SACE - Simest: Export italiano gennaio 2018

di lettura

Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano nei primi mesi del 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.

Image

Esportazioni italiane di beni nel mondo

L’export italiano ha iniziato bene il 2018: +9,5%.
L’aumento è però più contenuto (+2,7%) se si tiene conto delle differenze nei giorni lavorativi (uno in più nel gennaio 2018).
Replicare la performance del 2017 sarà difficile, ma le prospettive di crescita degli scambi globali per il 2018 sono incoraggianti (4-5%) e, al netto di una brusca escalation protezionistica, il nostro export ne beneficerà.

Dentro e fuori l'UE

L’export nei Paesi Ue è avanzato del 13% sostenuto dalle vendite nell’EstEuropa (Polonia e Rep. Ceca intorno al 20%). Buon andamento anche nei mercati più tradizionali (Francia, Germania, Spagna e anche UK).

 

 

Le vendite nell’area extra-Ue hanno segnato un +4,8%.Ottima performance in India (+19,6%); ancora in difficoltà invece la domanda dei Paesi OPEC (-13,4%).

 

 

Il quadro congiunturale

    

Nel trimestre novembre-gennaio si è assistito a un aumento delle esportazioni italiane dell’1,7% in termini congiunturali. A gennaio invece, rispetto a dicembre, vi è stato un calo del 2,5%.La Cina continua a fare da traino per l’export Made in Italy: +10,6% nella fase di avvio del 2018 con meccanica strumentale e abbigliamento tra i settori più dinamici. In lieve flessione invece le esportazioni verso gli Stati Uniti (-1,4%), sebbene vi siano settori in controtendenza, quali alimentari, autoveicoli e farmaceutica. Infine, meccanica strumentale e metallurgia hanno sostenuto le vendite in Germania (+9,8%).

 

A livello di principali raggruppamenti, le esportazioni di beni intermedi e di beni di consumo hanno mostrato le dinamiche migliori (rispettivamente +13% e +12,2%). L’export di beni strumentali ha registrato invece un aumento più contenuto pari al 4,6%.
Tra i beni di consumo, l’andamento dei non durevoli (+12,2%) e dei durevoli (+12,1%) è stato piuttosto omogeneo.

L’export di alimentari e bevande è cresciuto del 12,8%: in evidenza Spagna, Giappone, Turchia e Francia.
Quest’ultima, insieme a Svizzera e Stati Uniti, ha trainato le esportazioni della farmaceutica (+25,9%); bene anche l’andamento nei Paesi Asean.
La metallurgia ha iniziato il nuovo anno con un +17,1% grazie all’aumento delle vendite in Cina, India, Regno Unito e Spagna.
Tra i migliori settori, a gennaio si segnalano anche chimica (+14,4%), gomma e plastica (+11%) e mobili e gioielli (+13,4%).

 

* Tutte le percentuali sui grafici rappresentano la variazione % gen 18 su gen 17

A cura di Ufficio Studi

Analisi di mercato
La cosmetica in Lombardia
La cosmetica in Lombardia
Assolombarda e Cosmetica Italia hanno pubblicato dati aggiornati sul settore cosmetico lombardo e sulle principali destinazioni del made in Italy.
Foreign Direct Investment 2021
Foreign Direct Investment 2021
I flussi globali degli Investimenti Diretti Esteri sono aumentati dell'88% nel 2021 a 1.815 miliardi di USD (+37% rispetto ai livelli pre-pandemici). Tuttavia, le prospettive restano incerte, dato l'attuale contesto geopolitico.
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
SACE - Simest: export italiano febbraio 2022
Tra gennaio e febbraio 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del +22,6% in termini tendenziali mostrando, da un lato, una componente di rimbalzo rispetto a inizio 2021, e dall’altro, una forte crescita dei valori esportati a fronte di un aumento più contenuto dei volumi.
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Vino: performance 2021 e impatto del conflitto in Ucraina
Secondo il Focus SACE, il 2021 è stata un’annata scarsa per la produzione mondiale di vino: 250 milioni di ettolitri (-4% rispetto al 2020 e -7% rispetto alla media ventennale).
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi
Il Rapporto dell’Istat sulla competitività dei settori produttivi fornisce un quadro informativo sulla struttura, la performance e la dinamica del sistema produttivo italiano.
L’economia globale del benessere
L’economia globale del benessere
Il rapporto del Global Wellness Institute stila una classifica di 150 paesi in base alla loro spesa annuale in 11 comparti del settore benessere (alimentazione, attività fisica, bellezza, benessere mentale...).
Congiuntura agroalimentare 2021
Congiuntura agroalimentare 2021
Il Report Agrimercati di Ismea analizza le dinamiche dell’agroalimentare italiano nel 2021 e le nuove criticità legate al conflitto Russia - Ucraina.
MedTech: trend globali e previsioni
MedTech: trend globali e previsioni
L’Area Studi Mediobanca ha analizzato i conti annuali delle 227 maggiori imprese del MedTech italiano con fatturato aggregato pari a 18,6 miliardi di cui il 40% realizzati all’estero.
Bollettino economico Banca d’Italia aprile 2022
Bollettino economico Banca d’Italia aprile 2022
Banca d’Italia pubblica le stime dell’impatto sull’economia nazionale del conflitto Russia - Ucraina.
Indice PMI settore manifatturiero Eurozona,  marzo 2022
Indice PMI settore manifatturiero Eurozona, marzo 2022
L'indice PMI del manifatturiero dell’Eurozona, a marzo, scende a 56.5 (era 58.2 a febbraio) a causa dell'inflazione e delle tensioni geopolitiche crescenti.