Shoe Report 2012

di lettura

Presentato da ANCI, Associazione Nazionale Calzaturifici Italiani, il Rapporto annuale sul settore calzaturiero, giunto quest'anno alla sua quarta edizione.

Shoe Report 2012

Il Rapporto ha l’obiettivo di far meglio comprendere l’andamento del settore calzaturiero che è parte integrante del comparto-moda italiano, a cui contribuisce per 1/5 in termini di export, ma per ben 1/3 in termini di saldo commerciale netto.

Nel settore calzaturiero si sta consolidando un cambiamento di tipo strutturale. Le aziende reagiscono alla crisi ponendo in essere trasformazioni al proprio interno. Ben l’86,3% degli imprenditori intervistati è consapevole che la crisi è un processo i cui effetti tendono a riverberarsi anche sul futuro, con un 40% che ritiene questo processo comporti necessariamente l’attuazione di strategie di riposizionamento sul mercato, ristrutturazione e riorganizzazione aziendale interna (si tratta di una percentuale che raddoppia il 23,4% registrato lo scorso anno).

Il 33,1% degli imprenditori ritiene di trovarsi sostanzialmente fuori dalla crisi, il 35,7% avverte segnali di ripresa e il 32,2%, invece, si trova ancora pienamente dentro alla crisi.

I dati relativi alla congiuntura 2011 confermano l’andamento positivo del settore, supportato sostanzialmente dall’export: nei primi nove mesi dell’anno, infatti, si è registrato un aumento delle esportazioni pari al 6,2% in volume e del 14% in valore e un conseguente incremento positivo del saldo commerciale netto pari a 18,1%.

A differenza di anni precedenti questo nuovo impulso di crescita si è trasformato in un rafforzamento delle tendenze positive dell’occupazione, che registra nel 2011 un incremento medio dell’1%, confermato dal 20,1% degli imprenditori intervistati; una tendenza che dovrebbe rafforzarsi con una previsione ottimistica per il 2012 che riguarda un ulteriore 8,1% del campione. Si tratta peraltro di una situazione positiva che è stata registrata anche dalla diminuzione del ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni nel 2011 (-35,1%), che ha interrotto la crescita degli ultimi 3 anni.

A fianco di questi dati positivi, occorre però rilevare evidenti tensioni sul fronte del mercato interno, visto che i consumi delle famiglie diminuiscono nei primi 9 mesi del 2011 del 2% in quantità e crescono appena dello 0,5% in valore, continuando quell’andamento asfittico che perdura da diverse stagioni. Le aziende e il settore crescono, ma solo a patto di cercare nuovi mercati, nuovi consumatori, proiettandosi verso i mercati esteri.

Emergono anche i problemi di liquidità delle aziende, derivanti sia dai ritardi o mancati pagamenti dei clienti, sia dalla stretta del credito proveniente dalle banche, che porta l’84,7% delle aziende a considerarsi “banche improprie”, creditrici dei propri clienti morosi.

Approfondimenti

Analisi di mercato
Le esportazioni di beni intermedi sono aumentate al ritmo maggiore (+4,3%), seguite da quelle dei beni di consumo (+2,7%). Tra questi ultimi, i non durevoli sono quelli che hanno mostrato la maggiore dinamicità (+3,1%), mentre l’incremento dei durevoli è stato dell’1,3%. Le vendite all’estero di beni strumentali infine, sono avanzate dell’1,5%   L’elettronica è tra i settori «best performer» del 2018: si registrano forti incrementi delle nostre vendite anche nei Paesi in cui, in totale, l’export è diminuito
Che export tira? Scopri i dati di dicembre 2018 Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a dicembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Focus On: Mappa dei rischi 2019
Focus On: Mappa dei rischi 2019 Il bilancio del 2018 è di un anno in cui la crescita è proseguita a ritmi elevati, pur se in lieve rallentamento, e il quadro dei rischi ...
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica
Remare controcorrente: l’eccezione del Costa Rica Ci sono Paesi sulla scena mondiale che, pur essendo posti in una determinata area geografica, condividono ben poco con i vicini: uno di questi è senza dubbio il Costa Rica.
uali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani
Quali sfide per il settore petrolchimico mondiale e per gli operatori italiani La chimica è a monte di numerose filiere manifatturiere e, come tale, rappresenta un “barometro” per l’economia mondiale.
Brasile: la sfida della crescita
Brasile: la sfida della crescita La recente elezione del presidente Bolsonaro segna un cambio di rotta rispetto al corso degli ultimi tre lustri della politica brasiliana, dominati dalla figura di Lula e dal Partito dei Lavoratori (PT).
Che export tira? Scopri i dati di ottobre
Che export tira? Scopri i dati di ottobre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a ottobre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Che export tira? Scopri i dati di settembre
Che export tira? Scopri i dati di settembre Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a settembre 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE
Belt and Road: quali impatti sul commercio internazionale e sugli IDE Era il 2013 quando il Presidente cinese Xi Jinping presentava al mondo la Belt and Road Initiative (BRI), il mega-progetto che intende rivitalizzare ...
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria
Costa D’Avorio: opportunità per l'agroindustria italiana Archiviata la crisi politica e sociale del decennio 2002-2012 e fatto salvo il riacutizzarsi del rischio politico con una rivolta militare avvenuta nel gennaio 2017, la Costa d’Avorio è una delle economie più dinamiche del continente africano.
Agroalimentare: andamento export mondiale
Agroalimentare: andamento export mondiale Nel 3° trimestre frenata per l'export mondiale, ma "a macchia di leopardo" a livello merceologico e, soprattutto, geografico.