OECD Economic outlook, giugno 2020

di lettura

L’economia globale sta vivendo la più grave crisi dopo la Grande depressione del 1930, con il Pil che crolla durante il lockdown più del 20% in alcuni Paesi.

OECD Economic outlook, giugno 2020

Per redigere le previsioni  l’Ocse ipotizza due scenari epidemiologici:

  1. il contenimento del virus prosegue senza nuovi importanti focolai
  2. a ottobre – novembre si presenta una seconda ondata di pandemia più contenuta della prima.

In caso di seconda ondata, lo scenario prevede il Pil globale a - 7¾ per cento quest’anno e a +2¾ per cento nel 2021 (il declino per i Paesi Ocse nel 2020 sarà ancora più marcato: -9¼ per cento).

Lo scenario più ottimistico prevede invece il Pil globale a  -6 per cento nel 2020 (-7½ per cento i Paesi Ocse) e a +5¼ per cento il prossimo anno.

Il Pil dell’area Euro nel 2020 è previsto in calo dell’11½ per cento rispetto al 2019 nello scenario più pessimistico, del 9% in assenza di seconda ondata.

Secondo gli analisti, il Pil globale calerà di circa il 3% nel primo trimestre del 2020 (le misure di contenimento del virus e di rilancio dell’economia sono state introdotte in molti Paesi nel corso di marzo). L’impatto su scala globale del Covid-19 sarà più intenso nel secondo trimestre.

Malgrado una debole ripresa a maggio, favorita da un lento ritorno alla normalità, vari indicatori rimarranno su bassi livelli. Molti settori dei servizi continueranno infatti a subire gli effetti delle misure di distanziamento, della chiusura di attività non considerate essenziali e delle restrizioni alla mobilità.

Commercio mondiale

Anche i flussi del commercio mondiale si stanno contraendo velocemente: si prevede -9½ per cento quest’anno nello scenario più ottimistico (prima di rimbalzare nel 2021) e -11½ per cento in caso di seconda ondata.

Il traffico aereo di persone, in aprile, è crollato del 98% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, il traffico internazionale di beni è sceso di circa il 30%.

In aprile e maggio le esportazioni sono in forte ribasso in particolare in Europa, India e Indonesia, ma soffrono il forte calo della domanda estera anche i Paesi in cui le misure di contenimento sono state più leggere.

Il collasso della domanda mondiale è aggravato dalla distruzione temporanea di alcune catene di fornitura globali causata dal lockdown. Molte aziende, nel tentativo di migliorare la propria resilienza a shock esterni, stanno riducendo l’utilizzo di fornitori efficienti, ma geograficamente lontani.

Gli shock si propagano lungo la catena di fornitura con diverse intensità, a seconda della posizione di ogni industria nella filiera. La diversificazione internazionale degli investimenti diretti, degli approvvigionamenti e dei mercati può supportare la resilienza del sistema se la crisi economica o il disastro naturale non sono correlati o si riferiscono a un Paese specifico, ma è meno efficace in presenza di shock simultanei che si manifestano a livello globale (come nel caso di una pandemia).

Si legge nel Report: “La pandemia ha accelerato la transizione dalla “grande integrazione” alla “grande frammentazione”.  Sono state introdotte nuove restrizioni al traffico di merci e agli investimenti. Molti confini sono chiusi in varie regioni  e lo rimarranno fino a quando il virus non sarà sotto controllo. Le economie nazionali stanno divergendo, a seconda del periodo e dell’intensità con cui sono state colpite dal Covid-19, dalla resilienza dei loro sistemi sanitari nazionali, dalla specializzazione settoriale e dalla capacità fiscale di gestire lo shock”.

Principali Paesi

Negli Stati Uniti e in Giappone si prevede un calo del Pil dell’8½ per cento e del 7¼ (7¼ per cento e 6 per cento lo scenario migliore). Tra le economie avanzate, la Corea dovrebbe subire una contrazione ridotta: -2½ per cento in caso di seconda ondata e solo -1¼ per cento in caso di controllo della pandemia.

Molti Paesi emergenti e in via di sviluppo, in particolare i produttori di commodity, stanno sperimentando notevoli difficoltà sia a livello economico, sia a livello sanitario.

Il livello del Pil del 2020 sarà inferiore del 7 per cento o più, rispetto al 2019, in Brasile, Russia, Sudafrica e Messico in entrambi gli scenari e in Turchia in caso di seconda ondata.

Più contenuto il declino del Pil in Cina e Indonesia (compreso tra  il 2½ - 4 per cento in entrambi gli scenari).

In India nel 2020-21 si prevede un calo del Pil del 7¼ per cento rispetto al 2019-20 in caso di seconda ondata  e 3¾ per cento nello scenario più ottimistico.

Una volta che le economie si saranno riprese dalla crisi, il Report raccomanda ai governi di:

  • fare attenzione alla sostenibilità del debito pubblico
  • rivedere la progressività del sistema fiscale tenendo in considerazione crescita e inclusività
  • supportare la lotta ai cambiamenti climatici attraverso l'economia circolare.

Fonte: Oecd

Analisi di mercato
L’impatto del Covid-19 sul settore crocieristico
L’impatto del Covid-19 sul settore crocieristico
Negli ultimi decenni il crocieristico è stato tra i settori a maggiore espansione. Saprà risollevarsi anche dalla crisi Covid-19?
Osservatorio Vinitaly - Nomisma Wine Monitor 2020
Osservatorio Vinitaly - Nomisma Wine Monitor 2020
Solo un’azienda vitivinicola italiana su 10 aumenterà il proprio business nel 2020, mentre per oltre 7 imprese su 10 le vendite totali vireranno in negativo.
La produzione globale dopo il Covid: quale riassetto in Asia?
La produzione globale dopo il Covid: quale riassetto in Asia?
Pubblichiamo un abstract del Focus on di Sace - Simest  “La produzione globale dopo il Covid: verso un nuovo riassetto asiatico?”
GreenItaly 2020
GreenItaly 2020
L’Italia è leader europeo nel riciclo dei rifiuti e nell’economia circolare secondo l’undicesimo rapporto sulla green economy italiana di Symbola e Unioncamere.
L’economia delle regioni italiane (novembre 2020)
L’economia delle regioni italiane (novembre 2020)
Gli aggiornamenti congiunturali di Banca d’Italia sull’andamento dell’economia nelle regioni italiane (novembre 2020).
Prometeia:  Analisi dei settori industriali ottobre 2020
Prometeia: Analisi dei settori industriali ottobre 2020
A partire dai mesi estivi, l’industria manifatturiera italiana ha registrato un recupero intenso e diffuso, che tuttavia non potrà impedire un calo del fatturato del 14.3% a prezzi costanti nel 2020.
SACE - Simest: Export italiano settembre 2020
SACE - Simest: Export italiano settembre 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione dell'11,6% nei primi nove mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
SACE - Simest: Export italiano agosto 2020
SACE - Simest: Export italiano agosto 2020
L'export italiano di beni mostra una contrazione del 13,3% nei primi otto mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
ISMEA: bilancia agroalimentare nazionale I semestre 2020
ISMEA: bilancia agroalimentare nazionale I semestre 2020
Nonostante l’emergenza sanitaria mondiale, le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari sono aumentate durante i primi sei mesi del 2020.
Promozione del turismo piccolo museale negli USA
Promozione del turismo piccolo museale negli USA
Una delle peculiarità dell’Italia è la presenza di numerosi piccoli musei locali collocati prevalentemente in centri di medie e piccole dimensioni e nei borghi storici.