Previsioni economiche di Prometeia e della Commissione UE

di lettura

Pubblichiamo i dati principali di due recenti previsioni sull’economia italiana pubblicate, a luglio, da Prometeia e dalla Commissione UE.

Image

Il brief di Prometeia (No. 22/5 Luglio) prevede nell'area dell'euro una contrazione ciclica nel secondo trimestre del 2022, con aumenti dei prezzi che si estendono a tutti i settori.  Le persistenti tensioni sui mercati energetici  continueranno ad alimentare l’inflazione in Europa (7,5% in media nel 2022). Nel 2023, il calo dei prezzi dell'energia modererà le dinamiche dell’inflazione al 3,7% in media.

Nell’area dell’euro l'economia si contrarrà, a causa della pressione inflazionistica e al calo dei settori industriali in Germania e Francia. La fiducia dei consumatori è peggiorata, ma il previsto recupero del settore dei servizi, in particolare del turismo estivo, sosterrà la crescita nel terzo trimestre del 2022.

Per il 2022, Prometeia stima una crescita del PIL nell’area dell’euro pari al 2,6% (rispetto al 2,3% del Brief di maggio) e un’ulteriore decelerazione nel 2023 (1,6%, rispetto al 2,4% di maggio).

In Italia

In Italia, nel primo trimestre del 2022, gli investimenti e le esportazioni hanno registrato risultati migliori del previsto, ma il consumo delle famiglie no, a causa dell'incertezza legata alle varianti Covid19 Omicron, alla guerra in Ucraina e all'inflazione.

Lo sviluppo economico migliore del previsto nella prima parte dell'anno, ha spinto Prometeia a rivedere al rialzo le previsioni di crescita per il 2022 (dal 2,2% al 2,9%) e al ribasso la crescita del PIL attesa nel 2023 (1,9%).

Non emergono segnali di aumento della rischiosità del credito. La fine delle moratorie a fine 2021 non sembra aver avuto forti ripercussioni sulla qualità del credito, che però potrebbe essere penalizzata dall’ aumento dei tassi di interesse, soprattutto nel 2023.

Nel primo semestre 2022, il fabbisogno del settore statale è stato di € 47,1 miliardi (43 miliardi di euro in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e in linea con i livelli pre-Covid). Le tasse aggiuntive imposte agli extraprofitti delle imprese del settore energetico hanno finanziato i recenti interventi del governo a contrastare l'aumento dell'inflazione e dei costi energetici (27 miliardi di euro in totale nel 2022) senza ampliare il divario di bilancio previsto.

Tuttavia, questa evoluzione fiscale favorevole potrebbe arrestarsi a causa dell'onere dell'aumento dei tassi di interesse sul debito pubblico e l'effetto dell'aumento dell'inflazione sulla spesa pubblica, anche se Prometeia si aspetta ancora un rapporto debito/PIL pari al 142%, nel 2025.

Previsioni Prometeia luglio 2022

Fonte Prometeia

Previsioni Commissione Ue

L'economia Ue continuerà a espandersi, ma a un ritmo decisamente più lento di quanto previsto.

La crescita dell’Eurozona rallenta già quest’anno e si ferma al 2,6% (le precedenti stime davano il Pil al 2,7%). Per il prossimo anno la Commissione Ue prevede un +1,4% (rispetto alle precedenti stime del 2,3%).

Quest’anno l'inflazione nell'Eurozona toccherà il 7,6% trainata dall'energia (6,1% a maggio). Nel 2023 l'inflazione dovrebbe scendere al 4%.

In Italia

Le previsioni d’estate dell’esecutivo UE rivedono al rialzo la crescita per l’economia italiana nel 2022 al 2,9% (tre mesi fa era al 2,4%) e al ribasso nel 2023 (+0,9%, rispetto all’1,9% di marzo).

L’inflazione dovrebbe raggiungere il 7,4% quest’anno (anche se la siccità nel nord Italia potrebbe aggravare l'impennata nei prezzi dei generi alimentari) per poi scendere nel 2023 al 3,4%.

 

 

Analisi di mercato
SACE - Simest: export italiano maggio 2022
SACE - Simest: export italiano maggio 2022
Tra gennaio e maggio l’export italiano cresce del 22,6% rispetto allo stesso periodo del 2021. Aumentano i valori medi unitari (+19,3%) trainati dai rialzi dei prezzi di materie prime e semilavorati, incrementi più contenuti per i volumi (+2,8%).
Previsioni economiche di Prometeia e della Commissione UE
Previsioni economiche di Prometeia e della Commissione UE
Pubblichiamo i dati principali di due recenti previsioni sull’economia italiana pubblicate, a luglio, da Prometeia e dalla Commissione UE.
Indagine sul turismo internazionale 2021
Indagine sul turismo internazionale 2021
La pubblicazione annuale di Banca d'Italia fornisce informazioni sulla spesa, sui viaggiatori in entrata e in uscita dall'Italia con dettagli su: origine e destinazione, motivi del viaggio e tipologia di alloggio utilizzata.
Trend globali nel food & beverage
Trend globali nel food & beverage
Osservare le principali tendenze di mercato nel settore cibo, bevande e integratori offre prospettive che possono aiutare le aziende e i rivenditori a meglio posizionarsi sulla scena internazionale.
Bioeconomia in Italia nel 2021
Bioeconomia in Italia nel 2021
La Bioeconomia  rappresenta l’elemento chiave per decarbonizzare l’economia, diminuire l’utilizzo di risorse non rinnovabili e massimizzare l’efficienza e la sostenibilità delle risorse rinnovabili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2021
Esportazioni delle regioni italiane nel 2021
Banca d’Italia ha analizzato la struttura economica e finanziaria delle regioni italiane. Pubblichiamo una sintesi dei dati sull’export regionale 2021 e sulle possibili ripercussioni del conflitto in Ucraina.
La crisi dei semiconduttori
La crisi dei semiconduttori
La domanda globale di semiconduttori nel 2021 è cresciuta del +26%, ma non è accompagnata da un incremento tempestivo dell’offerta, con conseguenze su tempi di consegna e aumenti nei prezzi.
Altagamma: previsioni Beni personali di lusso e Arredamento di design
Altagamma: previsioni Beni personali di lusso e Arredamento di design
Altagamma ha pubblicato tre report con dati e previsioni sul mercato dei beni personali di lusso e sull’arredamento di design di alta gamma.
Rincari dell’energia: l’impatto sui costi di produzione
Rincari dell’energia: l’impatto sui costi di produzione
Secondo il report pubblicato da Centro Studi Confindustria le dinamiche dei prezzi delle materie prime energetiche stanno colpendo di più l’Italia, rispetto a Francia e Germania.
Rapporto distretti industriali di Intesa Sanpaolo
Rapporto distretti industriali di Intesa Sanpaolo
Il Rapporto annuale sulle imprese distrettuali descrive gli impatti della crisi pandemica, il forte rimbalzo del 2021 e le priorità da affrontare, anche alla luce dell’invasione russa dell’Ucraina.