Il Qatar investe nell’energia solare

di lettura

Il piano energetico del Qatar prevede una produzione di  energia da fonti rinnovabili pari a 1,800 MW entro il 2020. 

Il Qatar investe nell’energia solare

Il Qatar ha deciso di sfruttare la sua posizione geografica e il clima favorevole per produrre maggior energia solare. Il paese ha infatti uno dei più alti indici di irradiazione solare del mondo (ogni Km. quadrato della sua superfice riceve ogni anno energia solare equivalente a 1,5 milioni di barili di petrolio).

Il ministro dell’Economia e dell’energia, Mohammed bin Saleh Al Sada, ha annunciato l’avvio di progetti pilota nel settore fotovoltaico nell’ambito di un programma che ha l’obiettivo di produrre 200MW di energia solare.

Nella prima fase, che prevede un investimento di 30 milioni di dollari, verranno realizzati impianti di piccole dimensioni (5MW-10MW) in aree sotto utilizzate. La seconda fase prevede il coinvolgimento di capitali privati per potenziare la produzione.

Uno dei protagonisti di questo ambizioso progetto è la Qatar Solar Technologies (QSTec), joint venture tra Qatar Foundation (una organizzazione non governativa semi-privata sostenuta dalla famiglia reale), la tedesca SolarWorld e Qatar Development Bank.

QSTec ha recentemente presentato il primo dei 136 moduli fotovoltaici che andranno ad alimentare il Passivhaus-Baytna project (consentendo l’abbattimento delle emissioni di CO2) e la rete della Qatar General Water and Power Corporation (Kahramaa). I pannelli ad alta efficienza utilizzati, con potenza installata di 34 kilowatt, sono in grado di produrre circa 58,000 kilowatt all’anno.

Da segnalare, tra gli operatori internazionali attivi nel settore, General Electric, Shell e ConocoPhillips. L’americana Chevron che sta investendo 10 milioni di dollari  nel Centre for Sustainable Energy Efficiency (CSEE) presso il Qatar Science & Technology Park.

L’obiettivo del programma di ricerca è di sviluppare pannelli solari resistenti alle alte temperature, che possano essere installati anche in contesti aridi e polverosi senza perdere troppa capacità di assorbimento.

Il ministro dello Sviluppo, insieme ad altre istituzioni come Qatar Green Building Council (QGBC) e Ashghal, stanno definendo nuove linee guida per la regolamentazione di una nuova ediliza Green.

L’obiettivo è di razionalizzare il consumo di energia ed acqua, minimizzare la produzione di rifiuti e l’emissione di CO2 e ridurre l’impatto ambientale.

Il documento, che verrà concluso entro la fine del 2013, potrebbe contenere delle disposizioni che favoriranno ulteriormente la diffusione su larga scala degli impianti fotovoltaici per l’edilizia abitativa.

In collaborazione con Ifpinfo.com

Tag dell'informativa
Analisi di mercato
Elementi principali dell'accordo commerciale UE-Mercosur
Elementi principali dell'accordo commerciale UE-Mercosur Dopo vent’anni di negoziati l’UE ed il Mercosur (mercato comune dell'America meridionale, ne fanno parte in qualità di Stati membri: Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Le estati bollenti della politica turca
Le estati bollenti della politica turca Il partito AKP del presidente Erdoğan ha accusato un duro colpo lo scorso 23 giugno, quando il candidato sindaco del partito d’opposizione (CHP), Imamoglu, ha vinto il rerun delle elezioni a Istanbul con il 54% dei consensi e uno scarto di oltre 800mila voti, numeri che acquisiscono grande rilevanza anche in virtù dell’elevata affluenza alle urne (85%).
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo
Accordo UE – Giappone: un volano per il Made in Italy verso Tokyo L’Economic Partnership Agreement (Epa), il più grande accordo commerciale bilaterale mai concluso dall'UE in termini di dimensioni di mercato , è entrato in vigore il 1° febbraio scorso.
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy
Mercato serbo: beni intermedi Made in Italy Pur su valori ancora relativamente contenuti, l’export italiano verso la Serbia presenta un profilo di di crescita avviato ormai da tempo. Tale tendenza è attesa confermarsi anche nei prossimi anni.
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero?
Il boom degli scambi Italia-Uruguay: un successo effimero? L’Uruguay, piccola geografia di 3,5 milioni di abitanti stretta tra due giganti quali Brasile e Argentina, ha vissuto negli ultimi tre lustri il più lungo periodo ininterrotto di crescita della sua storia.
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022
Made in Italy nel mercato croato: lo scenario al 2022 Lo scenario di previsione formulato da StudiaBo per conto di Promos Italia e Tribuna Economica con riferimento ai flussi di commercio estero al 2022 (fonte: Sistema Informativo Ulisse) evidenzia opportunità di crescita sul mercato croato per l’export italiano complessivamente superiori al mezzo miliardo di euro: +534 milioni € nel periodo 2019-2022, pari al +4% medio annuo.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
L’export di vino in USA: in quali Stati esportare?
L’export di vino in USA: in quali Stati esportare? Un'analisi dei principali mercati di destinazione dell'export vinicolo mondiale e italiano.
Africa subsahariana:opportunità per esportatori macchine tessili
Africa subsahariana: opportunità per macchine tessili Sud Africa, Mauritius, Madagascar, Etiopia, Uganda, Kenya, Tanzania e Nigeria sono i principali mercati potenziali per aziende esportatrici di macchine tessili. Scopri nell'articolo l'analisi dettagliata.