La richiesta del settore food nei paesi emergenti

di lettura

I paesi emergenti dell'area europea, asiatica e sudamericana stanno incrementasndo le importazioni di agroalimentare italiano. Pubblichiamo i dati relativi ai primi 3 trimestri del 2017 disponibili nei datamart Congiuntura WLD del Sistema Informativo Ulisse.

La richiesta del settore food nei paesi emergenti

Agroalimentare: Paesi emergenti trainanti

L'Europa  è la meta principale delle esportazioni italiane di Agroalimentare. Secondo i dati del Sistema Informativo Ulisse il 60% delle richieste del settore agroalimentare italiano, nei primi nove mesi dell'anno, sono arrivate dai paesi UE. 

Area UE

Il principale partner commerciale, tra i paesi emergenti, è la Polonia che nel 2016 ha importato 700 milioni di euro di prodotti Food dall'Italia (+9.2% per l'export italiano, a fronte del +2.7% dell'insieme dei concorrenti). Le performance positive e più favorevoli della media dei competitori sui mercati emergenti si sono registrate in:

  • Lituania (+10.3% per l'export italiano, a fronte del +34.6% dell'insieme dei concorrenti)
  • Estonia (+28.9% per le vendite dall'Italia, contro il +17% del totale competitori)
  • Croazia (+25.4% per le vendite italiane, contro il +7.7% del totale concorrenti), Ungheria (+9.2% per le vendite italiane, contro il +6.6% del totale concorrenti. 

Area Europa non UE

Da rilevare, inoltre, le performance particolarmente accelerate dell'export italiano di Agroalimentare – più favorevoli del totale dei concorrenti - sui mercati emergenti dell'area Europa NON UE. Si segnalano in particolare i risultati di:

  • Russia (+28.1% per le vendite italiane, contro il +19.3% del totale concorrenti)
  • Turchia (+25.4% per le vendite italiane, contro il +7.7% del totale concorrenti). 

America Latina

Molto positive anche le performance delle vendite italiane di Agroalimentare, superiori dell'insieme dei concorrenti, dell'America Latina:

  • Brasile (+31.7% per le vendite italiane, contro il +4.1% del totale concorrenti)
  • Cile (+59.8% per le vendite italiane, contro il +19.1% del totale concorrenti)
  • Argentina (+44% per le vendite italiane, contro il +16.5% del totale concorrenti)
  • Colombia (+16.6% per le vendite italiane, contro il +9.3% del totale concorrenti).

Asia

Andamenti positivi dell'export italiano settoriale hanno infine interessato i mercati asiatici, soprattutto in:

  • Cina (dove le vendite italiane risultano in aumento di 19.4 punti percentuali, contro il +9.4% della media dei competitori)
  • Taiwan (+13.1%, a fronte del +8.2% dell'insieme dei competitori).

Meno dinamiche della media dei concorrenti, invece, le performance - comunque positive - delle vendite italiane in India, Vietnam e Malesia.

Agroalimentare: Paesi emergenti frenanti

La principale area di mercato frenante l'export italiano di Agroalimentare nei primi 9 mesi dell'anno è rappresentata dal Medio Oriente, che ha segnato un calo complessivo delle vendite dall'Italia dovuto principalmente alle negative performance – peggiori della media dei competitori - sui mercati di:

  • Egitto (-46.2% tendenziale)
  • Arabia Saudita (-15%)
  • Emirati Arabi Uniti (-7.5%)
  • Oman e Kuwait

Il caso Egitto

Di particolare interesse è il caso dell'Egitto, dove le importazioni complessive di prodotti agroalimentari sono crollati del 23% e le esportazioni italiane del 46%. Il fattore determinante di questa debacle è stata la forte svalutazione subita dalla Lira egiziana che ha fatto crollare il potere d'acquisto degli egiziani nei confronti dell'area euro.

Le tensioni geo-politiche e il conseguente crollo del turismo in Egitto, hanno indotto la Banca Centrale del paese - nel mese di novembre del 2016 -  ad abbandonare il peg che la Lira egiziana deteneva con il dollaro, al fine di adeguare la valuta locale ai fondamentali economici del Paese. 

Il caso dell'Egitto è emblematico e mostra quanto sia importante la forza del tasso di cambio per valutare l'attrattività di un mercato di esportazione. L'Egitto, infatti, negli ultimi 3 anni ha avuto una crescita economica relativamente sostenuta (superiore al 4% annua sia nel biennio 2015-2016, sia nell'anno corrente).

Dott.ssa Annalisa Vignoli
Fonte Sistema Informativo Ulisse

 

Analisi di mercato
Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%   L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito
Che export tira? Scopri i dati di dicembre 2018 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a dicembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi ...
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.
uali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani
Quali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani La chimica è a monte di numerose filiere manifatturiere e, come tale, rappresenta un “barometro” per l’economia mondiale.
Brasile: la sfida della crescita
Brasile: la sfida della crescita La recente elezione del presidente Bolsonaro segna un cambio di rotta rispetto al corso degli ultimi tre lustri della politica brasiliana, dominati dalla figura di Lula e dal Partito dei Lavoratori (PT).
Che export tira? Scopri i dati di ottobre
Che export tira? Scopri i dati di ottobre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a ottobre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Che export tira? Scopri i dati di settembre
Che export tira? Scopri i dati di settembre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a settembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE Era il 2013 quando il Presidente cinese Xi Jinping presentava al mondo la Belt and Road Initiative (BRI), il mega-progetto che intende rivitalizzare ...
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria italiana Archiviata la crisi politica e sociale del decennio 2002-2012 e fatto salvo il riacutizzarsi del rischio politico con una rivolta militare avvenuta nel gennaio 2017, la Costa d’Avorio è una delle economie più dinamiche del continente africano.
Agroalimentare: andamento export mondiale
Agroalimentare: andamento export mondiale Nel 3° trimestre frenata per l'export mondiale, ma "a macchia di leopardo" a livello merceologico e, soprattutto, geografico.