Russia – Ucraina: il conflitto si estende alle forniture di gas

di lettura

Il conflitto Russia - Ucraina e il bando immediato USA delle importazioni del petrolio russo aumentano il disallineamento tra domanda e offerta energetica, in mercati già provati dalla pandemia.

Image

La Russia è il più grande esportatore mondiale di gas naturale, il secondo per esportazioni di greggio e prodotti petroliferi.

I Paesi Eu coprono con le importazioni il 90% dei consumi di gas e le forniture russe coprono circa il 36% del fabbisogno energetico comunitario. Dalla Russia provengono anche il 27% dell’import di greggio e il 46% del carbone.

Negli ultimi 10 anni il calo di produzione in Norvegia, i problemi di produzione in Algeria e l’instabilità in Libia hanno aumentato la dipendenza energetica europea da Mosca.

Per sottrarsi alle sanzioni internazionali, Mosca punta a dirottare i flussi di petrolio verso la Cina, ma non potrà dirottare in tempi brevi anche il gas, per mancanza di infrastrutture.

La Cina, pur avendo buoni rapporti con la Russia, vuole evitare che il conflitto coinvolga la Via della seta, arteria strategica per portare i prodotti cinesi nei mercati europei.

L’Unione europea sta definendo le misure per ridurre la dipendenza dal gas russo (REPowerEU). Il singolo Stato potrà fissare prezzi dell’elettricità al dettaglio calmierati e introdurre tasse temporanee sugli extra profitti dei produttori e venditori di energia per finanziare le misure d’emergenza a favore degli utenti. Attese razionalizzazioni anche in materia di stoccaggio del gas per promuovere un uso intelligente degli impianti sotterranei esistenti e per rendere più equa la ripartizione dei costi di approvvigionamento.

Il caso Italia

Nel mix energetico italiano, il gas naturale ha una quota del 42,5% (Germania 26% e Francia 17%). Quanto di questo gas viene importato dalla Russia?

ISPI ha creato un indice di vulnerabilità dal gas russo secondo il quale, tra i principali Paesi europei, l’Italia è di gran lunga il più dipendente dalle forniture di Mosca.

Indicatore di vulnerabilità a un'interruzione di forniture di gas dalla Russia

Vulnerabilità gas

Fortunatamente Algeria, Azerbaijan e Qatar hanno rinnovato la disponibilità a aumentare le esportazioni di gas verso l’Italia che al momento non prevede di riaprire le centrali a carbone.

Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha dichiarato che entro la primavera inoltrata circa la metà delle attuali importazioni di gas da Mosca (15-16 miliardi di metri cubi) potranno essere rimpiazzati. In 24 - 30 mesi il sistema paese dovrebbe essere del tutto indipendente. La risposta all’emergenza energetica prevede anche:

  • l’entrata in funzione di tre rigassificatori galleggianti a Falconara, Porto Empedocle e Gioia Tauro
  • il potenziamento dei tre rigassificatori attualmente in funzione (Livorno, Rovigo e Panigaglia).

Previsioni

Bank of America prevede per quest’anno:

  • nello scenario base (negativo) un prezzo medio del Brent a 110 dollari al barile (con un picco in estate a 150 dollari) e un prezzo medio del gas naturale europeo scambiato sul Ttf a 105 euro/MWh
  • nello scenario ottimistico, il conflitto si risolve in breve tempo, i flussi di materie prime tornano all'andamento di sei mesi fa, con il Brent a 95 dollari e il gas Ttf a 75 euro.
Analisi di mercato
Stime della Commissione europea primavera 2022
Stime della Commissione europea primavera 2022
La piena ripresa economica dell’Unione europea dagli impatti della pandemia è stata compromessa dall'invasione russa dell'Ucraina.
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Il Rapporto analizza le produzioni di eccellenza, l’offerta ristorativa, gli agriturismi, i musei del gusto, le Strade del vino e il posizionamento del sistema eno-gastro-turistico italiano.
La cosmetica in Lombardia
La cosmetica in Lombardia
Assolombarda e Cosmetica Italia hanno pubblicato dati aggiornati sul settore cosmetico lombardo e sulle principali destinazioni del made in Italy.
Foreign Direct Investment 2021
Foreign Direct Investment 2021
I flussi globali degli Investimenti Diretti Esteri sono aumentati dell'88% nel 2021 a 1.815 miliardi di USD (+37% rispetto ai livelli pre-pandemici). Tuttavia, le prospettive restano incerte, dato l'attuale contesto geopolitico.
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
Tra gennaio e febbraio 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del +22,6% in termini tendenziali mostrando, da un lato, una componente di rimbalzo rispetto a inizio 2021, e dall’altro, una forte crescita dei valori esportati a fronte di un aumento più contenuto dei volumi.
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Secondo il Focus SACE, il 2021 è stata un’annata scarsa per la produzione mondiale di vino: 250 milioni di ettolitri (-4% rispetto al 2020 e -7% rispetto alla media ventennale).
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Il Rapporto dell’Istat sulla competitività dei settori produttivi fornisce un quadro informativo sulla struttura, la performance e la dinamica del sistema produttivo italiano.
L’economia globale del benessere
L’economia globale del benessere
Il rapporto del Global Wellness Institute stila una classifica di 150 paesi in base alla loro spesa annuale in 11 comparti del settore benessere (alimentazione, attività fisica, bellezza, benessere mentale...).
Congiuntura agroalimentare 2021
Congiuntura agroalimentare 2021
Il Report Agrimercati di Ismea analizza le dinamiche dell’agroalimentare italiano nel 2021 e le nuove criticità legate al conflitto Russia - Ucraina.
MedTech: trend globali e previsioni
MedTech: trend globali e previsioni
L’Area Studi Mediobanca ha analizzato i conti annuali delle 227 maggiori imprese del MedTech italiano con fatturato aggregato pari a 18,6 miliardi di cui il 40% realizzati all’estero.