Rwanda: sviluppo e opportunità di business

di lettura

Il Rwanda, paese dell’Africa subsahariana, sta ormai avendo un enorme sviluppo economico, ampliando il proprio business a livello internazionale e attraendo numerosi buyer esteri nel suo mercato interno.

Rwanda: sviluppo e opportunità di business

Il Rwanda è un paese senza sbocco sul mare situato nel cuore dell'Africa sub-sahariana. È il quarto paese più piccolo del continente e copre un'area di circa 26.338 chilometri quadrati con una popolazione di circa 12 milioni di persone. 
Il PIL del Rwanda ha raggiunto in media 2,15 miliardi di dollari dal 1960 fino al 2016 e ha registrato un massimo storico di 8,38 miliardi di dollari nell'anno 2016. Il rapido sviluppo, insieme ad importanti riforme strutturali ed economiche, ha permesso al Rwanda di sostenere alti tassi di crescita economica nell'ultimo decennio. La "Rwanda Vision 2020" definisce un piano di sviluppo di lungo periodo del paese incentrato su quattro aree tematiche di crescita: sviluppo rurale, trasformazione economica, produttività e occupazione giovanile. 

Prospettive Paese e opportunità di investimento

Nel 2018, la Banca mondiale ha collocato il Rwanda al 41° posto al mondo in termini di semplicità di doing business. Secondo questa lista, il Rwanda è in seconda posizione in Africa solo dopo le Mauritius. Questa agilità ha attratto notevoli investimenti esteri rivolti alla gestione di progetti nel paese come anche nelle aree circostanti dell'Africa orientale e centrale. A metà del 2017, la Rwanda Private Sector Federation (PSF) ha firmato un accordo di collaborazione molto atteso con Confindustria - Assafrica & Mediterraneo che ha segnato un punto di partenza fondamentale nella facilitazione degli investimenti italiani verso i mercati locali in settori strategici sia per il paese che per le nostre aziende.

Il Settore dell’energia

Il settore dell'energia contribuisce in modo determinante al raggiungimento degli obiettivi a breve e lungo termine previsti nella Vision 2020 del Rwanda. Sono in corso piani per aumentare la capacità di generazione elettrica a oltre 500 megawatt, dagli attuali 200, entro la fine del 2018. Attualmente l'energia idroelettrica è la principale risorsa energetica nazionale. Esiste un immenso potenziale per lo sviluppo delle energie rinnovabili, in particolare l'energia solare, micro-idroelettrica e geotermica. L'industria fotovoltaica italiana è leader a livello mondiale e il mercato africano presenta una grande opportunità per la sua espansione. Gli obiettivi energetici del Rwanda, in particolare nel settore delle rinnovabili, offrono opportunità per la tecnologia e l'esperienza del settore fotovoltaico italiano.

Agricoltura e allevamento

Il settore agricolo apporta un contributo significativo all'economia rwandese che rappresenta circa il 30% del PIL e impiega almeno il 70% della forza lavoro nazionale. Le coltivazioni principali comprendono tè, caffè, fiori, fagioli, manioca e arachidi, tra cui svetta il caffè prodotto principalmente nelle regioni centrali e occidentali del paese. L’allevamento svolge anch’esso un ruolo chiave nell’economia rwandese. Si è registrata inoltre una crescente domanda di maggiori investimenti in infrastrutture lattiero-casearie, per le quali le aziende italiane potrebbero facilmente replicare il modello di fattorie da latte già attuato in Kenya a partire dal 2015. Nel 2014, il governo italiano e rwandese hanno firmato un accordo per la cooperazione tecnica e finanziaria volta alla creazione di un'industria di pelletteria e calzature nel paese. Industrie italiane interessate al mercato possono sicuramente trovare spazio per sviluppare questo settore dove, nonostante le forti potenzialità, ad oggi si è ancora fatto poco.

Il settore delle infrastrutture e della costruzione 

Nel 2017, il ministro delle finanze e della pianificazione economica del Rwanda ha presentato un bilancio incentrato principalmente sullo sviluppo delle infrastrutture del paese. Un continuo aumento degli investimenti in infrastrutture è visto come un acceleratore per raggiungere gli obiettivi di crescita economica del paese. Una serie di opportunità per le aziende italiane operanti nel settore edile sono presentate dall'elenco di opere attualmente in corso o previste scaricabile sui siti delle agenzie nazionali quali la Rwanda Development Board ed altre. Tra queste figurano il potenziamento dell'aeroporto di Kamembe nelle vicinanze del lago Kivu, la costruzione dell'aeroporto internazionale di Bugesera vicino al lago Rweru e il miglioramento dell'intera rete stradale nazionale. Alcune società italiane attive nel settore delle infrastrutture sono già presenti nel paese, come ad esempio una società italiana leader nel settore degli impianti a fune che sta attualmente negoziando con il governo un progetto per una funivia da più di 30 milioni di euro sul monte Karisimbi nel nord del Rwanda.

Comunicazione e tecnologia dell'informazione 

L'obiettivo del paese di trasformarsi in un'economia a rapida crescita anche nel settore delle comunicazioni ha dato lo slancio per una maggiore concentrazione degli investimenti nazionali nella tecnologia dell’informazione. Poiché le PMI rappresentano la grande maggioranza delle imprese attive in Italia e in particolare nel settore della comunicazione e della tecnologia dell’informazione, il Rwanda puo’ rappresentare un partner ideale per creare joint ventures con aziende locali. Sul sito internet della Rwanda Development Board si può consultare una lista di investimenti ed interventi del governo nel settore delle infrastrutture della comunicazione, quali la fibra ottica e la copertura della telefonia mobile, per rendersi conto delle forti possibilità per le nostre imprese italiane.

Luca Costa

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.