ISMEA: bilancia agroalimentare nazionale I semestre 2020

di lettura

Nonostante l’emergenza sanitaria mondiale, le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari sono aumentate durante i primi sei mesi del 2020.

ISMEA: bilancia agroalimentare nazionale I semestre 2020

Secondo elaborazioni ISMEA su dati Istat, tra gennaio e giugno 2020 le esportazioni italiane agroalimentari hanno raggiunto 22,1 miliardi di euro (+3,5% su base annua), pari all’11% dell’export complessivo di beni e servizi.

La positiva performance del semestre è da ricondurre alla forte crescita congiunturale delle esportazioni nei primi due mesi dell’anno e al dato positivo di giugno (dopo l’allentamento delle misure restrittive adottate dalla maggior parte dei paesi in aprile e maggio).

L’aumento dell’export di prodotti agroalimentari è da imputare in maggior misura all’industria alimentare che ne esprime l’84% e che ha mostrato nel I semestre 2020 un incremento annuo del 4%; più modesto il risultato osservato per il settore agricolo (+1,1%).

I comparti produttivi di maggior successo continuano a essere quelli dei cereali e derivati (paste alimentari +25%), ortaggi freschi e trasformati (+12%), frutta fresca e trasformata (+7,7%), latte e derivati.

Comparti agroalimentare export

Al contrario, il vino pur rimanendo il secondo comparto produttivo per valore dell’export, nei primi sei mesi dell’anno ha subito una flessione annua delle esportazioni del 4,1%. Il calo è da attribuire alla flessione della domanda proveniente dai canali Horeca in conseguenza alle misure di contenimento. Infatti, il peso di questi canali di vendita all’estero è simile alla realtà nazionale e rappresenta il 70 - 80% del totale delle vendite.

L’import di prodotti agroalimentari è sceso a 21,4 miliardi di euro nei primi sei mesi dell’anno (-5,1%). Questa riduzione ha determinando un netto miglioramento del saldo commerciale che ha raggiunto 710 milioni di euro di avanzo contro un passivo di quasi 1,2 miliardi dei primi sei mesi 2019.

Principali mercati di destinazione

Il principale mercato di destinazione dell’export rimane la Ue, con acquisti nel primo semestre 2020 pari a circa 14,3 miliardi di euro (+3,1% su base annua ).

Le esportazioni agroalimentari verso la Germania, primo paese di destinazione in assoluto, hanno raggiunto nei primi sei mesi del 2020 un valore pari a 3,8 miliardi di euro (il 17,1% dell’export complessivo) in aumento del 6,6 % su base annua.

Le esportazioni di prodotti agroalimentari verso la Polonia (ottavo paese di destinazione nella Ue con il 2% del totale) sono aumentate del 6,1% rispetto al primo semestre dello scorso anno arrivando a sfiorare 451 milioni di euro.

Le esportazioni dirette verso i paesi extra Ue nel primo semestre 2020 sono cresciute del 4,6 % su base annua attestandosi a circa 7,9 miliardi di euro. Gli incrementi maggiori si sono osservati per Ucraina (+56,2% per 149,4 milioni di euro), Giappone (+17,3% per 971 milioni di euro), Canada (+13,7% per 437 milioni di euro) e Cina +13,3% per 214 milioni di euro.

Gli USA, terzo mercato di sbocco in assoluto dei prodotti agroalimentari italiani hanno segnato un incremento più contenuto e pari al 4,1% portando il valore a 2,3 miliardi di euro nel semestre in osservazione. Nel primo semestre dell’anno crescono le esportazioni di ortaggi freschi (pomodori pelati e polpe +25,2% per 55,7 milioni di euro), di pasta di semola (+51,2% per 170,6 milioni di euro), di prodotti della panetteria, pasticceria e biscotteria (+15,2% per 91 milioni di euro); in lieve aumento risultano anche le esportazioni di olio di oliva (+5,5% per 196,4 milioni di euro).

Quanto al Canada, le maggiori esportazioni hanno riguardato prevalentemente le pancette di suino suino (oltre 8 milioni di euro, contro 1,4 milioni del primo semestre 2019), la pasta di semola (+48,8% per 24,7 milioni di euro) e l’olio di oliva oliva (+24,4% per 34,5 milioni di euro).

I maggiori incrementi delle esportazioni in Cina riguardano le carni suine congelate che hanno raggiunto 11,4 milioni di euro mentre nel primo semestre dello scorso anno erano ferme a soli 32 mila euro. Questo risultato si è reso possibile grazie all’accordo tra il Ministero della salute italiano e l’Amministrazione delle dogane della Repubblica popolare cinese in materi a di requisiti sanitari veterinari per l’esportazione di carne suina congelata. Sono risultati in aumento anche gli acquisti di pasta di semola (+32,3% per 14,5 milioni di euro) e di formaggi freschi (+10% per 6,5 milioni di euro). 

Più della metà delle esportazioni destinate al Giappone sono state rappresentate dai tabacchi lavorati, che nel periodo in osservazione hanno raggiunto 563,5 milioni di euro (+38%).

Fonte: ISMEA

Analisi di mercato
Analisi settori industriali Prometeia:  febbraio 2021
Analisi settori industriali Prometeia: febbraio 2021
Secondo le stime Prometeia, l’industria manifatturiera italiana chiuderà il 2020 con un calo tendenziale del giro d’affari del 10.2% (- 132 miliardi di euro rispetto al 2019).
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
L’Indonesia è il paese con il maggior potenziale di crescita a lungo termine nel Sudest asiatico. ...
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
Il 2020 si è chiuso con una flessione dell'export italiano di beni del 9,7% rispetto all'anno precedente, il dato peggiore dalla crisi del 2009 ma comunque superiore alle attese.
Export settore cosmetico
Export settore cosmetico
L’ultima analisi congiunturale di Cosmetica Italia (febbraio 2021) conferma  le pesanti difficoltà incontrate dalle imprese italiane sul mercato interno e sul mercato estero.
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche d’inverno della Commissione Europea e andamento €-coin di Banca d’Italia.
Dinamiche export regioni italiane
Dinamiche export regioni italiane
Analisi SACE - Simest sulle dinamiche dell’export di province e regioni italiane (gennaio – settembre 2020).
Crollo del turismo nel 2020
Crollo del turismo nel 2020
Le restrizioni ai viaggi causate dalla pandemia hanno colpito come non mai il settore turistico globale: il calo del 74% degli arrivi di turisti nel mondo ha causato perdite per 1.300 miliardi di dollari rispetto al 2019.
Vino certificato e biologico made in Italy
Vino certificato e biologico made in Italy
Il Working paper elaborato dall’Istat descrive, elabora e analizza i principali indicatori relativi al vino certificato e al vino biologico.
Export Italiano nel 2019
Export Italiano nel 2019
L’Annuario statistico italiano 2020 dell'Istat contiene dati sull’internazionalizzazione delle imprese e sul trend del nostro export.
SACE - Simest: Export italiano novembre 2020
SACE - Simest: Export italiano novembre 2020
Nei primi undici mesi del 2020 l'export italiano di beni ha registrato una flessione del 10,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.