SACE - Simest: Export italiano febbraio 2020

di lettura

Nei primi due mesi dell'anno le esportazioni italiane di beni in valore hanno registrato una crescita del 4,7% rispetto a gennaio-febbraio 2019.

SACE - Simest: Export italiano febbraio 2020

In febbraio le esportazioni sono cresciute dell’1,1% rispetto al mese precedente, registrando un lieve rallentamento. Nel complesso del trimestre dicembre-febbraio il segno è positivo (+0,6%) rispetto ai tre mesi precedenti. A febbraio il valore dell’export è aumentato del 7% su base annua, grazie sia ai valori medi unitari sia  ai volumi.

Alcune indicazioni dell’impatto del Coronavirus sono visibili nei dati verso la Cina (-21,6% a febbraio rispetto a un anno prima) e, più in generale, sui paesi asiatici (-6,5%).

Il dato tendenziale di febbraio è influenzato dalla performance della farmaceutica, che da sola spiega un terzo della crescita dell’export del mese. Nei primi due mesi continua il trend positivo di settori come quello alimentare, oltre al farmaceutico, e in alcune geografie (ad esempio Stati Uniti, Giappone).

A febbraio è la domanda proveniente dai Paesi UE a trainare l’export; nei primi due mesi aggregati tuttavia, rimane più dinamica quella delle geografie fuori dal mercato comune. La performance nel primo bimestre è stata sopra la media in Belgio (+18,5% gennaio-febbraio 2020 rispetto gli stessi mesi del 2019), Paesi Bassi (+12,9%) e Polonia (+10,1%).

Rimane forte la domanda di Made in Italy in Giappone (+23,1%) e Stati Uniti (+16,1%). Continua l’effetto base in Africa Subsahariana (+26,2%), Paesi Opec (+14,5%) e Turchia (+35,9%). In negativo, oltre a Cina e India, il Regno Unito, da questo mese nei paesi extra-UE.

Torna a crescere l’export verso la Germania – primo mercato di destinazione dell’Italia – dopo la contrazione registrata in gennaio. Alimentari e bevande, farmaceutica e mezzi di trasporto trainano le vendite verso Berlino.

Cambio di segno anche per le esportazioni italiane in Russia, in crescita (+6,2%) grazie alle performance di meccanica strumentale, alimentari e bevande e prodotti chimici. 

Industrie e settori

A livello di raggruppamenti principali di industrie, i beni di consumo confermano la maggiore dinamicità, trainati soprattutto dai beni non durevoli (+8,5%). Si registra però una buona performance anche dalle esportazioni di beni di consumo durevoli (+6,3%).

Le esportazioni italiane di beni strumentali proseguono l’andamento positivo registrato in gennaio, dopo la lieve contrazione del 2019. Cambio di direzione per i beni intermedi che, dopo la flessione nel primo mese dell’anno, recuperano a febbraio raggiungendo nei primi due mesi una crescita dell’1% in termini tendenziali.

La farmaceutica torna a crescere a ritmi elevati, supportata da una forte domanda diffusa a livello globale, con alcune importanti eccezioni quali Austria, Regno Unito, Russia, Svizzera, Cina e India. Rallenta l’export di moda Made in Italy, dove a pesare negativamente è stato il calo della domanda nei paesi extra-UE a febbraio.

Gli altri mezzi di trasporto – che includono treni, aerei e navi – hanno beneficiato della forte domanda proveniente dai mercati extra europei e sono stati condizionati da alcune movimentazioni di carattere occasionale nel settore della cantieristica navale. In particolare, sono state molto positive le vendite verso Svizzera, Stati Uniti e Paesi Opec.

Fonte: SACE

Analisi di mercato
Turismo in Europa: la sfida dei corridoi Covid-free
Turismo in Europa: la sfida dei corridoi Covid-free
La competizione per attirare il maggior numero possibile di turisti, sfruttando la situazione generata dalla pandemia, è molto accesa in Europa.
Indagine Mediobanca sulle società del settore vinicolo
Indagine Mediobanca sulle società del settore vinicolo
La prima sezione dell’indagine annuale riguarda 215 società di capitali italiane operanti nel settore vinicolo, la seconda  analizza l’aggregato delle 14 maggiori imprese internazionali quotate con fatturato superiore a 150 milioni di euro.
India: nuovo polo manifatturiero mondiale?
India: nuovo polo manifatturiero mondiale?
Analisi dei fattori che stanno rendendo l’India una destinazione ideale per sostituire la Cina quale nuovo polo manifatturiero mondiale.
Prometeia: Analisi dei Settori industriali maggio 2020
Prometeia: Analisi dei Settori industriali maggio 2020
Il manifatturiero italiano è stato fortemente colpito dal duplice shock di domanda e offerta indotto dalla pandemia. Prometeia e Intesa Sanpaolo prevedono per il 2020 una contrazione del fatturato del 15%.
Aibe Instant Survey - Covid 19
Aibe Instant Survey - Covid 19
La prima «Instant Survey» - condotta da Aibe con la collaborazione del Censis – analizza le misure economiche prese dai principali Paesi a seguito della pandemia e gli elementi che hanno particolare rilevanza per le prospettive di ripresa dell’Italia.
WEF: Covid-19 Risks Outlook
WEF: Covid-19 Risks Outlook
World Economic Forum, in collaborazione con Marsh & McLennan e Zurich Insurance Group, ha pubblicato un report sui rischi della pandemia per lo sviluppo economico.
Osservatorio Mediobanca: la Gdo italiana e i maggiori operatori stranieri
Osservatorio Mediobanca: la Gdo italiana e i maggiori operatori stranieri
Secondo l’Ufficio Studi di Mediobanca il contesto competitivo della Gdo italiana resta connotato da alcuni limiti strutturali il cui superamento potrebbe essere accelerato dalla crisi sanitaria.
E-commerce in Italia 2020
E-commerce in Italia 2020
Il report di Casaleggio Associati presenta l’andamento dell’e-commerce B2C in Italia nel 2019 e descrive l'impatto del Covid-19 sul commercio elettronico nei primi mesi 2020.
Cerved: previsioni ricavi imprese italiane nel 2020-21
Cerved: previsioni ricavi imprese italiane nel 2020-21
Le imprese italiane potrebbero perdere, a causa del Covid-19, tra i 270 e i 650 miliardi di fatturato nel biennio 2020-21, a seconda della durata dell’epidemia e della velocità della ripresa economica.
I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni
I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni
La Germania ha oltre 82 milioni di abitanti e un Pil pro-capite di circa 45mila euro annui.