Polonia: ZES attive fino al 2026

di lettura

L’Ufficio di Commercio e degli Investimenti dell’Ambasciata della Polonia in Roma informa che le Zone Economiche Speciali polacche rimarranno attive fino al 2026 e che la revisione della legge sulla partita IVA entrerà in vigore nel gennaio 2014.

 

Image

In Polonia esistono 14 zone economiche speciali istituite con la legge del 20 ottobre 1994 con successive modifiche. Sono aree scarsamente abitate destinate all’esercizio di attività economiche a condizioni speciali.

Gli imprenditori che vi insediano l’attività possono beneficiare di aiuti pubblici. Il livello delle detrazioni previste varia dal 30% al 50% del valore dell’investimento.

Per beneficiare degli incentivi fiscali gli imprenditori devono rispettare alcune condizioni, in particolare:

  • investimento minimo: 100.000 euro
  • durata minima dell’investimento: 5 anni
  • i posti di lavoro devono essere mantenuti per almeno 5 anni.

Considerando il grande interesse degli operatori economici internazionali nei confronti delle ZES, il governo polacco ha deciso di prolungarne il funzionamento fino al 2026.

L’obiettivo è quello di accelerare lo sviluppo economico del territorio soprattutto attraverso l’insediamento di specifici comparti di attività economica, l’adozione di nuove soluzioni tecnologiche, il miglioramento della competitività e la creazione dei nuovi posti di lavoro.

Incentivi e vantaggi per chi investe nelle ZES

Per stimolare gli investimenti in ZES vengono messi a disposizione i seguenti incentivi:

  • esenzione dalla tassa sul reddito
  • sgravi per le imposte sugli immobili
  • sgravi per le tasse sui mezzi di trasporto
  • sgravi per i dazi doganali
  • incentivi non fiscali per l’assunzione di nuovo personale
  • incentivi non fiscali relativi alle procedure di investimento
  • complessiva assistenza durante l’intero processo dell’investimento.

Inoltre gli investitori internazionali possono contare su bassi costi di produzione e di distribuzione e un facile accesso ai mercati dei Paesi dell’Est.

In una ricerca svolta nel 2012 dalla Camera di Industria e Commercio Tedesca alla domanda “Investiresti di nuovo nella stessa localizzazione?” la risposta degli investitori attivi in Polonia ha avuto un 94% di risposte positive, è il risultato maggiore tra tutti i paesi presi in considerazione.

Informazioni

Ufficio di Promozione del Commercio e degli Investimenti
Ambasciata della Repubblica di Polonia in Roma
Tel. 06 854 11 28
roma@trade.gov.pl
www.roma.trade.gov.pl

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Rapporto ICE 2021 l’Italia nell’economia internazionale
Rapporto ICE 2021 l’Italia nell’economia internazionale
La pandemia ha colpito duramente il tessuto socio-economico italiano e ha determinato una flessione dell’export che, tuttavia, è stata minore rispetto a quella registrata da altri Paesi grandi esportatori.
SACE - Simest: Export italiano Maggio 2021
SACE - Simest: Export italiano Maggio 2021
Nei primi cinque mesi del 2021 l'export italiano di beni registra un'ampia crescita (+23,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente).
Tannico
E-commerce vino e distillati: il futuro di Tannico
Moët Hennessy e Campari Group si uniscono per creare un player paneuropeo nel canale e-commerce di wine&spirit premium attraverso Tannico.
Altagamma Consumer Insight 2021
Altagamma Consumer Insight 2021
La ripresa del mercato alto di gamma è trainata da Cina e USA. Cresce il peso e aumentano i canali di ingaggio digitale del consumatore (gaming, livestreaming).
Report vino e spirits 2021
Vino e distillati italiani sui mercati internazionali
Vino italiano in recupero del 3,5% nel 2021 (-4,1% nel 2020), grazie alla spinta dell’export nei principali mercati. Migliore potenziale di crescita in Cina (+6,3%), Canada e Giappone (+5,9%).
Comunicazione post pandemia
Comunicazione delle imprese italiane e pandemia
L’Istat ha condotto una valutazione delle attività di comunicazione delle imprese italiane nella seconda metà del 2020.  
Esportazioni delle regioni italiane (I trimestre 2021)
Esportazioni delle regioni italiane (I trimestre 2021)
Nel primo trimestre dell’anno, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni  per il Centro (+4,8%), per il Sud e Isole (+3,8%) e per il Nord-ovest (+2,5%). Registra una contenuta flessione il Nord-est (-0,5%).
Food Industry Monitor 2021
Food Industry Monitor 2021
L’analisi  condotta dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo valuta i trend di mercato e l’evoluzione dei modelli di business delle aziende italiane del settore alimentare.
Previsioni Pil italiano: +5% nel 2021
Previsioni Pil italiano: +5% nel 2021
Secondo le più recenti previsioni Prometeia e Banca d’Italia il Pil nazionale quest’anno crescerà almeno del 5%.
G20 and the Italian economy
G20 and the Italian economy
Fondazione Edison e il Centro di ricerche in analisi economica e sviluppo economico internazionale dell’Università Cattolica hanno elaborato un booklet di statistiche sui punti di forza del modello italiano di sviluppo.