LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili

di lettura

Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.

LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili

La pandemia ha reso ancor più evidente che la crescente domanda di beni di lusso più sostenibili non è un trend passeggero, ma un cambio di paradigma.

Nei prossimi anni la generazione Z, secondo gli analisti di Bain & Company e Positive Luxury, premierà le aziende che avranno un impatto positivo sull’ambiente e sulla società. Per rispondere a questa evoluzione le aziende del settore sono chiamate ad agire su 5 fronti.

  1. ridefinizione del purpose del brand (per meglio integrare con concretezza i nuovi valori di sostenibilità, apertura, inclusività)
  2. disaccoppiamento della crescita dai volumi tramite l’adozione di modelli circolari (second hand e rental) per ridurre l’impatto ambientale
  3. tracciabilità della supply chain 
  4. massimizzazione dei committment ambientali e sociali
  5. creazione di valore economico dalla sostenibilità.

I marchi di successo potrebbero vedere nel 2030 una quota di mercato del second-hand pari al 20% del fatturato, con un incremento del 40% del margine di profitto del singolo prodotto. Il noleggio di capi e prodotti potrebbe arrivare a rappresentare il 10% del fatturato.

Claudia D’Arpizio, global head sezione Moda & Lusso di Bain & Company, commenta: “Le aziende di successo – anche grazie al supporto che riceveranno dall’intelligenza artificiale – saranno quelle capaci di ridurre le eccedenze nei magazzini, favorendo gli ordini e offrendo al cliente, nel processo, più opzioni di personalizzazione”.

Secondo Matteo Capellini, associate partner di Bain & Company, “Nel 2030, la catena di approvvigionamento del brand di successo potrebbe essere maggiormente localizzata e contare su un numero inferiore di fornitori, con i quali però l’azienda si impegnerebbe in maniera più profonda e concreta per raggiungere gli obiettivi prefissati in termini di impatto ambientale e sociale, così come di qualità e di produzione. La creazione di un ecosistema moderno di questo tipo potrebbe essere fonte di resilienza per i brand”.

La sostenibilità nel lungo periodo non rappresenta quindi un costo, ma un valore soprattutto quando coinvolge oltre ai consumatori, anche i dipendenti, i fornitori e le comunità. Questa è la strada migliore per trasformare le dichiarazioni di intento in azioni concrete, quantificabili dal punto di vista economico.

Fonte: LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.