SACE - Simest: Export italiano Marzo 2021

di lettura

Accelera la ripresa dell’export a marzo (+3,2% vs. feb.‘21) e nel primo trimestre dell’anno (+2,6% rispetto a ottobre-dicembre 2020).

Image

Si è osservata una forte crescita delle esportazioni in termini tendenziali (+28,1% mar ‘21 vs mar ‘20), attribuibile principalmente a un aumento dei volumi (+22,4%).

Rispetto a marzo 2020, primo mese di pandemia, la crescita è diffusa a livello geografico e settoriale, trainata dalle vendite oltreconfine di metalli di base e prodotti in metallo, macchinari e apparecchi e autoveicoli.

Dentro e fuori l’Unione Europea

Nei primi tre mesi dell’anno le vendite di beni verso i Paesi Ue guidano la ripresa (+8,1% il dato tendenziale); le migliori performance arrivano da Paesi Bassi (+19,5%), Polonia (+17,4%), Germania (+11,0%); lievemente più lenta la ripresa per Francia (+7,0%), Belgio (+6,3%) e Spagna (+5,8%).

Crescita più contenuta per i mercati extra-Ue (+0,7%), frenati da Stati Uniti (-13,4%), Regno Unito (-12,2%) e Giappone (-3,4%). Di segno opposto l’export verso Cina (+43,2%), Oceania (+20,4%) e Mercosur (+17,0%) per i quali prosegue la ripresa in atto da inizio anno.

Focus Paesi

Nel primo trimestre 2021 si osserva una buona dinamica della domanda di prodotti farmaceutici in Polonia e Svizzera (rispettivamente +16,7%, +13%), mentre continuano a contrarsi in India (-11,2%) nonostante la terza ondata pandemica non fosse ancora sopraggiunta.

In forte aumento l’export di computer, apparecchi elettronici e ottici sia verso Nuova Delhi (+62,2%) che Berna (+57,4%), mentre la contrazione è a doppia cifra verso Varsavia (-11,3%). In crescita in tutti e tre i mercati anche le esportazioni di apparecchi elettrici (India +27,3%, Polonia +25,9% e Svizzera +16,2%).

Focus industrie e settori

A livello di raggruppamenti principali di industrie, ottima la performance  delle vendite oltreconfine di beni intermedi (+6,7% rispetto al primo trimestre del 2020), trainati dalla crescita dei metalli di base e prodotti in metallo.

Seguono per crescita i beni strumentali (+6,0%), nonostante il contrappeso delle movimentazioni occasionali verso gli Stati Uniti di cantieristica navale di inizio 2020 (-12,7% il dato complessivo di altri mezzi di trasporto).

Terzo gradino del podio, per i beni di consumo che, seppure registrino una performance inferiore alla media, restano in territorio positivo (+2,7%): se, infatti, i beni non durevoli mostrino ancora un lieve calo (-0,3%), compensano ampiamente i beni durevoli (+19,3%).

Elevata crescita nel primo trimestre dell’anno per gli autoveicoli (+22,3%), grazie a una forte domanda tedesca (+40,0%), francese (+36,1%) e statunitense (+11,1%); un buon segnale dopo un’annata particolarmente difficile per il settore, ancora caratterizzato da alcuni vincoli di offerta. Ripresa a doppia cifra anche per l’export di mobili (+13,4%), in crescita in importanti mercati quali Francia (+26,8%), Stati Uniti (+14,5%) e Svizzera (+18,7%).

L’export di gomma e plastica, anch’esso in crescita (+4,1%), vive al suo interno una dicotomia: da un lato la leva positiva di Francia e Germania (+10,7% e 3,3% rispettivamente), dall’altro il freno di Stati Uniti e UK (nell’ordine -5,2% e -5,0%) a indicare che non si è ancora fuori dal guado.

Fonte: SACE - SIMEST

Analisi di mercato
Report 2020 AssoBirra
Report 2020 AssoBirra
Secondo i dati pubblicati da AssoBirra, nel 2020 la produzione nazionale è dimi­nuita dell’8,4% (da 17.288.000 ettolitri a 15.829.000).
Indagine congiunturale industria metalmeccanica italiana
Indagine congiunturale industria metalmeccanica italiana
La produzione metalmeccanica, dopo il crollo registrato nel 2020 (-13,5%), ha evidenziato un progressivo miglioramento.
Evoluzione del commercio con l’estero per aree e settori 2021
Evoluzione del commercio con l’estero per aree e settori 2021
Il Rapporto ICE-Prometeia traccia l’andamento dell’export italiano durante l’emergenza pandemica e indica la prospettiva di ripresa del commercio mondiale per settori e per Paesi.
Migliorano le previsioni Istat sull’economia italiana
Migliorano le previsioni Istat sull’economia italiana
L’Istat prevede per l’Italia una sostenuta crescita del Pil sia nel 2021 (+4,7%), sia nel 2022 (+4,4%).  
Ocse e Banca d’Italia rivedono al rialzo previsioni di crescita
Ocse e Banca d’Italia rivedono al rialzo previsioni di crescita
Secondo il recente Outlook dell’Ocse l’economia italiana crescerà quest’anno del 4,5% (a marzo era +4,1%) e del 4,4% nel 2022 (+4% a marzo). Il Pil tornerà ai livelli del 2019 nel secondo semestre del 2022.
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2021
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2021
Il Rapporto sulla competitività dei settori produttivi elaborato dall'Istat fornisce alcune prime misurazioni degli effetti economici della pandemia.
SACE - Simest: Export italiano Marzo 2021
SACE - Simest: Export italiano Marzo 2021
Accelera la ripresa dell’export a marzo (+3,2% vs. feb.‘21) e nel primo trimestre dell’anno (+2,6% rispetto a ottobre-dicembre 2020).
Consensus e Monitor Altagamma Maggio 2021
Consensus e Monitor Altagamma Maggio 2021
Nel 2021 riprenderanno i consumi personali di lusso, trainati dalla forte domanda cinese e statunitense e dalla definitiva affermazione dell’ecosistema digitale.
L’export riprende slancio nel primo trimestre
L’export riprende slancio nel primo trimestre
Secondo i dati Istat, nel primo trimestre 2021, rispetto al precedente, l’export cresce del 2,6%, l’import del 5%.
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Secondo il recente report dell’Istat, nel 2020, il 38,5% delle aziende zootecniche italiane ha una gestione informatizzata degli allevamenti (rispetto al 6,6% del 2010).