Scenari al 2030 per l’economia italiana

di lettura

Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).

Scenari al 2030 per l’economia italiana

L’utilizzo ottimale delle ingenti risorse che arriveranno da Bruxelles i prossimi anni presuppone un piano di riforme e un salto di qualità in termini di produttività, che consentirebbe di accelerare il recupero nei prossimi tre anni (+3,8% medio annuo tra il 2021 e il 2023) e portare la crescita del Pil italiano in linea con quella degli altri paesi dell’Eurozona.

L’economia italiana nel breve termine

La pandemia lascia in eredità per l’Italia una caduta dell’8,9% del Pil nel 2020. Nel corso dell’anno sono stati “persi” 150 miliardi di euro di Pil, 108 miliardi di consumi, gli occupati sono 435mila in meno, l’indebitamento pubblico è passato dai 27,9 miliardi del 2019 a 156,3 miliardi.

La dimensione degli impulsi fiscali è significativa: dopo il 6,6% di Pil di politiche espansive del 2020 (108 miliardi), il 2021 si sta avviando verso un impulso di poco inferiore, pari al 5% (85 miliardi). A questi importi, va sommato il contributo NGEU che gli analisti stimano in circa 10 miliardi nell’anno in corso (all’Italia sono potenzialmente allocati 209 miliardi di euro da spendere in sei anni).

Nonostante la volontà espressa dal precedente governo di spendere almeno 81 miliardi di queste risorse aggiuntive nei primi tre anni, e nonostante l’impegno del nuovo esecutivo a innovare le procedure per renderle più efficaci, Prometeia adotta un’ipotesi di cautela che nel 2021-2023 considera una realizzazione di circa il 70% di quanto pianificato.

Dai fondi europei NGEU Prometeia si attende in media, nei primi tre anni, il contributo di un punto percentuale al Pil nazionale che recupererà il livello pre-crisi nel quarto trimestre 2022. Faremo peggio di altri paesi (Germania e Francia), ma molto meglio rispetto alle due crisi precedenti, quando i livelli pre-crisi non erano ancora stati recuperati nel 2019, a oltre 10 anni dallo scoppio della prima. In questo contesto, lo spread Btp-Bund potrà scendere sotto i 90 punti base a fine 2023.

Scenari con orizzonte al 2030

I fondi del NGEU rappresentano un fondamentale strumento per uscire dalla crisi, ma sono forse ancora più importanti nel medio termine, come occasione per intraprendere quell’ammodernamento delle infrastrutture, materiali e immateriali, da molto tempo frenato nel nostro Paese da vincoli strutturali e da carenza di risorse.

Nello scenario di base Prometeia ipotizza che l’utilizzo dei fondi europei faciliti la messa in campo di importanti riforme che da anni l’economia italiana stenta ad adottare, oltre ad avviare riallocazioni verso settori più innovativi così favorendo una ripresa della produttività.

In questo scenario, nel 2030 il livello del Pil italiano potrebbe essere al di sopra di quello del 2019 del 10,5%, con un debito pubblico al 135% del Pil: una prospettiva cautamente ottimista che, nella seconda metà del decennio, vede una crescita del Pil pro-capite in linea con quella dei maggiori paesi dell’area.

Nel secondo scenario, l’utilizzo dei fondi europei si traduce in uno stimolo temporaneo di domanda, non accompagnato da riforme strutturali né in grado di avviare una trasformazione produttiva verso settori con livelli di produttività più elevati. L’economia italiana non riesce a colmare il gap di crescita che si è progressivamente formato negli ultimi 25 anni: il Pil sarebbe superiore al livello 2019 solo del 5,8%, con il debito pubblico ancora al 151% del Pil. Uno scenario non drammatico, ma tale comunque da relegarci tra le economie deboli dell’area.

In entrambi gli scenari Prometeia ipotizza una politica monetaria che rimanga ultra-accomodante.

Periodo

Pil Italia

Pil Eurozona

Pil mondo

2021

+4,7% medio annuo

 

 

2021 - 2023

+3,8% medio annuo

+3,6% 

+4,6% 

2024 - 2030

+1,2% medio annuo

+ 1,3% 

+3,2%

Non solo Stati Uniti e Cina hanno sperimentato un andamento dell’attività economica nel 2020 migliore rispetto all’area euro (rispettivamente -3,5%, +2,2% e -6,8%), ma registreranno anche una crescita superiore nel 2021. Le stime Prometeia indicano un tasso di crescita al 6,2% negli Stati Uniti, 8,6% in Cina e 4,2% nell’Eurozona.

Contribuisce a questa divergenza uno stimolo fiscale senza precedenti negli Stati Uniti – circa 15% del Pil nel 2020, mentre quello recentemente approvato è pari a circa il 9% del Pil – e un forte aumento degli investimenti da parte di aziende pubbliche in Cina.

Fonte: Prometeia

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.