Previsioni Confindustria, Banca d’Italia, FMI e Fitch

di lettura

Fare previsioni macroeconomiche in periodi pandemici è estremamente complesso. Dal confronto delle proiezioni di primarie fonti nazionali e internazionali emergono alcune differenze.

Previsioni Confindustria, Banca d’Italia, FMI e Fitch

Indagine rapida Confindustria sulla produzione industriale

Secondo il Centro Studi Confindustria, nel secondo trimestre la domanda estera resta debole. Penalizzate in particolare le esportazioni italiane in USA e Sud America, ancora in piena fase di emergenza Covid-19.

I dati dell’Indagine Rapida rilevano una diminuzione della produzione industriale:

  • rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, in giugno il calo è stato pari al 18,9%, in maggio del 29,1%
  • rispetto al mese precedente, in giugno il rimbalzo è stato del 3,9%, in maggio del 32,1%.

Nel secondo trimestre l’attività nell’industria è stimata diminuire del 21,6%, in netto peggioramento rispetto all’andamento registrato nel primo (-8,4% sul quarto 2019).

Le imprese con quota di fatturato esportato maggiore del 60% hanno evidenziato un recupero più lento rispetto a quelle più orientate sul mercato interno. La domanda di prodotti italiani si è infatti notevolmente ridimensionata nei partner commerciali che stanno attraversando ora la fase acuta della pandemia.

I dati sull’andamento della fiducia, seppure in graduale miglioramento, evidenziano un generale pessimismo, nonostante i numerosi provvedimenti a sostegno dell’economia finora introdotti:

  • l’indice di fiducia delle famiglie in giugno è 10 punti inferiore rispetto a quello di gennaio
  • tra le imprese, la fiducia è di 33 punti più bassa rispetto a gennaio (-47,4 nei servizi di mercato).

Previsioni Bankitalia giugno 2020

Le proiezioni macroeconomiche per l’Italia nel triennio 2020-22 elaborate dagli esperti della Banca d’Italia considerano due scenari.

  • Nello scenario di base la contrazione del nostro PIL sarà pari al 9,2 per cento quest’anno, seguita da una graduale ripresa nel prossimo biennio (4,8 per cento nel 2021 e 2,5 per cento nel 2022). Il crollo del Pil 2020 è determinato dalla caduta della domanda estera e dei flussi turistici internazionali, dal decremento della domanda interna, dalle ripercussioni del lock down su occupazione e redditi delle famiglie. Le esportazioni di beni e servizi si ridurrebbero di quasi il 16 per cento nel 2020, riflettendo l’andamento della domanda estera e il sostanziale arresto nell’anno in corso dei flussi turistici internazionali, per poi tornare a crescere nei due anni seguenti.
  • Il secondo scenario, più pessimistico, considera l’ipotesi che l’epidemia si protragga più a lungo. In questo caso gli analisti prevedono “una caduta della domanda estera più marcata di quella dello scenario di base nell’anno in corso (20 per cento) e una ripresa più graduale nel prossimo biennio, sia del commercio mondiale sia dei flussi turistici… Il Pil cadrebbe di circa il 13 per cento quest’anno e recupererebbe a ritmi più moderati nel 2021”.

Previsioni FMI

Le più recenti stime del Fondo monetario internazionale prevedono una contrazione del Pil mondiale del 4,9% per il 2020 e di una crescita pari al 5,4% il prossimo anno.

Nell’Eurozona dopo la contrazione del 10,2% di quest’anno, il rimbalzo nel 2021 sarà del 6%. All’importante caduta del Pil italiano pari al 12,8% quest’anno seguirà un +6,3% nel 2021, in linea con le ipotesi dello scenario più severo ipotizzato da Bankitalia. Superiore al 10% anche la flessione prevista nel 2020 per il Pil del Regno Unito, in Germania si attende invece una riduzione del 7,8%.

Negli Stati Uniti la contrazione del Pil sarà dell’8%, in India del 4,5%, in Brasile del 9,1% e in Russia del 6,6% .

Previsioni Fitch

L’agenzia di rating Fitch alla fine dello scorso aprile ha ridotto l’affidabilità del debito pubblico italiano da BBB a BBB-, con outlook stabile.

Secondo le previsioni Fitch, il Pil italiano quest’anno calerà del 9,5%, crescerà del 4,4% nel 2021 e nel 2022 del 2,1%. Il Pil dell'Eurozona calerà dell'8% nel 2020 per poi rimbalzare a +4,5% nel 2021.

Fitch ha rivisto al rialzo le stime del Pil 2020 per Cina (+1,2%) e Germania (-6,3%), al contrario peggiorano per Brasile, Indonesia Messico, Regno Unito, Russia, Sudafrica e Turchia.

Primi segnali di ripresa (Istat)

Gli indicatori congiunturali italiani di maggio elaborati dall’Istat registrano i primi segni di ripresa dopo le marcate contrazioni di marzo e aprile. L’indice destagionalizzato della produzione industriale, ad aprile, è diminuito in termini congiunturali del 19,1% (a marzo era crollato del -28,4%).

A maggio 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni, dopo i fortissimi cali di marzo e aprile, mostri un deciso recupero, con un incremento del 168% rispetto al mese precedente.

Per ciò che concerne gli scambi con l’estero  i dati relativi ai mercati extra Ue per maggio segnalano un forte incremento delle esportazioni (+37,6% in termini congiunturali), dopo il marcato ridimensionamento delle vendite dei mesi precedenti (in aprile esportazioni extra Ue -37,3%,  verso l’Unione europea -32,7%). Nonostante il miglioramento osservato, i valori registrati a maggio sono inferiori di circa 4 miliardi rispetto a febbraio.  

Anche i più recenti indicatori di fiducia delle imprese hanno evidenziato evoluzioni incoraggianti in tutti i settori economici, in particolare nella manifattura sono migliorati sia i giudizi sugli ordini, sia le attese di produzione.

A luglio la fiducia delle imprese è cresciuta per il secondo mese consecutivo, (da 66,2 a 76,7) anche se resta ancora distante dai livelli precedenti l’emergenza sanitaria.

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.