I principali poli economici del Brasile

di lettura

Il tessuto industriale brasiliano è composto da circa 6,14 milioni di imprese delle quali 99,6% sono PMI (ossia con fatturato inferiore a € 25 milioni) o con meno di 500 dipendenti (settore industriale) o 100 dipendenti (settore servizi/commerciale) secondo la classificazione del SEBRAE. 

Le PMI rappresentano il 30% PIL, il 40% degli stipendi e il 52% dei dipendenti registrati. La distribuzione geografica delle imprese riflette la storia economica del Brasile: più del 90% delle imprese si concentra nelle regioni Sud e Sud Est (il 54% solo nello Stato di San Paolo), dove sussiste un livello di sviluppo industriale consolidato.

Per una futura installazione, gli Stati con una tradizionale vocazione industriale, come São Paulo e Minas Gerais, offrono una base di qualificazione tecnica più diffusa, mercato sviluppato e anche una presenza sindacale maggiormente consolidata.

Altri Stati, come quelli del Nordest, ma non solo, dove, nel corso degli ultimi anni, sono state promosse politiche di incentivo per accelerare la polarizzazione industriale, possono rappresentare grandi opportunità, ma anche nuove “challenges” per le imprese.

Principali poli economici

São Paulo

  • Regione Metropolitana di São Paulo (ABC)
  • Vale do Paraíba (Embraer, Volkswagen e General Motors)
  • Regione Metropolitana di Campinas o Vale do Silício (IBM, Compaq e HP)
  • Regione di Piracicaba (imprese di biotecnologia).

Rio de Janeiro

  • Parco Industriale del Sud dello Stato, con particolare riferimento alla presenza della “CSN - Companhia Siderúrgica Nacional“, PSA Peugeot Citroën, Volkswagen Caminhões e Ônibus, Coca-Cola, Centrali Nucleari Angra 1, 2 e 3, tra le altre.
  • Bacino di Campos, con piattaforme petrolifere della Petrobras. Imprese presenti: Shell, Esso, Ipiranga e El Paso. Tutte insieme producono oltre i quattro quinti dei combustibili distribuiti nelle stazioni di servizio del Paese.

Minas Gerais

  • “BH-TEC - Parque Tecnológico de Belo Horizonte” (Parco Tecnologico di Belo Horizonte), progetto per aumentare l’offerta di manodopera specializzata del settore.
  • Complesso delle Centrali Idroelettriche (Irapè, Capim Branco I e Capim Branco II).

Bahia

  • Polo Petrolchimico di Camaçari (Ford)
  • Complesso Idroelettrico di Paulo Afonso
  • Parco Tecnologico di Salvador (TecnoVia)
  • Polo turistico Chapada Diamantina
  • Polo di Informatica di Ilhèus.

Santa Catarina

  • Polo Agroindustriale
  • Polo Tessile (Blumenau e Joinville)
  • Polo Elettrometalmeccanico
  • Polo Ceramica
  • Polo Nautico.

Pernambuco

  • Petrolchimico (Raffineria Abreu e Lima)
  • Navale (Cantiere navale Atlântico Sul e Complesso Industriale Portuario di Suape)
  • Automobilistico (FIAT, Shineray e General Motors)
  • Siderurgico (CSN - Companhia Siderúrgica Nacional)
  • Metalmeccanico (Gerdau)
  • Chimico-Farmaceutico (Gruppo Mossi & Ghisolfi)
  • Biotecnologia, tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Espírito Santo

  • Polo Industriale di Colatina (tessili)
  • Settore delle Confezioni (tessili)
  • Polo Industriale di Cachoeiro do Itapemirim (marmi e graniti)

Parà

  • Polo Industriale di Belèm /Anhanindeua e Porto
  • Santarèm
  • Marabà.

Amazonas

  • Polo Industriale di Manaus

Maranhão

  • Distretto industriale di São Luís, creato dal Decreto Statale n. 7.646, diviso in 15 aree (moduli), per un totale di 19.712 ha. Il modulo 1 del distretto occupa un’area di 317,8 ha, ed è distante 18 km dal porto di Itaqui.

Mato Grosso do Sul

  • Polo minerario e siderurgico di Corumbà. Il Mato Grosso possiede la seconda maggior riserva di ferro del Brasile (quasi 6 miliardi di tonnellate) e la seconda maggior riserva di manganese (30 milioni di tonnellate), oltre a marmo (136 milioni di m3), graniti, basalto, arena e argilla.
  • Nel Mato Grosso sono state impiantate foreste di eucaliptus per la produzione di cellulosa (VCP, Votorantim Celulose e Papel).
  • Notecole il potenziale turistico dello Stato che ospita il 65 % del “Pantanal”, maggiore estensione umida continua della terra, patrimonio dell’Umanità e Riserva della Biosfera dell’UNESCO.

Distrito Federal

  • Polo de desenvolvimento industrial Juscelino Kubitschek
  • Setor de Múltiplas Atividades (SMA)
  • Area de Desenvolvimento Econômico (ADE).

Fonte: "Modello di sviluppo industriale del Sistema Italia in Brasile" (agosto 2012)

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.