SACE - Simest: Export italiano novembre 2020

di lettura

Nei primi undici mesi del 2020 l'export italiano di beni ha registrato una flessione del 10,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Image

Il mese di riferimento

La congiuntura. Le esportazioni italiane a novembre riprendono la crescita interrotta il mese precedente (+4,0% rispetto a ottobre), mentre il dato trimestrale, pur rimanendo positivo, diminuisce (+7,6% nell’ultimo trimestre rispetto a giugno-agosto).

Il trend. A novembre 2020 si è osservata una crescita delle esportazioni in termini tendenziali (+1,1%).

Contesto globale. Rispetto a novembre 2019, la domanda proveniente da molti mercati risulta in crescita (in particolare da Cina, Germania e Svizzera), altri, invece, continuano a mostrare difficoltà (ad esempio, Opec e Africa settentrionale)

I primi 11 mesi

Con riferimento ai primi undici mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2019, l’andamento dell’export risulta negativo (-10,8%). Sono stati particolarmente colpiti dallo shock pandemico tessile e abbigliamento (-20,3%), mezzi di trasporto (-14,0%) e meccanica strumentale (-13,8%).

Dentro e fuori l’Unione Europea

Sebbene tra gennaio e novembre le vendite oltreconfine rimangano in territorio negativo, in alcuni Paesi la contrazione è stata inferiore alla media. Nell’Ue, si segnalano Germania (-5,7% gen-nov 2020 vs gen-nov 2019), Polonia (-6,2%) e Paesi Bassi (-6,7%), con l’eccezione positiva del Belgio (+4,2%).

Tra i mercati extra-Ue si segnalano, invece, Cina (-2,6%), Svizzera (-3,5%), e Giappone (-7,4%). Particolarmente negative le esportazioni dirette verso America centro-meridionale (-17,1%), Paesi Asean (-17,4%), Africa settentrionale (-18,8%), e India (-26,0%).

Focus Paesi

Nei primi 11 mesi dell’anno si osserva una flessione dei prodotti in legno in Germania, Regno Unito e Cina (rispettivamente -1,3%, -14,6% e -20,7% rispetto a gen-nov 2019); meno negative le performance degli apparecchi elettronici che tuttavia registrano un calo verso Pechino (-0,6%), Londra (-4,7%) e Berlino (-4,9%).

Risultano invece positive le vendite di alimentari e bevande verso tutti e tre i Paesi (+18,5% Cina, +5,5% Germania, +2,3% UK). È inoltre in crescita la domanda di prodotti in metallo da parte di Cina (+31,5%) e Regno Unito (+7,8%), mentre è negativa in Germania (-13,3%).

Focus industrie e settori

A livello di raggruppamenti principali di industrie, la contrazione si riduce per le vendite oltreconfine di beni di consumo (-8,0% rispetto al periodo gennaio-novembre del 2019). All’interno del raggruppamento è ancora l’export di beni di consumo non durevoli a mostrare un andamento meno negativo (-6,8%) rispetto all’ampia flessione dei beni durevoli (-13,6%).

Dinamica simile per le esportazioni di beni intermedi (-8,7%), dove ad attenuare il crollo è l’andamento di prodotti chimici, metalli di base e prodotti in metallo.

È ancora a doppia cifra, invece, la flessione dei beni strumentali (-13,4%), che tuttavia mostrano una buona ripresa nel mese di novembre (+5,2% rispetto allo stesso mese del 2019).

La domanda estera di prodotti farmaceutici rappresenta una delle poche eccezioni positive nei primi 11 mesi dell’anno (+4,7%) grazie alla performance del settore nei Paesi Ue (+11,6%), a fronte della contrazione nei Paesi extra Ue. Contribuisce in particolare la domanda di Belgio (+16,8%), Francia (+14,2%) e Spagna (+10,7%). 

In linea con l’export complessivo l’andamento degli apparecchi elettrici (-10,5%), per cui si osserva una domanda in crescita in Cina (+3,7%), Turchia (+5,8%) e Stati Uniti (+8,5%). 

Le vendite di tessile e abbigliamento sono invece in forte contrazione in tutte le geografie, con performance particolarmente negative verso India (-33%) e Stati Uniti (-28,4%).

Fonte: SACE - Simest

Analisi di mercato
Report SACE sul sistema moda
Report SACE sul sistema moda
“ Il Fashion tornerà di moda? ” analizza il settore tessile-moda italiano e gli scambi con l’estero e prevede la ripresa dallo shock pandemico nel corso di quest’anno.
SACE - Simest: export italiano novembre 2021
SACE - Simest: export italiano novembre 2021
A novembre, l’export italiano di beni si conferma in crescita (+2,7% su ottobre), grazie agli aumenti registrati verso l’area extra-Ue (+2,9%) e Ue (+2,4%).
Commercio con l’estero novembre 2021
Commercio con l’estero novembre 2021
Nel trimestre settembre-novembre 2021, rispetto al precedente, l’export cresce dell’1,9%, l’import del 4,5%.
Nota mensile Istat dicembre 2021
Nota mensile Istat dicembre 2021
In Italia, a novembre, l’indice della produzione industriale ha mostrato un deciso incremento. Nel quarto trimestre, la fiducia di famiglie e imprese si è mantenuta su livelli storicamente elevati.
Olio di oliva: campagna 2021/22
Olio di oliva: campagna 2021/22
Secondo il Rapporto Ismea dedicato all’olio di oliva, le prime stime produttive a livello internazionale attestano i volumi della campagna in corso a 3,1 milioni di tonnellate.
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Secondo dati UCIMU-sistemi per produrre tutti i principali indicatori settoriali hanno registrato incrementi a doppia cifra. Il trend proseguirà anche nel 2022, anno in cui sarà recuperato il terreno perso nel 2020.
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
Nei primi dieci mesi del 2021 l'export italiano di beni è cresciuto del 18,6%. Seppur in decelerazione rispetto ai mesi precedenti, le vendite oltreconfine si mantengono superiori rispetto ai livelli pre-crisi.
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Secondo l’analisi di Euler Hermes (Allianz), il commercio globale crescerà nel 2022 del 5,4% anche se le discontinuità nelle catene di approvvigionamento rimarranno elevate fino alla seconda metà dell’anno.
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
L’Istat prevede una crescita sostenuta del Pil italiano nel biennio 2021-2022 (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo).
Worldwide Cost of Living 2021
Worldwide Cost of Living 2021
Secondo il rapporto dell'Economist Intelligence Unit, la città più costosa al mondo in cui vivere è Tel Aviv che guadagna 5 posizioni rispetto alla precedente edizione.