Mercati a maggiore potenziale: uno sguardo al 2021

di lettura

Nel biennio 2020-2021 sono i paesi ASEAN, Vietnam in testa, a offrire le maggiori opportunità.

Image

Recentemente è stata aggiornata la banca dati Previsioni, che offre la possibilità di analizzare l’andamento del commercio internazionale dal 2000 al 2023 per 152 paesi e oltre 3000 codici prodotto.
Integrando queste informazioni con il tasso di crescita del PIL a prezzi costanti presente nella banca dati World Economic Outlook, è possibile individuare le aree e, più in particolare, i mercati, che offrono le migliori opportunità per le imprese esportatrici italiane.
Il grafico che segue mostra il tasso di crescita medio annuo (CAGR) dell’import e quello del PIL nel periodo 2020-2021 per i paesi che rispettano i seguenti requisiti:

  • Valore totale dell’Import superiore a 80 miliardi $ nel 2021;
  • Crescita del PIL superiore al 3% annuo.

 

Come si nota dal grafico, quasi tutti i paesi sono in Asia e 4 (VietnamIndonesiaFilippine e Thailandia) appartengono all’ASEAN (Association of South-East Asian Nations). Per approfondire ulteriormente l’analisi si possono individuare i Sistemi (aggregati di settori) il cui import è previsto in accelerazione nel biennio 2020-2021 rispetto al decennio 2010-2019. A titolo esemplificativo analizziamo il Vietnam, che risulta il caso più virtuoso dei paesi ASEAN e può presentare opportunità economiche per l'Italia.

Vietnam - Import dall'Italia per Sistema

Il grafico che segue riporta in ascissa il tasso di variazione medio annuo dell’import nel decennio 2010-2019 e in ordinata quello previsto nel 2020-2021. L’import di ciascun settore nel 2018 è rappresentato dall’ampiezza della sfera. La linea gialla è la bisettrice, utilizzabile come discriminante tra i settori che sono prospettati in accelerazione nel 2020-2021 rispetto al decennio 2010-2019 (situati sopra la bisettrice) e i settori che risultano in decelerazione (situati sotto la bisettrice).

Il trend di crescita della maggior parte del cluster contenente i prodotti tipici del Made in Italy è previsto in accelerazione, a conferma dell’alta qualità riconosciuta alle eccellenze del Belpaese. Tra questi, spiccano senza dubbio Agroalimentare (E0) e Prodotti finiti per la persona (E2), che supereranno i già consistenti tassi di crescita dell’ultimo decennio, raggiungendo rispettivamente il 35 e il 21% di crescita media annua. Da segnalare anche Prodotti finiti di largo consumo (E1), Prodotti e strumenti per la salute (E4) e Beni intermedi in materie tessili e pelli (B2). Come si nota dal grafico, inoltre, il settore in maggiore accelerazione è quello delle Materie prime industriali (A2), i cui valori di import sono tuttavia molto bassi.

Conclusioni

La forte crescita del Vietnam rappresenta per le imprese italiane un’opportunità da cogliere per ampliare il proprio bacino di mercati esteri a tutti i paesi ASEAN. Recentemente è stato infatti ultimato un accordo di libero scambio tra Europa e Vietnam che, una volta firmato da entrambe le economie, porterà ad un incremento dell’interscambio tra le due economie e renderà il Vietnam la seconda porta di ingresso ai 10 paesi dell’Associazione dopo la città-Stato di Singapore, con cui l’Europa ha attualmente in vigore un accordo di libero scambio.

Giulio Grisanti

Analisi di mercato
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Agli stati generali del biologico, promossi all’interno di SANA, presentata la ricerca sul bio Made in Italy con dati aggiornati sull’export.
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
Nei primi sette mesi del 2022 le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Il report “2022, la guerra dell’olio Made in Italy” di Coldiretti e Unaprol descrive uno scenario segnato dai cambiamenti climatici e dai rincari di energia e materie prime che pesano su aziende e famiglie.
SACE: Rapporto export 2022
SACE: Rapporto export 2022
Il Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per le imprese alla ricerca di nuovi mercati.
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
Il Report dell’OECD analizza le gravi interruzioni causate dalla guerra in particolare nell'approvvigionamento di materie prime critiche per la produzione industriale e per la transizione verde.
Italian sounding Rapporto 2022
Italian sounding Rapporto 2022
Assocamerestero e The European House Ambrosetti hanno analizzato e quantificato l’impatto economico dell’Italian Sounding che indebolisce il posizionamento all’estero dei prodotti italiani.
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Il primo semestre di quest’anno conferma la ripresa complessiva dei porti italiani, che continuano a registrare performance positive.
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
Retailx ha pubblicato il report sul commercio elettronico in Italia, realizzato in collaborazione con Aci Worldwide e Tealium.
Bollettino economico BCE 5 / 2022
Bollettino economico BCE 5 / 2022
L’attività economica nell’area dell’euro sta rallentando. L’aggressione della Russia verso l’Ucraina, l’impatto dell’elevata inflazione, i perduranti vincoli dal lato dell’offerta esercitano un effetto frenante.
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
Tra gennaio e giugno le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 22,4% rispetto ai primi sei mesi del 2021. Prosegue il forte rialzo dei valori medi unitari (+20,1%), mentre la componente dei volumi cresce a un ritmo più modesto (+2%).