SACE - Simest: Export italiano ottobre 2020

di lettura

L'export italiano di beni mostra una contrazione del 12% nei primi dieci mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Image

Mese di riferimento

La congiuntura. Le esportazioni italiane a ottobre interrompono la crescita in atto nei mesi precedenti (-1,3% rispetto a settembre), mentre il dato trimestrale continua a rimanere positivo (+13,5% nell’ultimo trimestre rispetto a maggio-luglio).

Il trend. A ottobre si è osservata una diminuzione dell’export in termini di volumi (-8,8% rispetto allo stesso mese del 2019) mentre i valori medi unitari sono rimasti pressoché stabili (+0,4%).

Contesto globale. Rispetto a ottobre 2019, alcuni mercati risultano in crescita (in particolare, Polonia, Svizzera e Mercosur), altri, invece, mostrano una flessione (ad esempio, USA e Asean).

Come sta andando nei primi 10 mesi

Con riferimento ai primi dieci mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2019, l’andamento dell’export risulta negativo (-12,0% in termini tendenziali). Si noti che il peggioramento rispetto all’ultima uscita della pubblicazione è dovuto, in parte, anche alla revisione messa in atto da Istat che ha riguardato il 2019 e i primi 5 mesi del 2020.

Dentro e fuori l’Unione Europea

Sebbene nei primi dieci mesi del 2020 l’andamento generale dell’export sia stato negativo, in alcuni Paesi la contrazione è stata inferiore alla media. Nell’Unione europea, si segnalano Germania (-7,2% gen-ott 2020 vs gen-ott 2019), Paesi Bassi (-7,2%) e Polonia (-8,1%), con l’eccezione positiva del Belgio (+4,2%).

Tra i mercati extra-UE si segnalano, invece, Svizzera (-5,2%), Cina (-6,3%) e Giappone (-6,8%). In particolare difficoltà le esportazioni dirette verso America centro-meridionale (-18,6%), Paesi Asean e Africa settentrionale (entrambi in contrazione del 19,1%), nonché India (-28,5%).

Focus Paesi

Tra gennaio e ottobre si è osservata un’ampia flessione di tessile e abbigliamento (-20,8%); meno negative le performance del settore in Polonia, Russia e Francia. Verso questi Paesi l’export totale è in calo, rispettivamente, del -8,1%, -11,4% e -13,6%.

I mezzi di trasporto mantengono un’incidenza negativa nelle scelte di imprese e consumatori francesi (-20,9%) e polacchi (-28,4%), mentre il settore è in crescita in Russia (+27,7%), nonostante il calo dell’automotive.

La domanda di apparecchi elettrici risulta meno contratta della media per Mosca, Varsavia e Parigi (rispettivamente -6,6%, -10,0% e -13,4%).

Focus industrie e settori

In termini di raggruppamenti principali di industrie, le esportazioni di beni di consumo si sono mantenute sopra la media (-8,5% rispetto ai primi dieci mesi del 2019). Le vendite dei beni di consumo non durevoli hanno mostrato un andamento meno negativo (-7,1%) rispetto a quello delle vendite dei beni durevoli (-15,7%).

Per l’export di beni intermedi (-10,2%), la dinamica relativamente meno negativa di prodotti chimici e in metallo risulta decisiva per l’aggregato, che ottiene un risultato migliore delle esportazioni complessive.

Si conferma negativo l’andamento dei beni strumentali (-15,2%), che rallentano la ripresa in atto da maggio (+0,5% di ottobre rispetto a settembre scorso).

La domanda estera di prodotti in metallo è calata del 9,5%. Questo risultato è dovuto all’andamento positivo dell’export registrato verso i Paesi extra-UE (+2,6%).

L’export di prodotti in legno ha mostrato, in generale, una flessione del 18,1% dovuta al crollo della domanda in Cina (-22,4%), Spagna (-35,9%), Romania (-46,0%) e India (-52,3%). Il calo è stato invece più contenuto in alcuni importanti mercati di sbocco quali Germania (-3,3%) e Svizzera (-6,6%).

Le vendite di meccanica strumentale rispecchiano quelle del proprio raggruppamento (-15,3%), con performance meno negative della media per Pechino e Bruxelles (entrambe -8,0%) e positive per Istanbul (+8,8%).

FonteSace Simest

Analisi di mercato
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Agli stati generali del biologico, promossi all’interno di SANA, presentata la ricerca sul bio Made in Italy con dati aggiornati sull’export.
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
Nei primi sette mesi del 2022 le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Il report “2022, la guerra dell’olio Made in Italy” di Coldiretti e Unaprol descrive uno scenario segnato dai cambiamenti climatici e dai rincari di energia e materie prime che pesano su aziende e famiglie.
SACE: Rapporto export 2022
SACE: Rapporto export 2022
Il Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per le imprese alla ricerca di nuovi mercati.
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
Il Report dell’OECD analizza le gravi interruzioni causate dalla guerra in particolare nell'approvvigionamento di materie prime critiche per la produzione industriale e per la transizione verde.
Italian sounding Rapporto 2022
Italian sounding Rapporto 2022
Assocamerestero e The European House Ambrosetti hanno analizzato e quantificato l’impatto economico dell’Italian Sounding che indebolisce il posizionamento all’estero dei prodotti italiani.
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Il primo semestre di quest’anno conferma la ripresa complessiva dei porti italiani, che continuano a registrare performance positive.
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
Retailx ha pubblicato il report sul commercio elettronico in Italia, realizzato in collaborazione con Aci Worldwide e Tealium.
Bollettino economico BCE 5 / 2022
Bollettino economico BCE 5 / 2022
L’attività economica nell’area dell’euro sta rallentando. L’aggressione della Russia verso l’Ucraina, l’impatto dell’elevata inflazione, i perduranti vincoli dal lato dell’offerta esercitano un effetto frenante.
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
Tra gennaio e giugno le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 22,4% rispetto ai primi sei mesi del 2021. Prosegue il forte rialzo dei valori medi unitari (+20,1%), mentre la componente dei volumi cresce a un ritmo più modesto (+2%).