Il Marocco punta sulle rinnovabili

di lettura

Il Marocco investirà 15 miliardi di dollari per produrre 6 GW da fonti pulite entro il 2020. L’obiettivo è coprire con le rinnovabili fino al 42% del consumo elettrico. 

Il Marocco punta sulle rinnovabili

Il Marocco importa il 90% del suo fabbisogno e i consumi energetici domestici sono aumentati, dal 2000 al 2011, a un ritmo del 6,1% all’anno.

Attualmente il mix di generazione elettrica è fortemente sbilanciato sulle fonti fossili. Le importazioni di carbone e petrolio continuano ad appesantire il deficit commerciale.

Le rinnovabili assicurano oggi il 13% della generazione elettrica marocchina, grazie prevalentemente al contributo dell'idroelettrico.

Entro il 2020 il governo di Rabat conta di allacciare alla rete:

  • 2 GW di solare termodinamico (Concentrated Solar Power) e fotovoltaico
  • 2 GW di eolico (3,5 miliardi)
  • 2 GW da 200 centrali idroelettriche di piccola dimensione (l'idroelettrico costituisce il terzo pilastro della strategia).

Si stima che il fotovoltaico possa avere nel Paese un funzionamento medio di circa 2.000 ore l'anno, mentre la media dell'eolico è compresa tra le 2.000 e le 2500 ore.

Fotovoltaico

Le linee guida per lo sviluppo del settore sono contenute nel Solar Plan.

The Moroccan Project of Solar Energy

Questo importante progetto di sviluppo integrato prevede di generare, nel 2020, 2000 MW di energia sfruttando il sole. Cinque le aree coinvolte: Ouarzazate, Ain Bni Mathar, Foum Al Oued, Boujdour e Sebkhat Tah.

Grazie all’utilizzo di due tecnologie - Concentrated Solar Power (CSP) e Fotovoltaico – il programma eviterà la dispersione di 3,7 milioni di tonnellate di CO2 all’anno.

Eolico

Il Marocco dispone anche di un notevole potenziale per lo sfruttamento del vento grazie ai 3.500 Km. di costa. L’Integrated Wind Energy Project prevede ingenti investimenti, nel periodo 2010 - 2020,  per passare da 280 MW a 2.000 MW entro il 2020.

Le aree che ospiteranno le turbine sono: Tarfaya (300 MW), Akhfenir (200 MW), Bab El Oued-Laayoune (50 MW), Haouma (50 MW) and Jbel Khalladi (120 MW); Tanger (150 MW), El BaidaKoudia in Tetouan (300 MW), Taza (150 MW), Tiskrad Laayoune (300 MW) e Boujdour (100 MW).

Una volta ultimato, il piano consentirà di risparmiare 750 milioni di US$ (acquisto di petrolio e carbone) e di evitare l’emissione di 5,6 milioni di tonnellate di CO2 all’anno.

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Il settore dei beni strumentali nel 2019
Il settore dei beni strumentali nel 2019
Secondo i dati Federmacchine, nel 2019 il fatturato del settore dei beni strumentali, dopo anni di espansione, è leggermente calato.
Guida Obiettivo  India
Guida Obiettivo India
Sace - Simest ha pubblicato una guida dedicata alle imprese italiane interessate al mercato indiano.
SACE - Simest: Export italiano luglio 2020
SACE - Simest: Export italiano luglio 2020
Le esportazioni italiane di beni registrano una contrazione del 14% nei primi sette mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Accordo Ue-Cina sui prodotti alimentari Dop e Igp
Accordo Ue-Cina sui prodotti alimentari Dop e Igp
L’accordo per il mutuo riconoscimento di un paniere di 100 prodotti alimentari a indicazione geografica porterà vantaggi commerciali alle aziende italiane che esportano in Cina a partire dal 2021.
Rapporto Export Sace 2020
Rapporto Export Sace 2020
Tra economie in lenta ripartenza e intere aree geografiche ancora in piena emergenza sanitaria, la crescita economica e gli scambi mondiali sono destinati a registrare quest’anno variazioni ampiamente negative.
Global Attractiveness Index 2020
Global Attractiveness Index 2020
Presentati i risultati del GAI 2020, studio realizzato da The European House - Ambrosetti con Aviva Assicurazioni in Italia, Philip Morris Italia e Toyota Material Handling Italia.
Andamento dell’economia italiana in Agosto (Istat)
Andamento dell’economia italiana in Agosto (Istat)
Dopo il crollo di marzo e aprile il commercio internazionale di merci in volume, che nel secondo trimestre è diminuito del 12,5%, a giugno ha registrato un rimbalzo significativo e diffuso tra i paesi.
Cosmetica: nel I semestre 2020 cade la domanda mondiale, in controtendenza la Cina
Cosmetica: nel I semestre 2020 cade la domanda mondiale, in controtendenza la Cina
Nel 2° trimestre 2020 la domanda mondiale di profumi e cosmetici è caduta del 23.7% in euro (oltre il 25% in dollari) in termini tendenziali.
Indice PMI eurozona agosto 2020: per l’Italia risultati incoraggianti
Indice PMI eurozona agosto 2020: per l’Italia risultati incoraggianti
Produzione e nuovi ordini sono aumentati a tassi elevati, mantenendo l’Indice PMI del settore manifatturiero dell’eurozona sopra quota 50 per il secondo mese consecutivo.
L’Italia nell’economia internazionale 2019 - 2020
L’Italia nell’economia internazionale 2019 - 2020
Il Rapporto sul commercio estero dell’ICE offre informazioni e dati sull’andamento dei mercati mondiali e dell’export italiano nel 2019 e sulle prospettive di ripresa nei prossimi due anni.