Le opportunità del settore sanitario in India

di lettura

Il settore della sanità indiano è stato valutato 72 miliardi US$ nel 2012. Dovrebbe raggiungere i 100 miliardi di dollari nel 2015.

 

Le opportunità del settore sanitario in India

Il mercato della spesa sanitaria è incrementato:

  • da un lato, dall’aumento della popolazione, dalla crescita della ricchezza, della spesa sanitaria pro capite e della popolazione di mezza età
  • dall’altro, dall’aumento delle malattie correlate allo stile di vita e dall’incremento, negli ultimi anni, delle aspettative di vita che favoriscono in particolare l’aumento della domanda di farmaci e servizi diagnostici.

A fronte di questo scenario, l’attuale offerta di prodotti e servizi,  così come di infrastrutture, è insufficiente a soddisfare la richiesta corrente e futura di assistenza sanitaria.

Per gli operatori privati, che già rappresentano l’80% del settore, si manifesta pertanto la possibilità di cogliere e capitalizzare questa opportunità, se si considera che la crescente ricchezza sta, inoltre, indirizzando la domanda verso prodotti e servizi di qualità e di sicura affidabilità.

L’impegno governativo nel comparto sanitario

Il piano di sviluppo governativo a dodici anni nel comparto sanitario prevede principalmente una sostanziale espansione e un rafforzamento del sistema sanitario pubblico sia nelle aree rurali che urbane, con una particolare attenzione alle prestazioni primarie.

Se si considera che il Paese resta tra gli ultimi al mondo per tasso di vaccinazioni, l’obiettivo di rendere l’assistenza medica accessibile a strati sempre più ampi della popolazione diventa pressoché prioritario: per farlo saranno necessari investimenti ingenti, anche e soprattutto provenienti dall’estero.

Altri obiettivi riguardano la specializzazione delle risorse umane nella sanità, la regolamentazione dei farmaci e del sistema alimentare e lo sviluppo del sistema di informazione.

Nel biennio 2016-2017 si prevede un aumento della spesa del Governo nel comparto sanitario del 3,04% del GDP (rispetto al 1,94% del biennio 2011-2012).

Industria Farmaceutica e assicurazione medica

Secondo le stime di McKinsey, il mercato farmaceutico indiano raggiungerà 55 miliardi di dollari nel 2020. I principali fattori di crescita dell’industria farmaceutica indiana possono essere  ricondotti a:

  • cambiamenti di stile di vita e nuove malattie che aumentano la domanda di assistenza sanitaria
  • innalzamento del livello di educazione
  • crescita della popolazione (che si stima procurerà un aumento del 20% di pazienti nei prossimi 10 anni).

Ulteriore elemento di crescita deriva dallo sviluppo della copertura dell’assicurazione sanitaria che si prevede raggiungerà più di 650 milioni di persone dal 2020. Un dato interessante, se si considera che attualmente meno del 25% della popolazione indiana è coperta da assicurazione medica; solo circa il 2,2% della popolazione dispone di un’assicurazione privata e nelle aree rurali la copertura assicurativa sanitaria è inferiore al 10%.

Attualmente le industrie farmaceutiche indiane spendono solamente il 2 % del loro fatturato in Ricerca e Sviluppo: l’introduzione dei brevetti di prodotto porterà a un aumento della spesa per la ricerca e sviluppo da parte delle imprese.

Industria Diagnostica e dispositivi medici

L’industria diagnostica indiana è altamente frammentata e costituita per la maggior parte da player non organizzati; il contributo del player organizzati risulta, infatti, solo del 10% anche se il segmento sta crescendo, seppur ad un ritmo discontinuo.

Ci sono circa 100.000 laboratori diagnostici nello Stato. Questi includono le maggiori strutture sparse in città urbane come laboratori di grandi aziende, i piccoli centri regionali che servono la popolazione locale e gli ospedali.  Alcuni centri sanitari stanno, tuttavia, divenendo sempre più organizzati , attraverso l’apertura di catene di ospedali e strutture “multi specialità”, che richiedono una forte domanda di macchinari e dispositivi.

Anche in questo ambito è possibile prevedere per il futuro uno sviluppo del settore. Con la crescita dell’informazione e una maggiore consapevolezza nella popolazione, l’assistenza sanitaria preventiva e l’automonitoraggio stanno diventando sempre più popolari.  Lo sviluppo del settore assicurativo sanitario porterà, inoltre, a una stretta integrazione dell’industria assicurativa medica con i centri diagnostici.

Nei prossimi anni l’industria diagnostica verrà sottoposta a una maggiore regolamentazione che provocherà un innalzamento degli standard qualitativi e di sicurezza, già altamente ricercati nel settore dei dispositivi medici.

Il mercato dei dispositivi è classificato tra i top 15 del mondo ed è stimato in 6,4 milioni di dollari; ha un enorme potenziale grazie alla crescita della classe media ed è caratterizzato  dalla domanda, soprattutto del settore privato, di alti standard qualitativi tecnologici.

Tale settore rappresenta un’opportunità per i prodotti e servizi stranieri ad alto valore aggiunto, sia per quanto riguarda i macchinari utilizzati nella diagnostica, sia dei dispostivi (come pace maker ecc).

La porzione del settore, caratterizzata  invece da un ridotto valore aggiunto, è dominata da operatori locali.

Fonte: Crossbridge

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.