Previsioni Pil italiano: +5% nel 2021

di lettura

Secondo le più recenti previsioni Prometeia e Banca d’Italia il Pil nazionale quest’anno crescerà almeno del 5%.

Image

La progressiva rimozione delle misure di distanziamento sociale assieme all’avanzare della campagna di vaccinazione hanno impresso una forte iniezione di fiducia nelle attese di famiglie e imprese.

Indice Weip: a giugno sopra i livelli pre-crisi

L’indicatore settimanale di Prometeia (WEIP), che raccoglie tutte le informazioni disponibili sull’andamento dell’attività economica si consolida su un trend crescente. Tornato in territorio positivo a febbraio, l’indicatore ha raggiunto a fine giugno il suo punto di massimo 101.3, superando il livello pre-crisi (100 di gennaio 2019).

La manifattura è tornata già in aprile ai livelli pre-crisi, le costruzioni li hanno superati del 10%, molte attività dei servizi hanno ripreso a operare regolarmente. Tutto ciò conferma le previsioni di una crescita del Pil che si rafforza nel secondo trimestre, accelera ulteriormente nel terzo per superare il 5% di media nel 2021.

Produzione industriale ai livelli pre-Covid con un rimbalzo del 79,5%

Prometeia registra anche un forte balzo della produzione industriale italiana ad aprile (+1.8% rispetto a marzo). Dopo un fisiologico aggiustamento atteso in maggio, la produzione industriale tornerebbe a crescere a ritmo abbastanza sostenuto sia a giugno sia a luglio. Tale dinamica implicherebbe un’accelerazione della crescita nella media del secondo trimestre, pari a 1.8%, rispetto al primo.

L’Italia spicca nel confronto europeo, risultando il paese con la performance migliore. Ad aprile, in Italia il livello di attività è risultato superiore (+1 punto percentuale) rispetto ai valori precedenti la pandemia; la Germania è al di sotto di -6 punti percentuali,  la Francia e gli Stati Uniti di -3, mentre la Spagna di -0.5.

Previsioni di Banca d’Italia

Il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, nel suo intervento all'Assemblea annuale dell'ABI, rileva che: “Secondo le valutazioni attuali, la crescita si rafforzerebbe con decisione nel secondo semestre; nella media dell’anno potrebbe toccare valori intorno al 5 per cento, consentendo un recupero di oltre metà della caduta del prodotto registrata nel 2020.

Come anche segnalato dalle imprese nelle nostre indagini, la crescita verrebbe favorita dalla vivace dinamica degli investimenti; il recupero dei consumi sarebbe più lento, con un graduale rientro dagli elevati tassi di risparmio causati dalla pandemia; le esportazioni di beni beneficerebbero dell’accelerazione della domanda estera.

Con il supporto della politica di bilancio, incluse le misure finanziate con i fondi europei, e il mantenimento di condizioni monetarie e finanziarie favorevoli, la fase espansiva dovrebbe consolidarsi, restando sostenuta anche per il prossimo biennio”.

Il ministro dell'Economia Daniele Franco ha aggiunto: "L’Italia potrebbe recuperare i livelli di attività economica pre-crisi entro il terzo trimestre 2022".

Congiuntura Flash Confindustria (Giugno)

Anche secondo l'Ufficio Studi Confindustria "Il PIL italiano è in deciso recupero già nel 2° trimestre  grazie all’accelerazione delle vaccinazioni, che ha favorito una ripartenza dei servizi, che si affianca al consolidamento in atto dell’attività industriale. Ci aspettiamo che questo recupero si rafforzi nel 3° e 4° trimestre del 2021".

Molto positivi i dati sulla fiducia a giugno, con un diffuso balzo che porta non solo l’indice per le imprese, ma anche quello per le famiglie oltre i livelli pre-crisi. Questo è cruciale per una ripartenza dei consumi anticipata al secondo trimestre, mentre gli investimenti hanno già recuperato nel primo.

L’export italiano ha continuato a crescere in aprile, salendo a +2,8% su febbraio 2020: meglio della Germania. Anche le vendite extra-UE, nonostante la correzione a maggio, registrano un robusto +6,1% in valore negli ultimi tre mesi. L’export in aprile è doppio rispetto a un anno prima, minimo della crisi, con recuperi eccezionali nei settori più colpiti (abbigliamento, mezzi di trasporto, mobili).

Prosegue l’aumento dei prezzi all’import, concentrato in energia, prodotti in metallo, chimici. Si rafforzano le prospettive per i mesi estivi, grazie al calo dei contagi: a giugno gli ordini esteri sono ai massimi.

Analisi di mercato
G20 trade and investment measures
G20 trade and investment measures
Il report analizza il commercio internazionale e le misure di investimento attuate dalle economie del G20 nel periodo maggio - ottobre 2022.
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
COP27: Africa’s Investable infrastructure opportunities
L’Africa richiede investimenti sostenibili su ampia scala per raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo.
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
L’alto di gamma cresce del 21% nel 2022
Secondo l’Osservatorio Altagamma 2022, il mercato globale dell’alto di gamma sale a circa €1.400 miliardi. Previsioni positive anche per il 2023.
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
SACE - Simest: export italiano settembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
Focus SACE: rallenta l’economia cinese
L’effetto dei continui lockdown è stato stimato in 1,2 p.p. di Pil reale nel 2022 dal Fondo Monetario Internazionale, che ha tagliato le stime di crescita del Paese a +3,2%.
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
Brief Cdp: il sistema energetico italiano
La tenuta del sistema energetico italiano è minacciata dalla tenuta dei bilanci di imprese energetiche e utenti finali e dal rischio relativo allo svuotamento degli stoccaggi.
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Grandi gruppi moda: ricavi a doppia cifra nel 2022
Il report sul Sistema Moda Mondo dell’Area Studi Mediobanca analizza i dati finanziari di 78 multinazionali con ricavi superiori a un miliardo di euro ciascuna.
Distretti industriali: export nel I semestre +17,7%
Distretti industriali: export nel I semestre +17,7%
Record storico per l’export dei distretti industriali italiani nel primo semestre dell’anno, con tutte le filiere distrettuali oltre i livelli pre-pandemici e con una crescita delle esportazioni superiore a quella tedesca.
Bollettino Economico Banca d’Italia ottobre 2022
Bollettino Economico Banca d’Italia ottobre 2022
In ottobre il Fondo monetario internazionale ha confermato la previsione di crescita del prodotto mondiale nel 2022, mentre ha ridotto la stima per l’anno prossimo al 2,7 per cento.
SACE - Simest: export italiano agosto 2022
SACE - Simest: export italiano agosto 2022
Nei primi otto mesi del 2022 le esportazioni italiane sono aumentate del 22,1% rispetto allo stesso periodo del 2021.