SACE - Simest: Export italiano aprile 2020

di lettura

In aprile le esportazioni italiane hanno registrato una caduta (-34,9%) rispetto al mese precedente, scontando gli effetti della fase di massimo lockdown nei principali mercati di sbocco.

Image

Ad aprile il valore dell’export è calato del 41,6% su base annua, spinto al ribasso dai volumi. L’andamento del trimestre febbraio-aprile è negativo (-18,9%) rispetto ai tre mesi precedenti.

Il dato di aprile ha condizionato fortemente il bilancio tendenziale dei primi quattro mesi dell’anno (-11,8%). Si tratta della caduta dell’export più marcata dalla nascita del mercato unico europeo nel 1993 ed è spiegata per oltre il 50% dal crollo delle vendite oltreconfine di metalli, mezzi di trasporto e meccanica strumentale.

L’impatto della pandemia si intensifica ed è ormai ben visibile, particolarmente nei Paesi Asean (-47,8% rispetto ad aprile 2019) e Paesi OPEC (-44,9%) ma anche in geografie europee quali Spagna (-46,1%) e Austria (-40,2%).

Si intensifica nel primo quadrimestre la contrazione della domanda proveniente dai Paesi UE, dove il numero di contagi ha continuato a crescere. Paesi Bassi (-2,6%) e Polonia (-7,8%) hanno tenuto di più pur andando in negativo, mentre Spagna (-16,9%) e Romania (-15,7%) registrano i cali maggiori.

Flessione più marcata per l’area extra-UE (-12,8%), dove il calo è a doppia cifra con alcune eccezioni, quali Turchia (-0,9%), Stati Uniti (-2,5%), Giappone (-3%) e Russia (-7,9%). Particolarmente colpiti India (-27,1%), Cina (-20,8%) e Regno Unito (-17,8%).

Focus Paesi

Resistel’export  verso il Belgio (+6,7%), unico in crescita nei primi quattro mesi dell’anno, trainato da alimentari e bevande (+8%) ma soprattutto dalla farmaceutica (+38,5%). Il Paese è infatti un hub distributivo di prodotti farmaceutici e sede di numerose multinazionali. I due settori sono in forte crescita anche in Francia (rispettivamente +8,2% e +40,4%), dove tuttavia non sono sufficienti a compensare il calo registrato negli altri comparti. Contrazione in tutti i settori (ad eccezione del legno) per le vendite verso l’India, i più colpiti sono mezzi di trasporto (-39,4%) e apparecchi elettrici (-38,2%).

Principali industrie

A livello di raggruppamenti di principali di industrie, sono i beni di consumo, nel periodo gennaio-aprile, a reggere meglio il colpo, entrando tuttavia anch’essi in territorio negativo (-5,8%). La contrazione è da ascriversi principalmente ai beni durevoli (-23,3%), mentre la flessione è lieve per i beni di consumo non durevoli (-2,2%), a conferma della minore esposizione di questi ultimi alla crisi data la loro essenzialità.

Più marcato il calo dell’export di beni strumentali (-19,9%), che soffrono del clima di incertezza. In rosso anche le esportazioni di beni intermedi (-10,2%), frenate ancora dai blocchi produttivi in essere in varie geografie e dalla conseguente interruzione in diverse catene globali del valore.

A livello di settori, è la farmaceutica a registrare la performance migliore (+22,3%), specie nei Paesi UE (+29,8%). Più moderata la crescita nell’area extra-UE (+14,6%), dove a performance molto positive in alcune geografie – quali Giappone (+50,3%) e Stati Uniti (+40,3%) – si contrappongono cali in altre – ad esempio Regno Unito (-8,6%) e Cina (-6,9%).

In lieve contrazione ma al di sopra della media l’export di carta e stampa, che ha potuto contare, tra gli altri, sul traino di Germania (+2,1%), Polonia (+1,6%) e Cina (+51,4%).

Particolarmente negative le vendite di tessile e abbigliamento (-23%), specie verso destinazioni extra europee quali Svizzera (-28,7%), Stati Uniti (-25,9%) e Giappone (-20,6%).

Fonte: SACE Simest

Analisi di mercato
Travel and tourism development index 2021
Travel and tourism development index 2021
L’indice del World Economic Forum misura i fattori e le politiche che consentono lo sviluppo sostenibile e resiliente del settore viaggi e turismo (T&T) in 117 paesi.
SACE - Simest: export italiano marzo 2022
SACE - Simest: export italiano marzo 2022
Nei primi tre mesi dell’anno l’export è aumentato del 22,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Le imprese di biotecnologie in Italia
Le imprese di biotecnologie in Italia
L’industria biotecnologica italiana si caratterizza per una forte intensità di ricerca e sviluppo con punte di eccellenza in tutti i settori di applicazione delle biotecnologie.
Il turismo europeo di alta gamma
Il turismo europeo di alta gamma
I brand europei di alta gamma detengono il 72% del mercato del lusso mondiale, rappresentano il 10% del valore dell’export totale e generano il 4% del PIL europeo (€ 800 miliardi di fatturato complessivo).
Stime della Commissione europea primavera 2022
Stime della Commissione europea primavera 2022
La piena ripresa economica dell’Unione europea dagli impatti della pandemia è stata compromessa dall'invasione russa dell'Ucraina.
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2022
Il Rapporto analizza le produzioni di eccellenza, l’offerta ristorativa, gli agriturismi, i musei del gusto, le Strade del vino e il posizionamento del sistema eno-gastro-turistico italiano.
La cosmetica in Lombardia
La cosmetica in Lombardia
Assolombarda e Cosmetica Italia hanno pubblicato dati aggiornati sul settore cosmetico lombardo e sulle principali destinazioni del made in Italy.
Foreign Direct Investment 2021
Foreign Direct Investment 2021
I flussi globali degli Investimenti Diretti Esteri sono aumentati dell'88% nel 2021 a 1.815 miliardi di USD (+37% rispetto ai livelli pre-pandemici). Tuttavia, le prospettive restano incerte, dato l'attuale contesto geopolitico.
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
Tra gennaio e febbraio 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del +22,6% in termini tendenziali mostrando, da un lato, una componente di rimbalzo rispetto a inizio 2021, e dall’altro, una forte crescita dei valori esportati a fronte di un aumento più contenuto dei volumi.
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Secondo il Focus SACE, il 2021 è stata un’annata scarsa per la produzione mondiale di vino: 250 milioni di ettolitri (-4% rispetto al 2020 e -7% rispetto alla media ventennale).