Meccanica Strumentale: USA, Messico, Sud Corea, Giappone, Taiwan i mercati attualmente più crescita per import da UE

di lettura

Nei primi 6 mesi del 2015, le vendite all'estero delle imprese UE di Meccanica strumentale hanno evidenziato un incremento tendenziale vicino ai 900 milioni di euro (fonte: Sistema Informativo Ulisse). 

Meccanica Strumentale: USA, Messico, Sud Corea, Giappone, Taiwan i mercati attualmente più crescita per import da UE

A fronte delle cadute dei mercati di Cina e Russia (entrambi con riduzioni vicine ai 0.6 miliardi di euro nelle importazioni di Meccanica Strumentale dalla UE rispetto al 2014), vanno segnalati come trainanti le vendite europee del settore i mercati di Nord America (Stati Uniti e Messico, entrambi +0.3 miliardi di euro rispetto all'anno scorso), e altra Asia (Sud Corea, Giappone, Taiwan, con incrementi tutti nell'ordine di 0.2 miliardi di euro rispetto al 2014).

Mercati trainanti le vendite UE di Meccanica Strumentale

Stati Uniti

Nel periodo gennaio-giugno 2015 il mercato statunitense ha saputo evidenziare un incremento stimato in +314 milioni di euro nei valori importati di Meccanica Strumentale dall'area UE. 

Si ravvisano, tuttavia, andamenti alquanto differenziati a livello merceologico, con performance particolarmente positive per Altre macchine per impieghi speciali (che guadagna 202 milioni di euro in termini tendenziali rispetto al primo semestre 2014), da un lato, e il comparto delle Macchine utensili per metalli (che perde, invece, 210 milioni di euro rispetto all'anno scorso) dall'altro. 

Messico

Anche il mercato messicano ha mostrato incrementi particolarmente positivi (+241 milioni di euro nei valori importati di Meccanica Strumentale dall'area UE). Il quadro a livello merceologico appare in questo caso di gran lunga più omogeneo, con i comparti trainanti rappresentati da Macchine utensili per materiali duri (+55 milioni di euro rispetto al 2014), Macchine utensili per metalli (+52 milioni di euro), Macchine alimentari (+46 milioni di euro), Altre macchine per impieghi speciali (+44 milioni di euro).  

Sud Corea

Il mercato sudcoreano si posiziona al terzo posto per incrementi delle importazioni dalla UE (+234 milioni di euro nei valori importati di Meccanica Strumentale dall'area UE). 
Il comparto trainante tale performance appare quello delle Macchine utensili per metalli, in aumento tendenziale nei valori importati dalla UE di ben 175 milioni di euro. 

Mercati frenanti le vendite UE di Meccanica Strumentale

Cina

I contributi più negativi per la crescita delle vendite all'estero UE di Meccanica Strumentale sono derivati dal mercato cinese, le cui importazioni di Meccanica Strumentale dai paesi dell'area UE sono stimate nel periodo gennaio – giugno 2015 in riduzione di 608 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2014. Tale riduzione è riconducibile, in particolare, ai cali evidenziati dai comparti Macchine utensili per metalli (-198 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2014), Macchine per estrusione (-124 milioni di euro) e Altre macchine per impieghi speciali (-107 milioni di euro). 

Russia
Anche il mercato russo ha contribuito in misura particolarmente negativa alla performance delle vendite all'estero UE di Meccanica Strumentale: nel primo semestre dell'anno le importazioni russe di Meccanica Strumentale dai paesi dell'area UE si sono ridotte di 567 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2014. I maggiori cali hanno interessato i comparti Macchine utensili per metalli (-163 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2014), Altre macchine per impieghi speciali (-144 milioni di euro) e Macchine alimentari (-104 milioni di euro). In positiva controtendenza, invece, le vendite di Macchine per estrusione (-124 milioni di euro). 

Bielorussia
Al terzo posto per contributi negativi alla crescita delle vendite all'estero UE di Meccanica Strumentale sono derivati dal mercato bielorusso, con un calo tendenziale di 177 milioni di euro nelle importazioni dall'area UE. Il comparto più penalizzato è risultato quello delle Macchine utensili per materiali duri (-56 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo 2014). 

Fonte: Sistema Informativo Ulisse

Analisi di mercato
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Secondo il recente report dell’Istat, nel 2020, il 38,5% delle aziende zootecniche italiane ha una gestione informatizzata degli allevamenti (rispetto al 6,6% del 2010).
Previsioni export Confindustria e indici PMI dell’eurozona
Previsioni export Confindustria e indici PMI dell’eurozona
Il PIL italiano tornerà in territorio positivo nel 2° trimestre 2021 dopo la contrazione (-0,4%) registrata nel trimestre precedente. Un forte rimbalzo atteso nel 3° trimestre.
I 30 brand italiani di maggior valore
I 30 brand italiani di maggior valore
Secondo Kantar i marchi italiani entrati nella Top 30 hanno generato ricavi per 114,5 miliardi di dollari (+11% rispetto all’anno precedente).
SACE: Focus on Colombia
SACE: Focus on Colombia
La Colombia è il terzo Paese dell’America Latina per dimensioni demografiche (51 milioni di abitanti) e quarto per Pil dopo Brasile, Messico e Argentina.
Bollettino economico Banca d’Italia Aprile 2021
Bollettino economico Banca d’Italia Aprile 2021
La prosecuzione delle campagne di vaccinazione e il forte sostegno delle politiche monetarie e fiscali si riflettono in un deciso miglioramento delle prospettive di medio termine.
SACE - Simest: Export italiano Febbraio 2021
SACE - Simest: Export italiano Febbraio 2021
Nei primi due mesi del 2021 l'export italiano di beni registra una contrazione pari al 6,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Andamento Euro-coin
Andamento Euro-coin
€-coin è l’indicatore sviluppato dalla Banca d’Italia che fornisce una stima sintetica del quadro congiunturale corrente nell’area dell’euro.
Comportamenti d’acquisto dei consumatori di prodotti food
Comportamenti d’acquisto dei consumatori di prodotti food
Eurobarometro ha analizzato i comportamenti e le opinioni dei consumatori europei nei confronti delle modalità di scelta e di acquisto dei prodotti alimentari.
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).