SACE - Simest: Export italiano dicembre 2018

di lettura

Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a dicembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.

Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%   L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito

Esportazioni italiane di beni nel mondo

Dopo la straordinaria performance del 2017 (+7,6%), il 2018 si è chiuso con un aumento dell'export italiano del 3%, in valore, per un totale di 463 miliardi di euro; sono invece rimasti pressoché stazionari i volumi. Si tratta di un risultato inferiore alle attese di inizio anno e che risente sia del
rallentamento dei principali partner dell’Italia (specie nella seconda metà del 2018) sia della minore dinamicità del commercio internazionale.

Il quadro congiunturale

Nel trimestre ottobre-dicembre l’export italiano ha segnato un lieve incremento (+0,9%) rispetto ai tre mesi precedenti. A dicembre invece, si è registrata una lieve flessione (-2,3%) rispetto a novembre.

Dentro e fuori l'UE

Sono stati i Paesi Ue a trainare le vendite con ottime performance in Repubblica Ceca (+6,9%) e Polonia (+5,9%). Buon andamento anche in Francia (+4,5%) e Germania (+3,6%).Nel Regno Unito si è chiuso a +1,1%.

 

Dinamica debole nei Paesi extra-Ue (+1,7%), con segni meno in Cina (a causa del netto calo nell’automotive, dopo l’aumento del 100% del 2017) Medio Oriente, Mercosur e Russia.

 

 

L’India è tra i migliori mercati del 2018 per l’export italiano (+11%), con ottime performance nei settori chimico-farmaceutico e metallurgico. Quest’ultimo, insieme al comparto chimico e degli arredamenti, ha sostenuto le vendite nel mercato americano (+5%). Oltre la media anche la meccanica strumentale. Le turbolenze finanziarie e valutarie che hanno colpito la Turchia hanno inevitabilmente avuto pesanti ripercussioni sul commercio con il Paese (-13,1%). Tra le poche eccezioni, raffinati e prodotti tessili mostrano un lieve incremento.

Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%

L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito, quali Russia e Opec. Altro settore che ha chiuso l’anno con un ottimo andamento è la metallurgia, grazie al traino di Austria, Germania e Giappone. Aumento al di sopra della media anche per la farmaceutica: spiccano le performance in Cina, Francia e Polonia.
Tra gli altri settori, bene mezzi di trasporto (autoveicoli esclusi) e tessile e abbigliamento. La meccanica strumentale chiude a +1,9%. Male invece, le vendite di autoveicoli e prodotti agricoli.

A cura di Ufficio studi

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.