Il Qatar investe nell’energia solare

di lettura

Il piano energetico del Qatar prevede una produzione di  energia da fonti rinnovabili pari a 1,800 MW entro il 2020. 

Il Qatar investe nell’energia solare

Il Qatar ha deciso di sfruttare la sua posizione geografica e il clima favorevole per produrre maggior energia solare. Il paese ha infatti uno dei più alti indici di irradiazione solare del mondo (ogni Km. quadrato della sua superfice riceve ogni anno energia solare equivalente a 1,5 milioni di barili di petrolio).

Il ministro dell’Economia e dell’energia, Mohammed bin Saleh Al Sada, ha annunciato l’avvio di progetti pilota nel settore fotovoltaico nell’ambito di un programma che ha l’obiettivo di produrre 200MW di energia solare.

Nella prima fase, che prevede un investimento di 30 milioni di dollari, verranno realizzati impianti di piccole dimensioni (5MW-10MW) in aree sotto utilizzate. La seconda fase prevede il coinvolgimento di capitali privati per potenziare la produzione.

Uno dei protagonisti di questo ambizioso progetto è la Qatar Solar Technologies (QSTec), joint venture tra Qatar Foundation (una organizzazione non governativa semi-privata sostenuta dalla famiglia reale), la tedesca SolarWorld e Qatar Development Bank.

QSTec ha recentemente presentato il primo dei 136 moduli fotovoltaici che andranno ad alimentare il Passivhaus-Baytna project (consentendo l’abbattimento delle emissioni di CO2) e la rete della Qatar General Water and Power Corporation (Kahramaa). I pannelli ad alta efficienza utilizzati, con potenza installata di 34 kilowatt, sono in grado di produrre circa 58,000 kilowatt all’anno.

Da segnalare, tra gli operatori internazionali attivi nel settore, General Electric, Shell e ConocoPhillips. L’americana Chevron che sta investendo 10 milioni di dollari  nel Centre for Sustainable Energy Efficiency (CSEE) presso il Qatar Science & Technology Park.

L’obiettivo del programma di ricerca è di sviluppare pannelli solari resistenti alle alte temperature, che possano essere installati anche in contesti aridi e polverosi senza perdere troppa capacità di assorbimento.

Il ministro dello Sviluppo, insieme ad altre istituzioni come Qatar Green Building Council (QGBC) e Ashghal, stanno definendo nuove linee guida per la regolamentazione di una nuova ediliza Green.

L’obiettivo è di razionalizzare il consumo di energia ed acqua, minimizzare la produzione di rifiuti e l’emissione di CO2 e ridurre l’impatto ambientale.

Il documento, che verrà concluso entro la fine del 2013, potrebbe contenere delle disposizioni che favoriranno ulteriormente la diffusione su larga scala degli impianti fotovoltaici per l’edilizia abitativa.

In collaborazione con Ifpinfo.com

Tag dell'informativa
Analisi di mercato
Che export tira? Scopri i dati di febbraio 2019
Che export tira? Scopri i dati di febbraio 2019 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a febbraio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Algeria: una primavera araba “in ritardo”?
Algeria: una primavera araba “in ritardo”? Nel marzo scorso, il presidente dell’Algeria al potere dal 1999, Abdelaziz Bouteflika, 82enne in precarie condizioni di salute e assente dalla scena pubblica dal 2013, si era candidato nuovamente, per quello che sarebbe stato il suo quinto mandato.
Getting old before getting rich, una trappola per l’America Latina?
Getting old before getting rich, una trappola per l’America Latina? Nell’immaginario collettivo l’Africa è il continente giovane per eccellenza, destinato a un’esplosione demografica nei prossimi decenni; dell’America Latina si ha una vaga idea di area del mondo tutto sommato giovane, specie se rapportata all’Europa.
Commercio internazionale e cambiamento climatico: “nemiciamici”
Commercio internazionale e cambiamento climatico Nel dibattito sul cambiamento climatico poca attenzione è riservata al ruolo del commercio internazionale.
Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica
Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica Il mercato mondiale delle macchine per l’industria meccanica è un termometro sensibile della congiuntura mondiale.
I settori maggiormente esposti al rischio Brexit
I settori maggiormente esposti al rischio Brexit La Brexit continua ad essere uno dei fattori di incertezza più importanti dell’attuale congiuntura economica. 
Investimenti in infrastrutture in Africa
Investimenti in infrastrutture in Africa Gli impegni di investimento destinati allo sviluppo delle infrastrutture in Africa nel 2017 sono stati pari a circa 81,6 miliardi di dollari, di cui circa l’80% in Africa Subsahariana, in crescita del 22% rispetto al 20161.
Che export tira? Scopri i dati di gennaio 2019
Che export tira? Scopri i dati di gennaio 2019 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a gennaio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi si è intensificato a causa di tensioni di varia natura (finanziarie, valutarie e geopolitiche) che hanno investito diverse economie emergenti: Argentina e Turchia sono state le principali “vittime”.
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.