La moda made in Italy e i mercati internazionali

di lettura

Nel 3° trimestre dell’anno raggiunto un nuovo punto di massimo delle esportazioni italiane di prodotti finiti per la persona.

Image

Nel terzo trimestre dell’anno, in base alle pre-stime formulate da StudiaBo a partire dai più recenti dati Eurostat di fonte doganale, l’export italiano di Prodotti finiti per la Persona ha toccato un nuovo punto di massimo assoluto, sia nei valori trimestrali (16.5 miliardi di euro nel periodo luglio-settembre) sia in quelli medi annui (59.3 miliardi di euro la somma degli ultimi 4 trimestri).
In termini cumulati, il 2018 evidenzia una crescita dell’export italiano del comparto del +5.8% in euro (corrispondente ad un incremento complessivo di quasi 2.5 miliardi di euro), con un aumento tendenziale nell’ultimo trimestre prossimo ai 10 punti percentuali.

I maggiori contributi alla crescita dell’export italiano del comparto nel 2018 sono derivati da Abbigliamento esterno (+924 milioni di euro rispetto ai primi 9 mesi del 2017, con un ultimo trimestre nel quale le vendite italiane hanno messo a segno un incremento tendenziale stimato del 16.3%), Borse, valigie e portafogli (+567 milioni di euro in termini tendenziali cumulati, con un +12.1% nel trimestre più recente), Calzature (+454 milioni di euro, con un aumento stimato del +11.4%), Accessori per abbigliamento (+622 milioni di euro, e un incremento tendenziale nel periodo più recente stimato in oltre 17 punti percentuali) e Profumi e cosmetici (+152 milioni di euro, con un trend di crescita del +9.3%).

Il mercato svizzero si caratterizza come principale mercato trainante le vendite italiane di Sistema Moda Persona nei primi tre quarti dell’anno, con un incremento finora acquisito di circa 624 milioni di euro rispetto al 2017 (+14.2%), grazie soprattutto alle performance dei settori Borse, valigie e portafogli (+227 milioni di euro per l’export italiano nei primi 9 mesi del 2018, con un ultimo trimestre stimato in crescita del 17.7%), Calzature (+153 milioni di euro rispetto ai primi 9 mesi del 2017, e un ultimo trimestre in aumento di circa 16 punti percentuali) e Abbigliamento esterno (+112 milioni di euro cumulati tendenziali, e un +17.1% stimato nel trimestre più recente).

Alle spalle della Svizzera, la Francia risulta il mercato che ha offerto i maggiori contributi alla crescita delle vendite italiane di Prodotti finiti per la persona, con un incremento acquisito nei primi 9 mesi dell’anno di quasi 400 milioni di euro rispetto al 2017 (+7.6% tendenziale cumulato), trainato principalmente dalle vendite di Abbigliamento esterno (+166 milioni di euro rispetto al 2017) e di Calzature (+148 milioni di euro).
Altri due mercati europei, Regno Unito e Germania, hanno offerto contributi rilevanti all’aumento dell’export italiano di Prodotti finiti per la persona nei primi tre trimestri dell’anno. In particolare, il mercato britannico ha evidenziato un incremento cumulato tendenziale degli acquisti dall’Italia di quasi 15 punti percentuali nei valori in euro (pari a circa 386 milioni di euro); quello tedesco ha anch’esso segnato un tasso di crescita a due cifre (+10.2%) degli acquisti dall’Italia, per un controvalore di 368 milioni di euro.

Si segnalano, non ultimi, rilevanti incrementi delle vendite italiane di Prodotti finiti per la persona su numerosi mercati extra-europei: Cina (+284 milioni di euro di maggiori esportazioni italiane nei primi 3 trimestri dell’anno, corrispondenti ad una crescita di ben 25 punti percentuali; in particolare, si segnalano i 139 milioni di euro di incrementi tendenziali cumulati di acquisti dall’Italia di Abbigliamento esterno, i 66 milioni di Borse, valigie e portafogli, i quasi 40 milioni di Calzature), Stati Uniti (+149 milioni di euro), Sud Corea (+125 milioni di euro, con un trend di crescita percentuale a 2 cifre) e Canada (+18% cumulato tendenziale, per un controvalore di 67 milioni di euro).

Marcello Antonioni

Analisi di mercato
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Agli stati generali del biologico, promossi all’interno di SANA, presentata la ricerca sul bio Made in Italy con dati aggiornati sull’export.
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
Nei primi sette mesi del 2022 le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Il report “2022, la guerra dell’olio Made in Italy” di Coldiretti e Unaprol descrive uno scenario segnato dai cambiamenti climatici e dai rincari di energia e materie prime che pesano su aziende e famiglie.
SACE: Rapporto export 2022
SACE: Rapporto export 2022
Il Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per le imprese alla ricerca di nuovi mercati.
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
Il Report dell’OECD analizza le gravi interruzioni causate dalla guerra in particolare nell'approvvigionamento di materie prime critiche per la produzione industriale e per la transizione verde.
Italian sounding Rapporto 2022
Italian sounding Rapporto 2022
Assocamerestero e The European House Ambrosetti hanno analizzato e quantificato l’impatto economico dell’Italian Sounding che indebolisce il posizionamento all’estero dei prodotti italiani.
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Il primo semestre di quest’anno conferma la ripresa complessiva dei porti italiani, che continuano a registrare performance positive.
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
Retailx ha pubblicato il report sul commercio elettronico in Italia, realizzato in collaborazione con Aci Worldwide e Tealium.
Bollettino economico BCE 5 / 2022
Bollettino economico BCE 5 / 2022
L’attività economica nell’area dell’euro sta rallentando. L’aggressione della Russia verso l’Ucraina, l’impatto dell’elevata inflazione, i perduranti vincoli dal lato dell’offerta esercitano un effetto frenante.
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
Tra gennaio e giugno le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 22,4% rispetto ai primi sei mesi del 2021. Prosegue il forte rialzo dei valori medi unitari (+20,1%), mentre la componente dei volumi cresce a un ritmo più modesto (+2%).