Due importanti novità per esportare in Ghana

di lettura

Il presente articolo fornisce alcune informazioni operative relative alle due importanti novità adottate per poter esportare in Ghana: l'attuazione dell’Advance Shipment Information System (ASHI), diffusa tramite un comunicato stampa del ministro dei Trasporti del Ghana il 26 Febbraio 2015, che sarà adottata il 2 Aprile 2015 e il programma di valutazione di conformità in vigore dal 1 marzo 2015 per tutte le spedizioni destinate in Ghana.

Due importanti novità per esportare in Ghana

L’autorità degli spedizionieri del Ghana (GSA), istituita nel 1974, è stata da sempre il riferimento per il settore dell’industria marittima. Nel corso degli anni ha collaborato sia con organizzazioni private che pubbliche nel settore marittimo per perseguire l'obiettivo primario di proteggere e promuovere gli interessi degli spedizionieri in Ghana, rispetto ai problemi di trasporto che possono presentarsi al porto, sulla nave e nell'entroterra, al fine di garantire la sicurezza, l’affidabilità del cargo e la convenienza del trasporto.
Nel 2012 il regolamento (L.I.2190) dell'Autorità degli spedizionieri del Ghana è stato superato per dar spazio alla legge istitutiva dell’autorità NRCD 254. Compito dell’autorità è quello di fornire informazioni rilevanti sulla spedizione attraverso il sistema ASHI.

Si tratta di una piattaforma elettronica, grazie alla quale si ricevono in anticipo informazioni sul carico per la pianificazione e per l’avvio del processo di pre-autorizzazione. Questo sistema aiuta a ridurre al minimo i costi nei porti attraverso la riduzione dell'incidenza dei pagamenti di nolo e controstallie. Dagli studi condotti dalla stessa autorità nel 2013 è emerso che i caricatori hanno sostenuto elevati costi per controstallie, che sono stati dovuti maggiormente ai ritardi nella procedura di carico nei porti. Per assistere gli spedizionieri nella riduzione dei costi e accelerare le pratiche nei porti, l'Autorità ha avviato il processo di distribuzione del sistema ASHI, che fornirà agli spedizionieri e alle agenzie governative informazioni in anticipo rispetto alle loro spedizioni.

L’ASHI consentirà agli spedizionieri di ottenere in anticipo ed in tempo reale informazioni sulle loro spedizioni per facilitare ed anticipare il processo di pre-autorizzazione. Questo permetterà di accelerare inevitabilmente la procedura di carico al porto riducendo il costo della spedizione.

Panoramica del programma: Advance Shipment Information System

Grazie all’utilizzo del sistema ASHI si permetterà in questo modo agli importatori di compilare online la documentazione necessaria alle operazioni di sdoganamento. La decisione è stata presa in conformità con quanto previsto dal regolamento LI 2190 del 2012.

Agenzia di Gestione

La GSA ha assegnato ad Antaser Afrique e alla sua rete internazionale di agenzie il ruolo di rappresentante unico, che potrà emettere e convalidare il sistema ASHI, tramite il portale dedicato su www.antaser.com.

Come funziona operativamente

Tutte le spedizioni che arrivano in un qualsiasi porto del Ghana devono essere accompagnate da un documento ASHI. Questo riferimento deve essere citato su tutte le Bills of Lading [B / L]. In assenza del riferimento al numero e alla relativa documentazione il carico non sarà rilasciato dalla dogana.

  • Lo spedizioniere deve registrarsi sul portale Antaser portale: www.antaser.com
  • Tutte le informazioni rilevanti della spedizione dovranno essere scansionate ed allegate prima della presentazione della domanda sul portale web.
  • La procedura di compilazione del modulo ASHI e degli allegati pertinenti dovrebbero essere completati dall'agente del destinatario, che sta già utilizzando questo o sistemi analoghi per le spedizioni verso altri paesi.
  • Tra i documenti da allegare per la creazione del certificato ASHI rientrano:
    • copia della fattura dell’arrivo al nolo
    • copia della fattura commerciale
    • copia della dichiarazione personalizzata di esportazione
    • copia della polizza di carico
    • copia della Packing List
  • L’ASHI dovrebbe essere creato per ogni polizza di carico.


La nuova procedura ASHI è molto vantaggiosa in quanto permette di:

  • Ricevere informazioni sullo stato della spedizione per i caricatori in Ghana in tempo reale per facilitare l'avvio della procedura di pre-autorizzazione. Evitando così il pagamento di elevati costi di controstallia e spese di affitto.
  • Predisporre un database di informazioni dettagliate sulle spedizioni, come ad esempio i costi dei prodotti e le spese di trasporto.
  • Comunicare agli spedizionieri i tempi di arrivo della nave e il luogo di carico nei porti tramite l’invio di un testo personalizzato.
  • Dare informazioni in anticipo sulla spedizione, sia alle autorità portuali che agli operatori dei terminal per un'adeguata pianificazione e la preparazione in vista dell'arrivo della nave in porto.
  • Fornire fatture commerciali e altre informazioni relative alla spedizione prima dell'arrivo della nave per adeguare i processi di gestione del rischio da parte delle dogane o degli altri enti interessati, garantendo in tal modo il pagamento delle tasse governative.
  • Aumentare la sicurezza, fornendo informazioni sul movimento del carico in ambito internazionale. La volontà è anche quella di ridurre le perdite di carico su transito.

Contatti

International Operational Office Antaser Afrique - Sito web: www.antaser.com

Ghana Shippers' Authority - Email: info@shippers.org.gh - Sito web: www.shippers.org.gh

Dal 1 Marzo 2015 è in vigore la seconda novità relativa alle spedizioni destinate in Ghana, che prevede che le merci siano accompagnate dal Certificato di Conformità ai fini dello sdoganamento.


Panoramica del programma: Conformità del prodotto

Il programma di valutazione del Ghana sulla conformità del prodotto [G-CAP] è un processo di valutazione della conformità, utilizzato per verificare che i prodotti importati in Ghana siano conformi ai requisiti delle norme applicabili prima dell’esportazione verso un paese di destinazione. Tale processo è volto a garantire che i prodotti specifici importati nel Mercato del Ghana soddisfino i requisiti dei regolamenti tecnici e gli Standards del Ghana e rispettino la qualità richiesta per salvaguardare la salute e la sicurezza delle persone e la tutela dell'ambiente.

Agenzia di Gestione

GSA ha nominato la Société Générale de Surveillance SA [SGS] come ente preposto ad operare per suo conto relativamente al programma di G-CAP.

Certificato di Conformità [CoC]

Il programma di conformità prevede che i prodotti che devono essere importati debbano essere verificati e collaudati nel paese di esportazione; a seguito di questa procedura è necessario che sia rilasciato un Certificato di Conformità [CoC], che dimostri che il prodotto è conforme agli standard delle norme applicabili. L'obiettivo del programma è quello di proteggere il paese e i consumatori del Ghana contro l'importazione di prodotti declassati che possano mettere in pericolo la salute pubblica, la sicurezza e l'ambiente. In mancanza di certificato di conformità agli importatori verrà addebitata una penale pari al 30 % del valore CIF della spedizione e il prodotto sarà nuovamente spedito alla destinazione originale il cui costo sarà a carico dell'importatore.

Le categorie di prodotti oggetto del presente programma sono i seguenti prodotti:

  • Giocattoli e articoli sportivi
  • Prodotti elettrici ed elettronici
  • Prodotti del settore automotive [compresi veicoli nuovi e usati]
  • Prodotti chimici
  • Materiali e dispositivi legati al gas
  • Legno e carta
  • Articoli del settore arredamento [ articoli in legno e metallo ]
  • Articoli del settore tessile e prodotti articlesSafety [ dispositivi di protezione individuale ]
  • Prodotti alimentari
  • Materiali da costruzione
  • Dispositivi medici selezionati e prodotti farmaceutici
  • Prodotti usati [ es. abiti usati]
  • Prodotti di carburante / petroliferi

Per ottenere tale Certificato sono state predisposte dalle autorità del Ghana Bureau of Standards le procedure descritte nell’allegato Datasheet.

La procedura partirà con l’avvio, da parte dell’Importatore in Ghana del modello UCR – Unique Consignement Reference, basato sulla fattura proforma dell’Esportatore.

Quest’ultimo, a ricevimento dell’UCR lo potrà inviare unitamente alla seguente documentazione, in lingua inglese:

  • Proforma
  • Moduli RfC allegati
  • L/C, se presente
  • Schede tecniche in inglese
  • Test report /Certificati di analisi emessi da laboratori approvati
  • Certificati ISO 9001 e altre certificazioni di sistema e/o di prodotto
  • Packing list al momento dell’ispezione
  • Fattura finale e BL o AWB per la preparazione del Certificato di Conformità

Il programma operativo adottato in Ghana rientra tra i nove programmi di verifica di conformità adottati sui paesi dell’Africa sub-sahariana, e va ad aggiungersi a quelli già operativi in Burundi, Etiopia ed Etiopia irrigation, Kenya, Nigeria, Rwanda, Tanzania e Uganda. A breve se ne aggiungeranno altri due relativi a Niger e Gabon.


Giuseppe De Marinis

Tag dell'informativa
Analisi di mercato
Le estati bollenti della politica turca
Le estati bollenti della politica turca Il partito AKP del presidente Erdoğan ha accusato un duro colpo lo scorso 23 giugno, quando il candidato sindaco del partito d’opposizione (CHP), Imamoglu, ha vinto il rerun delle elezioni a Istanbul con il 54% dei consensi e uno scarto di oltre 800mila voti, numeri che acquisiscono grande rilevanza anche in virtù dell’elevata affluenza alle urne (85%).
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo L’Economic Partnership Agreement (Epa), il più grande accordo commerciale bilaterale mai concluso dall'UE in termini di dimensioni di mercato , è entrato in vigore il 1° febbraio scorso.
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy Pur su valori ancora relativamente contenuti, l’export italiano verso la Serbia presenta un profilo di di crescita avviato ormai da tempo. Tale tendenza è attesa confermarsi anche nei prossimi anni.
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero?
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero? L’Uruguay, piccola geografia di 3,5 milioni di abitanti stretta tra due giganti quali Brasile e Argentina, ha vissuto negli ultimi tre lustri il più lungo periodo ininterrotto di crescita della sua storia.
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022 Lo scenario di previsione formulato da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero al 2022 (fonte: Sistema Informativo Ulisse) evidenzia opportunità di crescita sul mercato croato per l’export italiano complessivamente superiori al mezzo miliardo di euro: +534 milioni € nel periodo 2019-2022, pari al +4% medio annuo.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
L’export di vino in USA: in quali Stati esportare?
L’export di vino in USA: in quali Stati esportare? Un'analisi dei principali mercati di destinazione dell'export vinicolo mondiale e italiano.
Africa subsahariana:opportunità per esportatori macchine tessili
Africa subsahariana: opportunità per macchine tessili Sud Africa, Mauritius, Madagascar, Etiopia, Uganda, Kenya, Tanzania e Nigeria sono i principali mercati potenziali per aziende esportatrici di macchine tessili. Scopri nell'articolo l'analisi dettagliata.  
I dieci paesi a maggior crescita nel 2019-2020
I dieci paesi a maggior crescita nel 2019-2020 La crescita dell’economia mondiale sta rallentando rendendo più accesa la competizione internazionale. E’ sempre più fondamentale individuare i mercati che presentano la migliore combinazione rischi/opportunità.
Mercato mondiale delle macchine agricole italiane
Mercato mondiale delle macchine agricole italiane Il mercato mondiale delle macchine agricole è molto dinamico. Basti pensare che nonostante la crisi mondiale del 2009 che aveva inferto un duro colpo all’economia mondiale, già nel 2011 il commercio mondiale del settore era tornato ai livelli del 2008 per proseguire la sua inarrestabile ascesa.