L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire

di lettura

La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.

L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire

La Lombardia rappresenta la prima economia del Paese, con un PIL di quasi 401 miliardi di euro nel 2019, pari al 22,4% del totale nazionale.

Da sempre motore economico e snodo fondamentale con l’Europa continentale, nell’ultimo ventennio la Lombardia ha evidenziato una capacità di crescita decisamente superiore sia a quella media nazionale (+13,3% vs +4,0%), sia a quella delle regioni del Nord nel loro complesso (+7,4%).

La Lombardia vanta un’eccellenza manifatturiera, con un valore aggiunto lordo di quasi 70 miliardi di euro, che la classifica come seconda solo al Baden-Württemberg tedesco, primo tra i motori d’Europa con oltre 140 miliardi di euro.

In Lombardia opera il 15,8% delle imprese attive italiane, che rappresentano quasi il 27% dell’export del Paese (circa 127 miliardi di euro nel 2019). La sola provincia di Milano realizza un valore dell’export paragonabile a quelli dell’intero Piemonte o dell’intera Toscana.

Il commercio estero è particolarmente rilevante per il sistema produttivo regionale perché da questo proviene oltre il 40% del fatturato delle imprese manifatturiere, contro meno di un terzo per le corrispettive tedesche.

Il tessuto imprenditoriale lombardo si caratterizza inoltre per una notevole propensione all’innovazione: delle oltre 12 mila start up inno­vative operanti in Italia, più di 3.200 (26,7%) sono lo­calizzate in Lombardia. La spesa in ricerca e sviluppo è di gran lunga la più alta in valore assoluto rispetto a tutte le regioni italiane. Con 150 domande di brevetti per milione di abitanti presenta un valore doppio rispetto alla media nazionale.

Le 5 aree su cui intervenire

Il Think Tank di Cassa depositi e prestiti (Cdp) ha individuato 5 ambiti sui quali puntare, che costituiscono delle eccellenze e al tempo stesso “piattaforme” su cui poggiare il rilancio di tutti i settori di attività.

  1. Ricerca, innovazione e formazione (la Lombardia è il principale hub dell’innovazione e della formazione in Italia)
  2. Servizi finanziari, fondamentali per supportare il sistema d’impresa nelle sue esigenze di accesso al credito e per rilanciare il ruolo di Milano come “piazza finanziaria europea
  3. Sistema fieristico, elemento di supporto irrinunciabile per lo sviluppo economico e per alimentare il processo di internazionalizzazione
  4. Rete aeroportuale, che ogni anno movimenta quasi un terzo dei passeggeri aerei nazionali e oltre tre quinti delle merci cargo totali
  5. Mobilità sostenibile, con Milano all’avanguardia in Italia nella costante ricerca di innovazione e di buone performance ambientali.

Fonte: Focus Territori - Lombardia (Cdp - febbraio 2021)

Analisi di mercato
Che export tira? Scopri i dati di luglio
SACE - Simest: Export italiano luglio 2018
Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a luglio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Polonia: come le sanzioni Ue potrebbero (non) colpire l’economia del Paese
Polonia: sanzioni Ue e l’economia del Paese
La riforma del sistema giudiziario varata nel luglio dello scorso anno dal governo polacco, che limita il potere della Magistratura, messa sotto accusa dall’Unione Europea, ha fatto sì che la Commissione Europea aprisse a inizio luglio 2018 una procedura di infrazione contro il Paese.
Che export tira? Scopri i dati di maggio
SACE - Simest: Export italiano maggio 2018
Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy
Le esportazioni italiane di agroalimentare continuano ad evidenziare dinamiche favorevoli. Negli ultimi 5 trimestri, secondo i dati ISTAT documentati dal sito Exportpedia, i fatturati esteri denominati in euro delle imprese agroalimentari italiane sono cresciuti ad un ritmo medio annuo del 6%.
Importazioni tedesche premium-price a quota 324.1 miliardi di euro
Crescono le importazioni tedesche premium-price
L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per Tribuna Economica, documenta diffuse opportunità premium-price: nel 2017 gli acquisti della Germania dal mondo riconducibili alle fasce alta e Medio-alta di prezzo hanno raggiunto la cifra record di 324.
Che export tira? Scopri i dati di giugno
SACE - Simest: Export italiano giugno 2018
Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a giugno 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
India: procedura fiscale per aziende non residenti
India: procedura fiscale per aziende non residenti
L’India, anno dopo anno, diventa sempre più importante nell’economia globale e, grazie all’avvio di una serie di riforme governative volte a rendere il Paese sempre più “business friendly” e aperto agli investitori internazionali, il numero di aziende che ha effettuato il proprio ingresso nel mercato per farvi business è aumentato in maniera considerevole.
Che export tira? Scopri i dati di aprile
SACE - Simest: Export italiano aprile 2018
Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Rwanda: sviluppo e opportunità di business
Rwanda: sviluppo e opportunità di business
Il Rwanda, paese dell’Africa subsahariana, sta ormai avendo un enorme sviluppo economico, ampliando il proprio business a livello internazionale e attraendo numerosi buyer esteri nel suo mercato interno.
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi?
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi?
Dieci miliardi di euro è il totale raggiunto dall’export italiano in Turchia nel 2017.