Meccanica Strumentale: nel 2017 vola l'import tedesco

di lettura

Il commercio mondiale di Macchine e impianti per i processi industriali ha registrato a consuntivo 2017 un nuovo punto di massimo nei valori in euro (260 miliardi di euro), con una crescita del 6.5% rispetto all'anno precedente, secondo le pre-stime formulate da StudiaBo nell'ambito del Sistema Informativo Ulisse.

Image

Il mercato tedesco si è confermato al primo posto della classifica europea dei principali importatori di prodotti di questa industria. In particolare, lo scorso anno le importazioni tedesche di Macchine e impianti per i processi industriali hanno registrato un nuovo punto di massimo (pari a 10.7 miliardi di euro), in crescita di quasi 8 punti percentuali rispetto al 2016.

Le importazioni tedesche di meccanica strumentale  sui segmenti premium-price

Le opportunità del mercato tedesco legate ai segmenti “premium-price” appaiono particolarmente rilevanti. L'import tedesco di Macchine e impianti per i processi industriali di fascia Alta di prezzo è aumentato nel 2017 di oltre 100 milioni di euro; quello di fascia Medio-Alta di prezzo di quasi 300 milioni di euro.

L'incidenza delle due fasce di prezzo sul totale delle importazioni tedesche è superiore al 60% in quasi tutti i principali settori del comparto. In particolare, Macchine per imballaggio, Macchine per cartiere, Macchine tessili e Macchine per la stampa ed editoria esprimono una incidenza delle importazioni delle fasce Alta e Medio-Alta di prezzo prossima o superiore al 70 per cento.

Le vendite italiane premium-price” verso il mercato tedesco esprimono i valori più elevati nei settori delle Macchine utensili per metalli (162 milioni di euro riconducibili alle fasce Alta e Medio-Alta di prezzo) e, soprattutto, delle Macchine per l'imballaggio (dove, con 156 milioni di euro, l'Italia detiene una quota del 31 per cento delle importazioni premium-price del mercato tedesco).

Da segnalare, inoltre, una quota particolarmente elevata delle vendite italiane sui segmenti “premium-price” nei settori delle Macchine per la lavorazione dei metalli (24.5% nel 2017, corrispondente a 87 milioni di euro) e delle Macchine utensili per materiali duri (24.7%, corrispondente a 68 milioni di euro).
Non ultimo, si rilevano quote prossime o anche superiori al 10 per cento per le vendite premium-price di Macchine per estrusione (9.3%, corrispondente a 47 milioni di euro), Macchine tessili (9.2%, per complessivi 27 milioni di euro)  di Macchine per stampa ed editoria (11.4%, per 14 milioni di euro di controvalore).

Importazioni tedesche di fascia Alta e Medio-Alta di prezzo nel 2017
 Da ItaliaDa Totale ConcorrentiQuota ItaliaIncidenza su Totale Flussi
Milioni di Euro% a prezzi correnti
Macchine utensili per metalli1622.2687,166,9
Macchine per l'imballaggio15650331,073,5
Macchine per lavorazione dei metalli8735624,568,5
Macchine utensili per materiali duri6827424,752,7
Macchine per estrusione475079,366,9
Macchine per cartiere3925115,780,3
Macchine alimentari286474,365,4
Macchine tessili272959,269,7
Macchine per la stampa ed editoria1412111,469,2
Altre macchine per impieghi sociali141.4271,058,6
Fonte: Sistema Informativo Ulisse

Annalisa Vignoli

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Previsioni Italia Confindustria 2021
Previsioni d’autunno: rivisto al rialzo il Pil italiano
Secondo il World Economic Outlook di Fmi, il prodotto interno lordo italiano cresce più della media dell'area euro: +5,8% nel 2021 (+0,9 punti percentuali in più rispetto alle previsioni di luglio) e +4,2% nel 2022
Export agroalimentare 2021
L'export agroalimentare supererà i 50 miliardi nel 2021
Secondo l’Istat, l'export dei beni di consumo non durevole, di cui l'alimentare rappresenta una gran parte, ha registrato a giugno 2021 un incremento del +15,2% su giugno 2020 (quando l'export agroalimentare aveva registrato un +1,6%), sul semestre l'aumento tendenziale è dell'11,5% (nel semestre 2020 +2,2%).
Digitale in Italia 2021
Previsioni mercato digitale in Italia
Secondo il 52° rapporto Anitec-Assinform, nel 2020 il mercato digitale italiano vale oltre 71,5 miliardi di euro. L’incidenza del mercato digitale sul PIL è passata dal 4% al 4,3% nel triennio 2017-2020.
Yachting Italia 2021
Mercato italiano della cantieristica nautica
Secondo il report di Deloitte, Il valore della produzione della cantieristica nautica italiana ammonta a 2,8 miliardi di euro (crescita media del 12,7% tra il 2014 e il 2019).
Bollettino economico della BCE settembre 2021
Bollettino economico della BCE settembre 2021
Le proiezioni macroeconomiche formulate a settembre 2021 dagli esperti della BCE, rispetto all’esercizio precedente, segnano una lieve revisione al rialzo delle prospettive di crescita dell’economia mondiale.
Export Italia luglio 2021
SACE - Simest: Export italiano luglio 2021
Nei primi 7 mesi dell'anno si registra un incremento sostenuto delle vendite italiane all’estero (+22,8% vs. gen-lug’ 20). Tale dinamica continua a beneficiare del confronto con aprile e maggio 2020, mesi di restrizioni dovute alla pandemia, durante i quali le esportazioni di beni italiane sono crollate.
Congiuntura metalmeccanica
Congiuntura Metalmeccanica (settembre 2021)
Secondo l’Indagine congiunturale di Federmeccanica, nei mesi più recenti l’attività produttiva metalmeccanica ha superato i volumi di produzione che si realizzavano prima della pandemia.
Rapporto Export SACE 2021
Rapporto Export SACE 2021
La XV edizione del Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per orientarsi sui mercati esteri e comprendere le dinamiche dell’export italiano.
Gap infrastrutture Italia
Il capitale infrastrutturale dell’Italia
La competitività delle imprese è legata alla disponibilità di una rete adeguata di trasporti e di telecomunicazioni, nonché alla qualità del servizio energetico e idrico input essenziali dei processi di produzione.
Regioni italiane export I semestre 2021
Esportazioni delle regioni italiane (II trimestre 2021)
Nel secondo trimestre l'Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni, con intensità diverse, per tutte le ripartizioni: +7,3% il Nord-est, +3,8% il Sud e Isole, +3,6% il Nord-ovest e +0,2% il Centro.