SACE - Simest: Export italiano dicembre 2018

di lettura

Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a dicembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.

Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%   L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito

Esportazioni italiane di beni nel mondo

Dopo la straordinaria performance del 2017 (+7,6%), il 2018 si è chiuso con un aumento dell'export italiano del 3%, in valore, per un totale di 463 miliardi di euro; sono invece rimasti pressoché stazionari i volumi. Si tratta di un risultato inferiore alle attese di inizio anno e che risente sia del
rallentamento dei principali partner dell’Italia (specie nella seconda metà del 2018) sia della minore dinamicità del commercio internazionale.

Il quadro congiunturale

Nel trimestre ottobre-dicembre l’export italiano ha segnato un lieve incremento (+0,9%) rispetto ai tre mesi precedenti. A dicembre invece, si è registrata una lieve flessione (-2,3%) rispetto a novembre.

Dentro e fuori l'UE

Sono stati i Paesi Ue a trainare le vendite con ottime performance in Repubblica Ceca (+6,9%) e Polonia (+5,9%). Buon andamento anche in Francia (+4,5%) e Germania (+3,6%).Nel Regno Unito si è chiuso a +1,1%.

 

Dinamica debole nei Paesi extra-Ue (+1,7%), con segni meno in Cina (a causa del netto calo nell’automotive, dopo l’aumento del 100% del 2017) Medio Oriente, Mercosur e Russia.

 

 

L’India è tra i migliori mercati del 2018 per l’export italiano (+11%), con ottime performance nei settori chimico-farmaceutico e metallurgico. Quest’ultimo, insieme al comparto chimico e degli arredamenti, ha sostenuto le vendite nel mercato americano (+5%). Oltre la media anche la meccanica strumentale. Le turbolenze finanziarie e valutarie che hanno colpito la Turchia hanno inevitabilmente avuto pesanti ripercussioni sul commercio con il Paese (-13,1%). Tra le poche eccezioni, raffinati e prodotti tessili mostrano un lieve incremento.

Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%

L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito, quali Russia e Opec. Altro settore che ha chiuso l’anno con un ottimo andamento è la metallurgia, grazie al traino di Austria, Germania e Giappone. Aumento al di sopra della media anche per la farmaceutica: spiccano le performance in Cina, Francia e Polonia.
Tra gli altri settori, bene mezzi di trasporto (autoveicoli esclusi) e tessile e abbigliamento. La meccanica strumentale chiude a +1,9%. Male invece, le vendite di autoveicoli e prodotti agricoli.

A cura di Ufficio studi

Analisi di mercato
Altagamma Social Luxury Index
Altagamma Social Luxury Index
Presentata la seconda edizione della ricerca di Accenture Interactive - Altagamma, secondo cui il Made in Italy è una leva reputazionale di rilievo con un potenziale ancora da sviluppare.
Tendenze internazionali del settore alberghiero e contract
Tendenze internazionali del settore alberghiero e contract
I settori Alberghiero e del Contract travalicano il turismo e coinvolgono l'indotto dell'edilizia e dell’arredo, gli studi professionali di architettura, ingegneria e interior design, la tecnologia applicata alla smart home e il mercato degli investimenti finanziari.
Crolla l’export calzaturiero nei primi mesi 2020
Crolla l’export calzaturiero nei primi mesi 2020
Centro Studi di Confindustria Moda ha elaborato per Assocalzaturifici i dati sull’andamento del calzaturiero italiano nei primi mesi del 2020.
Altagamma Consumer and Retail Insight 2020
Altagamma Consumer and Retail Insight 2020
L’edizione 2020 dell’Altagamma Consumer and Retail Insight ha analizzato l’impatto di Covid-19 sul mondo luxury e l’evoluzione del comportamento dei consumatori e delle strategie di distribuzione delle imprese.
Rapporto annuale Istat 2020
Rapporto annuale Istat 2020
L’Istat ha pubblicato il rapporto annuale che fotografa la situazione del Paese. Proponiamo una sintesi dei principali trend macroeconomici.
Previsioni Confindustria, Banca d’Italia, FMI e Fitch
Previsioni Confindustria, Banca d’Italia, FMI e Fitch
Fare previsioni macroeconomiche in periodi pandemici è estremamente complesso. Dal confronto delle proiezioni di primarie fonti nazionali e internazionali emergono alcune differenze.
Impatto della pandemia sui progetti internazionali di Edilizia e Arredo
Impatto della pandemia sui progetti internazionali di Edilizia e Arredo
Il Covid-19 ha evidenziato la centralità della casa, non solo come nido accogliente e protettivo, ma anche come luogo di lavoro e intrattenimento. 
Opportunità settoriali per l'export italiano in Malesia
Opportunità settoriali per l'export italiano in Malesia
Nel periodo 2020-2023, esistono buone opportunità di crescita sul mercato malese per l’export italiano complessivamente pari a circa +370 milioni di euro, pari al +6.2% medio annuo.
Commercio estero extra Ue Maggio 2020
Commercio estero extra Ue Maggio 2020
A maggio 2020 l’Istat stima, per l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue , un marcato aumento congiunturale per le esportazioni (+37,6%) e una lieve contrazione per le importazioni (-2,4%).
Covid Global Consumer Spend Tracker
Covid Global Consumer Spend Tracker
Il report di IRI e BCG aggiorna i trend dei consumi in Francia, Germania, Italia, Olanda, Regno Unito, Spagna, USA e Nuova Zelanda. Crescono i farmaci da banco, i surgelati e i prodotti caseari.