Previsioni mercato digitale in Italia

di lettura

Secondo il 52° rapporto Anitec-Assinform, nel 2020 il mercato digitale italiano vale oltre 71,5 miliardi di euro. L’incidenza del mercato digitale sul PIL è passata dal 4% al 4,3% nel triennio 2017-2020.

Image

Il contributo delle tecnologie digitali nel periodo pandemico è stato cruciale per garantire la continuità delle attività produttive, mentre il numero di lavoratori da remoto ha avuto un’impennata causando un’esplosione della domanda di servizi cloud che seguirà nei prossimi anni.

L’analisi dei dati sulla digitalizzazione delle imprese conferma il progressivo allineamento delle aziende italiane a quelle europee. La crescita dell’e-commerce è l’indicatore più evidente di come, soprattutto le PMI, abbiano cercato nuovi accessi ai mercati.

Con il varo del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, l’innovazione digitale diventata l’asse strategico di tutti i programmi di rilancio della crescita. L’obiettivo è realizzare ecosistemi digitalizzati in cui:

  • collaborino i fattori propulsori dell’innovazione (connettività di ultima generazione fissa e mobile, disponibilità di competenze tecniche e universitarie, partnership con grandi imprese, digitalizzazione di distretti e filiere, servizi pubblici efficaci)
  • cogliere i vantaggi offerti dalle tecnologie emergenti indipendentemente dalla dimensione aziendale: Cloud, intelligenza artificiale, 5G, Internet of Things, Cybersecurity, Big Data, Mobile Business.

Previsioni 2021-2024

Le previsioni di crescita del mercato digitale nei prossimi tre anni sono fortemente condizionate dall’attuazione del PNRR, che prevede investimenti nel digitale per quasi 50 miliardi di euro entro il 2026. Per questo motivo il Report elabora quattro scenari di andamento del mercato digitale nel prossimo triennio (2021-2024).

  • Primo scenario: una stima dell’evoluzione del mercato digitale senza alcun impatto dovuto al PNRR (crescita organica o scenario base)
  • Secondo scenario: utilizzo del 100% dell’allocazione annuale dei fondi previsti dal PNRR (profilo alto)
  • Terzo scenario: utilizzo del 70% dell’allocazione annuale dei fondi previsti dal PNRR (profilo medio)
  •  Quarto scenario: utilizzo del 50% dell’allocazione annuale dei fondi previsti dal PNRR (profilo basso).

4 scenari

Se si utilizzasse già nel corso del 2021 tutta l’allocazione dei fondi previsti per gli investimenti in digitale dal PNRR, il mercato potrebbe aumentare di 3,6 miliardi raggiungendo un volume di 77,6 miliardi di euro contro i 74 miliardi previsti in base alla sola crescita fisiologica.

Questo porterebbe il mercato digitale nel 2021 a una crescita dell’8,5% rispetto a una del 3,5% stimata senza il contributo dei fondi del PNRR.

L’impatto negli anni successivi è previsto tra i 4 e gli 1 punti percentuale in più sul tasso di crescita dello scenario base, a seconda che i fondi saranno utilizzati completamente o per il 70/50%. Nell’ipotesi più ottimistica di utilizzo completo dei fondi allocati annualmente, il mercato digitale crescerà fino a quasi 95 miliardi di euro nel 2024.

Trend tecnologie

Nel gruppo delle tecnologie più consolidate si collocano Mobile Business, incluse le app di e-commerce e di mobile banking, IoT e Cloud.  Gli investimenti in soluzioni di IoT, pur rallentando nel 2020 (anno che ha visto il rinvio dei progetti soprattutto in ambito manifatturiero), registreranno una ripresa anche grazie all’impulso del piano Transizione 4.0, rafforzato dalla Manovra 2021 con circa 24 miliardi di euro agganciati al Recovery Plan, per rilanciare gli investimenti delle imprese nel processo di transizione tecnologica e di sostenibilità ambientale.

Nel secondo cluster di tecnologie sono inclusi paradigmi digitali sempre più strategici (Cybersecurity e Big Data), soluzioni di nicchia (Wearable Technology e piattaforme per la gestione Web), ed emergenti (soluzioni di AI/Cognitive e Blockchain).

Artificial Intelligence e Blockchain rivestono ancora un ruolo marginale, in termini di peso sul mercato, ma si prevede continuino a crescere a tassi maggiori del 20%.

Contesto internazionale

Da un punto di vista geografico, il mercato digitale è calato in tutte le aree del mondo. Nord America e Asia Pacifico sono le aree dove la spesa è diminuita con minore intensità. L’andamento del mercato in Nord America è riconducibile al buon trend della domanda di servizi – in particolare dei servizi di consulenza e di gestione, inclusi quelli basati sul Cloud, alle buone condizioni economiche di Stati Uniti e Canada e alla domanda di servizi e soluzioni digitali espressa dai governi di entrambi i paesi.

Il trend della spesa registrata nell’area Asia Pacifico beneficia degli investimenti sostenuti soprattutto dal governo cinese per avviare grandi iniziative digitali a supporto della ripresa.

La spesa di aziende e utenti dell’America Latina è scesa in modo significativo, frenata dalle difficilissime condizioni economiche e dall’andamento particolarmente turbolento della pandemia.

L’evoluzione della spesa nell’Europa a 28 paesi rispecchia la maturità della domanda di quest’area. È prevedibile che nel breve periodo la spesa nel digitale del vecchio continente avrà un rimbalzo positivo grazie agli stimoli provenienti dalle iniziative pubbliche e dai progressi ottenuti nell’ambito delle vaccinazioni.

L’andamento del mercato digitale nel resto del mondo è sostenuto dagli investimenti avutisi nei paesi dell’Europa centrale e orientale, del Medio Oriente e dell’Africa (MEA). Tutti questi paesi sono caratterizzati da una domanda emergente di prodotti e servizi digitali che potrebbe però essere frenata dal difficile contesto geopolitico che li contraddistingue.

Fonte: 52° rapporto Anitec-Assinform

Analisi di mercato
Le imprese di biotecnologie in Italia
Le imprese di biotecnologie in Italia
L’industria biotecnologica italiana si caratterizza per una forte intensità di ricerca e sviluppo con punte di eccellenza in tutti i settori di applicazione delle biotecnologie.
Il turismo europeo di alta gamma
Il turismo europeo di alta gamma
I brand europei di alta gamma detengono il 72% del mercato del lusso mondiale, rappresentano il 10% del valore dell’export totale e generano il 4% del PIL europeo (€ 800 miliardi di fatturato complessivo).
Stime della Commissione europea primavera 2022
Stime della Commissione europea primavera 2022
La piena ripresa economica dell’Unione europea dagli impatti della pandemia è stata compromessa dall'invasione russa dell'Ucraina.
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Il Rapporto analizza le produzioni di eccellenza, l’offerta ristorativa, gli agriturismi, i musei del gusto, le Strade del vino e il posizionamento del sistema eno-gastro-turistico italiano.
La cosmetica in Lombardia
La cosmetica in Lombardia
Assolombarda e Cosmetica Italia hanno pubblicato dati aggiornati sul settore cosmetico lombardo e sulle principali destinazioni del made in Italy.
Foreign Direct Investment 2021
Foreign Direct Investment 2021
I flussi globali degli Investimenti Diretti Esteri sono aumentati dell'88% nel 2021 a 1.815 miliardi di USD (+37% rispetto ai livelli pre-pandemici). Tuttavia, le prospettive restano incerte, dato l'attuale contesto geopolitico.
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
Tra gennaio e febbraio 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del +22,6% in termini tendenziali mostrando, da un lato, una componente di rimbalzo rispetto a inizio 2021, e dall’altro, una forte crescita dei valori esportati a fronte di un aumento più contenuto dei volumi.
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Secondo il Focus SACE, il 2021 è stata un’annata scarsa per la produzione mondiale di vino: 250 milioni di ettolitri (-4% rispetto al 2020 e -7% rispetto alla media ventennale).
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Il Rapporto dell’Istat sulla competitività dei settori produttivi fornisce un quadro informativo sulla struttura, la performance e la dinamica del sistema produttivo italiano.
L’economia globale del benessere
L’economia globale del benessere
Il rapporto del Global Wellness Institute stila una classifica di 150 paesi in base alla loro spesa annuale in 11 comparti del settore benessere (alimentazione, attività fisica, bellezza, benessere mentale...).