Nel mondo cresce la richiesta di fashion made in italy: +6.4% nel I trimestre 2017

di lettura

Sulla base delle pre-stime StudiaBo relative al 1° trimestre dell'anno e disponibili nei datamart Congiuntura UE del Sistema Informativo Ulisse, è possibile una disamina delle recenti performance sui mercati esteri dei settori italiani di Moda-Persona.

Nel mondo cresce la richiesta di fashion made in italy: +6.4% nel I trimestre 2017

Nel grafico sotto presentato, sono riportati i diversi settori di Moda-Persona sulla base del tasso di variazione tendenziale nel I trimestre 2017 delle esportazioni del totale dei paesi UE e delle esportazioni Italiane. Nel grafico è tracciata la bisettrice del sistema di assi, che consente di distinguere immediatamente i settori in cui i concorrenti europei hanno fatto meglio rispetto alle imprese italiane (settori posizionati sotto la bisettrice) dai settori in cui le imprese italiane hanno avuto performance sui mercati esteri migliori rispetto a quelle dei concorrenti UE. La dimensione del cerchio è proporzionale al valore delle esportazioni italiane nel 2016. 

Anche nel I trimestre 2017 il settore E2.31-Profumi e cosmetici si conferma tra i comparti trainanti le esportazioni italiane di Fashion, con un incremento stimato pari al +13.7%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Si tratta, inoltre, di una performance decisamente più favorevole dell'insieme dei concorrenti UE del settore, il cui export  ha evidenziato una crescita più contenuta (+9% in euro).
Tra i settori della moda, hanno registrato performance positive e migliori dei concorrenti UE anche i settori E2.11-Biancheria intima e calzetteria (+11.5% in euro rispetto al I trimestre 2016, di 9 punti più dinamico dei concorrenti UE) e E2.13-Calzature (+6.6% in euro rispetto ai concorrenti UE).

Contributi positivi e andamenti più favorevoli dei concorrenti UE anche per E2.51- Articoli sportivi e Strumenti Musicali (+14.4% in euro rispetto al I trimestre 2016, di oltre 13 punti più dinamico dei concorrenti UE), E2.55-Oggetti personali (+7.9% in euro rispetto all'anno precedente), E2.81-Indumenti da lavoro (+6.2% in euro).
Il settore E2.56-Piccoli Elettrodomestici ha mostrato anch'esso andamenti dell'export italiano positivi (+16.4% in euro), anche se di 2 punti inferiore del totale concorrenti UE (+18.4% in euro). Stessi andamenti (positivi ma – leggermente - meno favorevoli dell'insieme dei concorrenti UE) per l'export italiano dei settori E2.21- Borse, valigie e portafogli (+10% in euro, di 0.6 punti meno dinamico dei concorrenti UE), E2.71-Gioielleria, orologi e bigiotteria (+4.8% in euro, di oltre 2 punti meno dinamico dei concorrenti UE), E2.14-Accessori per abbigliamento (+1.8% in euro, di 1.2 punti meno dinamico dei concorrenti UE).    

Si segnalano, invece, variazioni negative ma sostanzialmente allineate al risultato dei concorrenti UE dell'export italiano di E2.61-Libri e altri prodotti di attività creative e E2.15-Filati di materie tessili per vendita al minuto. 
Performance negative e peggiori dell'insieme dei concorrenti UE, infine, per l'export italiano di E2.46-Foto Ottica, E2.41-Lenti ed occhiali e E2.53- Biciclette, passeggini e veicoli per invalidi.

Fonte: Sistema Informativo Ulisse

Analisi di mercato
Che export tira? Scopri i dati di febbraio 2019
Che export tira? Scopri i dati di febbraio 2019 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a febbraio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Algeria: una primavera araba “in ritardo”?
Algeria: una primavera araba “in ritardo”? Nel marzo scorso, il presidente dell’Algeria al potere dal 1999, Abdelaziz Bouteflika, 82enne in precarie condizioni di salute e assente dalla scena pubblica dal 2013, si era candidato nuovamente, per quello che sarebbe stato il suo quinto mandato.
Getting old before getting rich, una trappola per l’America Latina?
Getting old before getting rich, una trappola per l’America Latina? Nell’immaginario collettivo l’Africa è il continente giovane per eccellenza, destinato a un’esplosione demografica nei prossimi decenni; dell’America Latina si ha una vaga idea di area del mondo tutto sommato giovane, specie se rapportata all’Europa.
Commercio internazionale e cambiamento climatico: “nemiciamici”
Commercio internazionale e cambiamento climatico Nel dibattito sul cambiamento climatico poca attenzione è riservata al ruolo del commercio internazionale.
Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica
Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica è un termometro sensibile della congiuntura mondiale.
I settori maggiormente esposti al rischio Brexit
I settori maggiormente esposti al rischio Brexit La Brexit continua ad essere uno dei fattori di incertezza più importanti dell’attuale congiuntura economica. 
Investimenti in infrastrutture in Africa
Investimenti in infrastrutture in Africa Gli impegni di investimento destinati allo sviluppo delle infrastrutture in Africa nel 2017 sono stati pari a circa 81,6 miliardi di dollari, di cui circa l’80% in Africa Subsahariana, in crescita del 22% rispetto al 20161.
Che export tira? Scopri i dati di gennaio 2019
Che export tira? Scopri i dati di gennaio 2019 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a gennaio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi si è intensificato a causa di tensioni di varia natura (finanziarie, valutarie e geopolitiche) che hanno investito diverse economie emergenti: Argentina e Turchia sono state le principali “vittime”.
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.