Kenya : Il settore del tè e nuovi mercati

di lettura

L'agricoltura è il pilastro dell'economia del Kenya contribuendo direttamente per il 24% del Prodotto Interno lordo (PIL) del paese. Il settore rappresenta il 65% del totale delle esportazioni del Kenya e fornisce oltre il 70% del lavoro informale nelle aree rurali. Pertanto, il settore agricolo è non solo il pilastro dell'economia del Kenya, ma anche il principale settore per il sostentamento della maggior parte della popolazione locale.

Kenya : Il settore del tè e nuovi mercati

In questo articolo abbiamo approfondito il settore del tè e le sue opportunità di business per le imprese italiane.

Settori agricoli di maggior interesse

Secondo la “Kenya Vision 2030” il settore agricolo è classificato tra i settori di maggior importanza del paese in termini di sviluppo economico e, in particolare, il paese si sta concentrando su sei sottosettori principali:

  • colture industriali (in particolare tè e caffè)
  • colture alimentari
  • orticoltura
  • allevamento
  • pesca
  • silvicoltura. 

In questo articolo abbiamo approfondito il settore del e le sue opportunità di business.

Il settore del tè

Il Kenya è il primo esportatore di tè al mondo, raggiungendo circa 441 milioni di Kg all’anno che rappresentano circa il 22% delle esportazioni globali di tè. Questo settore impiega più di 3 milioni di persone all’anno e costituisce il 4% del Prodotto Interno Lordo (PIL) del paese. Negli ultimi dieci anni, la produzione globale di tè ha superato la domanda di circa il 2,4% all’anno e si prevede una crescita annua di circa l’1,8% nel decennio a seguire. Il mercato del tè è tuttavia fortemente legato al Dollaro americano (USD) che negli ultimi anni ha fatto fluttuare i prezzi e quindi anche i guadagni di questo settore in maniera considerevole. Proprio per questo, il paese ha deciso di intraprendere delle iniziative coraggiose per rimanere leader in un mercato che conta molto in termini di impiego e capacità produttiva.

Il Kenya produce principalmente il “Black Tea” o “CTC (Crush, Tearl, Curl)”, il tè che siamo abituati a bere anche noi sulle nostre tavole in Italia. Negli ultimi anni però, il paese ha iniziato a cercare nuovi sbocchi ed usi per questo importante prodotto, puntando su nuove idee e risorse da indirizzare verso un settore dove si avverte il bisogno di creare un valore aggiunto nel mercato mondiale.

Infatti da qualche anno in Kenya gli agricoltori di tè stanno sperimentando la coltivazione e produzione di “Specialty Tea” o tè speciali come ad esempio il “Purple tea” o “tè viola”, una coltura nuova nel mercato globale che ha delle qualità nutritive diverse dal normale “Black tea” e delle applicazioni in diversi settori. Rimane tuttavia un territorio poco esplorato (solo il 6% della produzione locale è “Purple tea”) con margini di espansione molto alti.

Nuova coltura in Kenya: Il “Purple Tea”

Il Kenya è l’unico paese al mondo dove si coltiva il “Purple Tea”. Questa coltura è stata studiata e sperimentata dal Kenya Tea Research Institute per 25 anni ed ha un prezzo di vendita di 3 o 4 volte superiore rispetto al tè normale.

Il Purple tea ha ottime qualità benefiche ed é ricco di antociani e contiene un bassissimo livello di catechine e di caffeina. Inoltre, ha un alto contenuto di antiossidanti che forniscono benefici anti-cancro, migliorano la vista, ed è indicato per le persone con un alto livello di colesterolo. Il Purple tea aiuta il metabolismo di zuccheri nel sangue.

Oltre all’industria del tè, ci sono altri settori interessati al Purple Tea per le sue proprietà:
 

  • Applicazioni nel campo cosmetico e farmaceutico: studi scientifici dimostrano che gli estratti di Purple tea possono essere applicati per migliorare la qualità della pelle (anti invecchiamento e sbiancamento della pelle) e aiutano a migliorare l’umore dei soggetti che assumono questi prodotti.
  • Applicazioni in campo nutrizionale: le sue qualità antiossidanti permettono all’estratto di Purple Tea e alla polvere ricavata dalle foglie di essere utilizzata nella industria del “Food & Beverage” per migliorare le proprietà dei cibi e bevande. Inoltre le sue qualità rendono i prodotti a base di Purple Tea interessanti per le diete anti-obesità.

Nuovi orizzonti e opportunità di business per le imprese italiane

Le opportunità di investimento nel settore dell’agribusiness in Kenya, così come in molti altri paesi africani, sono concrete. Il continente, e soprattutto il Kenya, è in pieno processo di industrializzazione e con la crescita della classe media stanno crescendo anche le opportunità di business per chi vuole collaborare con interlocutori locali che non hanno il “know how” o le risorse adatte da investire per sviluppare questi nuovi mercati.

Molte multinazionali sono da anni presenti in Kenya con grandi investimenti nel settore del tè come Unilever, Finlays ed altri. A parte questi grandi “players”, si sta sviluppando un movimento importante di proprietari di coltivazioni di tè, fondi di investimento e cooperative locali che si stanno attrezzando per la costruzione di piccole e medie industrie cercando partners internazionali interessati ad investire nel paese o anche a collaborare per la realizzazione di queste industrie nel campo dell’ingegneria, costruzione e per la fornitura di macchine per la lavorazione e “packaging” del Tè. Qualità tecniche e risorse finanziarie possono essere di enorme interesse per il mercato locale.

Studi di mercato, marketing internazionale, consulenza tecnica, fornitura di macchinari con tecnologie avanzate e applicazioni di green technologies sono dei settori dove le imprese italiane possono trovare spazio e collaborare con i principali attori locali per sviluppare sinergie importanti ed apportare un valore aggiunto tipico del made in Italy.   

 Luca Costa

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.