Previsioni economiche di Prometeia e della Commissione UE

di lettura

Pubblichiamo i dati principali di due recenti previsioni sull’economia italiana pubblicate, a luglio, da Prometeia e dalla Commissione UE.

Image

Il brief di Prometeia (No. 22/5 Luglio) prevede nell'area dell'euro una contrazione ciclica nel secondo trimestre del 2022, con aumenti dei prezzi che si estendono a tutti i settori.  Le persistenti tensioni sui mercati energetici  continueranno ad alimentare l’inflazione in Europa (7,5% in media nel 2022). Nel 2023, il calo dei prezzi dell'energia modererà le dinamiche dell’inflazione al 3,7% in media.

Nell’area dell’euro l'economia si contrarrà, a causa della pressione inflazionistica e al calo dei settori industriali in Germania e Francia. La fiducia dei consumatori è peggiorata, ma il previsto recupero del settore dei servizi, in particolare del turismo estivo, sosterrà la crescita nel terzo trimestre del 2022.

Per il 2022, Prometeia stima una crescita del PIL nell’area dell’euro pari al 2,6% (rispetto al 2,3% del Brief di maggio) e un’ulteriore decelerazione nel 2023 (1,6%, rispetto al 2,4% di maggio).

In Italia

In Italia, nel primo trimestre del 2022, gli investimenti e le esportazioni hanno registrato risultati migliori del previsto, ma il consumo delle famiglie no, a causa dell'incertezza legata alle varianti Covid19 Omicron, alla guerra in Ucraina e all'inflazione.

Lo sviluppo economico migliore del previsto nella prima parte dell'anno, ha spinto Prometeia a rivedere al rialzo le previsioni di crescita per il 2022 (dal 2,2% al 2,9%) e al ribasso la crescita del PIL attesa nel 2023 (1,9%).

Non emergono segnali di aumento della rischiosità del credito. La fine delle moratorie a fine 2021 non sembra aver avuto forti ripercussioni sulla qualità del credito, che però potrebbe essere penalizzata dall’ aumento dei tassi di interesse, soprattutto nel 2023.

Nel primo semestre 2022, il fabbisogno del settore statale è stato di € 47,1 miliardi (43 miliardi di euro in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e in linea con i livelli pre-Covid). Le tasse aggiuntive imposte agli extraprofitti delle imprese del settore energetico hanno finanziato i recenti interventi del governo a contrastare l'aumento dell'inflazione e dei costi energetici (27 miliardi di euro in totale nel 2022) senza ampliare il divario di bilancio previsto.

Tuttavia, questa evoluzione fiscale favorevole potrebbe arrestarsi a causa dell'onere dell'aumento dei tassi di interesse sul debito pubblico e l'effetto dell'aumento dell'inflazione sulla spesa pubblica, anche se Prometeia si aspetta ancora un rapporto debito/PIL pari al 142%, nel 2025.

Previsioni Prometeia luglio 2022

Fonte Prometeia

Previsioni Commissione Ue

L'economia Ue continuerà a espandersi, ma a un ritmo decisamente più lento di quanto previsto.

La crescita dell’Eurozona rallenta già quest’anno e si ferma al 2,6% (le precedenti stime davano il Pil al 2,7%). Per il prossimo anno la Commissione Ue prevede un +1,4% (rispetto alle precedenti stime del 2,3%).

Quest’anno l'inflazione nell'Eurozona toccherà il 7,6% trainata dall'energia (6,1% a maggio). Nel 2023 l'inflazione dovrebbe scendere al 4%.

In Italia

Le previsioni d’estate dell’esecutivo UE rivedono al rialzo la crescita per l’economia italiana nel 2022 al 2,9% (tre mesi fa era al 2,4%) e al ribasso nel 2023 (+0,9%, rispetto all’1,9% di marzo).

L’inflazione dovrebbe raggiungere il 7,4% quest’anno (anche se la siccità nel nord Italia potrebbe aggravare l'impennata nei prezzi dei generi alimentari) per poi scendere nel 2023 al 3,4%.

 

 

Analisi di mercato
G20 trade and investment measures
G20 trade and investment measures
Il report analizza il commercio internazionale e le misure di investimento attuate dalle economie del G20 nel periodo maggio - ottobre 2022.
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
L’Africa richiede investimenti sostenibili su ampia scala per raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo.
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
Secondo l’Osservatorio Altagamma 2022, il mercato globale dell’alto di gamma sale a circa €1.400 miliardi. Previsioni positive anche per il 2023.
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
L’effetto dei continui lockdown è stato stimato in 1,2 p.p. di Pil reale nel 2022 dal Fondo Monetario Internazionale, che ha tagliato le stime di crescita del Paese a +3,2%.
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
La tenuta del sistema energetico italiano è minacciata dalla tenuta dei bilanci di imprese energetiche e utenti finali e dal rischio relativo allo svuotamento degli stoccaggi.
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Il report sul Sistema Moda Mondo dell’Area Studi Mediobanca analizza i dati finanziari di 78 multinazionali con ricavi superiori a un miliardo di euro ciascuna.
Distretti industriali: export nel I semestre +17,7%
Distretti industriali: export nel I semestre +17,7%
Record storico per l’export dei distretti industriali italiani nel primo semestre dell’anno, con tutte le filiere distrettuali oltre i livelli pre-pandemici e con una crescita delle esportazioni superiore a quella tedesca.
Bollettino Economico Banca d’Italia ottobre 2022
Bollettino Economico Banca d’Italia ottobre 2022
In ottobre il Fondo monetario internazionale ha confermato la previsione di crescita del prodotto mondiale nel 2022, mentre ha ridotto la stima per l’anno prossimo al 2,7 per cento.
SACE - Simest: export italiano agosto 2022
SACE - Simest: export italiano agosto 2022
Nei primi otto mesi del 2022 le esportazioni italiane sono aumentate del 22,1% rispetto allo stesso periodo del 2021.