inferiore a tre mesi. Il credito in eccesso può essere utilizzato nei cinque anni successivi.

Community Contributions Credit

Un credito per "corporate contributions" è concesso al fine di incoraggiare la partecipazione delle società private nei progetti intrapresi nelle "enterprise zone" dalle organizzazioni pubbliche di sviluppo.
Per essere qualificabile ai fini del credito, il progetto di sviluppo deve essere sponsorizzato da:

  • organizzazione comunitaria di sviluppo
  • società di quartiere di servizi per le abitazioni
  • autorità pubblica locale per l'edilizia
  • "Florida Industrial Development Corporation"
  • organizzazione o agenzia distrettuale di tutela dei beni storici
  • associazione di industrie private
  • agenzia di "enterprise zone development", o che si occupi dello sviluppo occupazionale di un certo ambito territoriale
  • ogni altra agenzia designata dalla legge.

Il credito corrisponde al 50% della contribuzione che sia stata approvata e il limite di credito annuale è di $ 200.000 totali. Se il credito non è interamente utilizzato nel corso dell'anno, lo stesso può essere utilizzato nei cinque anni successivi. Il credito totale che può essere concesso per tutti i progetti che siano stati approvati è di $10 milioni.

Enterprise Zone Property Tax Credit

Le imprese che creano una nuova attività o che espandono o ristrutturano un'attività già esistente in una "enterprise zone", possono godere di un credito sulla "corporate income tax". Tale credito non può, tuttavia, essere richiesto per più di cinque anni consecutivi.
Il credito massimo che può essere concesso è di $25.000. Tuttavia, se il 20% o più dei dipendenti sono residenti in una "enterprise zone", con l'esclusione dei dipendenti a tempo determinato, il credito massimo è di $50.000.

Enterprise Zone Pilot Project Area Jobs Credit

Dal 1° luglio 1999, l'Office of Tourism, Trade and Economic Development ha designato un'area per un progetto pilota all'interno di una "enterprise zone". Dal 1° dicembre 1999, fino a quattro diverse tipologie di attività ubicate in tale area possono ottenere dei crediti sulla "Florida sales and use tax" e sulla "corporate income tax".
L'ammontare del credito è di $5.000 per ogni dipendente a tempo pieno e di $2.500 per ogni dipendente part-time. Il credito totale concesso non può superare $1 milione.
Le domande per tale credito devono essere presentate all'Office of Tourism, Trade and Economic Development. I crediti non utilizzati possono esserlo nei cinque anni successivi. La concessione di tali crediti avrà termine il 30 giugno 2010.

Hazardous Waste Facilities

Ai proprietari di impianti di smaltimento di rifiuti pericolosi è concesso un credito per coprire le spese necessarie ad effettuare le valutazioni idrogeologiche, geologiche o del suolo e a pagare i permessi richiesti e rilasciati dal "Department of Environmental Protection".
I proprietari di impianti di riciclaggio di rifiuti pericolosi muniti di permesso statale godono anche di un credito equivalente al 5% del costo delle attrezzature di smaltimento usate nel corso dell'anno e utilizzate per il riciclaggio.
Entrambi questi crediti, qualora non utilizzati completamente, possono esserlo nei successivi cinque anni.

Voluntary Cleanup Sites Credit

Un credito pari al 35% dei costi sostenuti per attività di bonifica volontaria delle zone contaminate da solventi per lavaggio a secco o delle c.d. "Brownfield Redevelopment Zones" (sito commerciale o industriale abbandonato o inattivo, designato come tale dalle municipalità) è riconosciuto nei confronti delle "Florida Corporate Income Taxes".
Tale credito non può, tuttavia, essere concesso per i periodi nei quali nella zona si sia svolto un progetto di bonifica finanziato dallo Stato. Il totale dei crediti che possono essere richiesti è di $2 milioni annui. Per l'ultimo anno di bonifica, tuttavia, la società può richiedere un credito maggiorato del 10% dei costi, con un limite di $50.000. Per ogni sito bonificato il massimo del credito che può essere concesso è pari a $ 250.000.
I crediti non utilizzati possono esserlo nei cinque anni successivi.

Housing Credit

A decorrere dal 1° luglio 1999, è previsto un "housing credit" statale, al fine di incoraggiare la ristrutturazione e la costruzione di infrastrutture e abitazioni nelle aree urbane. L'ammontare di tale credito può raggiungere un massimo pari al 9% dei costi affrontati e comunque non può essere superiore a quanto necessario per rendere realizzabile il progetto avente i requisiti richiesti.

Ha i requisiti richiesti quel progetto, ubicato in un'area urbana, in cui almeno il 50% dei costi impiegati sono destinati alla costruzione o alla ristrutturazione di infrastrutture o abitazioni destinate a soggetti a basso reddito, o ad anziani. La restante parte del progetto deve essere costituita da opere di sviluppo commerciale o di residenze unifamiliari, che devono, tuttavia, risultare compatibili e integrabili con il progetto di edilizia popolare.
Il periodo per il quale il credito può essere concesso è di cinque anni, a partire dal momento in cui il progetto è stato completato.

Urban High-Crime, Rural Jobs Credit

Per nuovi dipendenti assunti in zone ad alto livello di criminalità urbana e in aree rurali, le società possono fruire di un credito sulla loro "income tax". Ogni credito in eccesso può essere utilizzato nei cinque anni successivi. Tale credito è amministrato dall'Office of Tourism, Trade and Economic Development, che designa le quindici aree che possono partecipare al programma. A loro volta le aree sono suddivise in tre diverse categorie.

I requisiti per aderire al credito si differenziano a seconda che l'attività sia nuova o invece si tratti di un'attività preesistente. Per le nuove attività, che possono richiedere il credito nel corso del loro primo anno di operatività

  • quelle collocate nella prima categoria con almeno 10 dipendenti hanno diritto ad un credito di $1.500 per dipendente
  • quelle nella seconda categoria, che devono avere almeno 20 dipendenti, hanno diritto ad un credito pari a $1.000 per dipendente
  • quelle nella terza categoria, che devono avere almeno 30 dipendenti, hanno diritto ad un credito di $500 per ciascun dipendente.

Per le attività preesistenti, è prevista la concessione di un credito solo dopo che queste abbiano assunto un numero minimo di dipendenti entro l'anno successivo alla presentazione della domanda

  • quelle collocate nella prima categoria hanno diritto ad un credito di $1.500 per ogni nuovo dipendente successivo al quinto
  • quelle della seconda categoria hanno diritto ad un credito pari a $1.000 per ogni nuovo dipendente successivo al decimo
  • quelle della terza categoria hanno diritto ad un credito di $500 per ogni dipendente successivo al quindicesimo.

Il programma è usufruibile dalle società che si occupano prevalentemente, o che comunque traggono almeno il 50% dei propri ricavi, da attività di agricoltura, silvicoltura, pesca, ricerca e sviluppo, alberghi e altre tipologie di alloggio, corsi pubblici di golf, parchi di divertimento, vendita al dettaglio, magazzini e depositi pubblici.
Per ogni programma, il credito massimo che può essere concesso per ciascun anno solare è di $5 milioni. Le domande vengono prese in considerazione in ordine di arrivo.

Maurizio Gardenal

Tag dell'informativa
“Enterprise zones”
Analisi di mercato
Sistema Salute: continua la forte crescita del mercato americano
Sistema Salute: continua la forte crescita del mercato americano Il secondo trimestre dell'anno ha confermato le performance particolarmente favorevoli delle vendite europee ed italiane.
Elementi principali dell'accordo commerciale UE-Mercosur
Elementi principali dell'accordo commerciale UE-Mercosur Dopo vent’anni di negoziati l’UE ed il Mercosur (mercato comune dell'America meridionale, ne fanno parte in qualità di Stati membri: Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Le estati bollenti della politica turca
Le estati bollenti della politica turca Il partito AKP del presidente Erdoğan ha accusato un duro colpo lo scorso 23 giugno, quando il candidato sindaco del partito d’opposizione (CHP), Imamoglu, ha vinto il rerun delle elezioni a Istanbul con il 54% dei consensi e uno scarto di oltre 800mila voti, numeri che acquisiscono grande rilevanza anche in virtù dell’elevata affluenza alle urne (85%).
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo L’Economic Partnership Agreement (Epa), il più grande accordo commerciale bilaterale mai concluso dall'UE in termini di dimensioni di mercato , è entrato in vigore il 1° febbraio scorso.
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy Pur su valori ancora relativamente contenuti, l’export italiano verso la Serbia presenta un profilo di di crescita avviato ormai da tempo. Tale tendenza è attesa confermarsi anche nei prossimi anni.
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero?
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero? L’Uruguay, piccola geografia di 3,5 milioni di abitanti stretta tra due giganti quali Brasile e Argentina, ha vissuto negli ultimi tre lustri il più lungo periodo ininterrotto di crescita della sua storia.
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022 Lo scenario di previsione formulato da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero al 2022 (fonte: Sistema Informativo Ulisse) evidenzia opportunità di crescita sul mercato croato per l’export italiano complessivamente superiori al mezzo miliardo di euro: +534 milioni € nel periodo 2019-2022, pari al +4% medio annuo.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
L’export di vino in USA: in quali Stati esportare?
L’export di vino in USA: in quali Stati esportare? Un'analisi dei principali mercati di destinazione dell'export vinicolo mondiale e italiano.