Singapore: porta d’accesso al mercato Asean

di lettura
La città-stato di Singapore ha 5.5 milioni di abitanti ed è situata al centro del Sud-Est asiatico. Viene considerata la principale piattaforma commerciale ed il più importante hub economico di tutta l’area ASEAN.
Singapore: porta d’accesso al mercato Asean

L’organizzazione economica che include oltre a Singapore, anche Myanmar, Thailandia, Cambogia, Laos, Vietnam, Malesia, Indonesia, Brunei e Filippine ha  una popolazione complessiva che si attesta attorno ai 600 milioni di abitanti.

Molti sono i punti di forza di quella che è considerata una delle quattro “tigri asiatiche”, tra cui:

  • contesto politico stabile
  • solidi fondamentali macroeconomici e finanziari
  • sistema fiscale e burocratico snello e trasparente
  • settori bancario e creditizio all’avanguardia
  • sistema infrastrutturale altamente efficiente
  • manodopera qualificata
  • assenza di corruzione.

Tali fattori contribuiscono a fare di Singapore un centro tecnologico, logistico, finanziario e commerciale tra i più appetibili a livello globale.

Nonostante abbia risentito delle ripercussioni della crisi (la crescita del PIL nel 2012 è stata solo dell’1.3%, rispetto al +5.2% del 2011 e al valore record di +14.8% del 2010), lo Stato asiatico oltre ad essere uno tra i più ricchi al mondo (PIL procapite pari a 52.000 USD) è, secondo l’indice stilato dalla Banca Mondiale Doing business, tra i paesi che offrono il migliore business climate.

Non a caso Singapore, in base ad accurato studio condotto da Vriens & Partners, è stato designato per il secondo anno consecutivo come meta più attrattiva tra tutti i Paesi appartenenti al Pacifico asiatico (inclusi quelli dell’Oceania) per capacità di attrazione di Investimenti Diretti Esteri, il cui ammontare complessivo nel 2012 ha toccato quota 746.7 miliardi di USD; inoltre, il porto di Singapore si configura come primo al mondo per movimentazione annuale di container.

Singapore rappresenta dunque il centro nevralgico e la principale porta d’accesso per tutti gli investitori internazionali intenzionati ad avviare attività di business nel Sud-Est asiatico: proprio da qui, infatti, passano le merci e le esportazioni che hanno come destinazione definitiva gli altri Paesi dell’ASEAN.

Ma non solo: le positive relazioni con Cina e India, non troppo distanti da un punto di vista geografico, contribuiscono ad accrescere notevolmente l’importanza di Singapore, rendendolo sempre più punto di riferimento di tutto il continente asiatico.

In un contesto economico globale particolarmente complesso come quello attuale, sorprende che le imprese italiane non avvertano una maggiore spinta per intraprendere un percorso di internazionalizzazione in un mercato così interessante, che presenta numerosi vantaggi:

  • la presenza di più di 5 milioni di consumatori sofisticati e ad alto reddito, i cui consumi si orientano verso un segmento alto, prefigura ottime opportunità in particolar modo per quanto riguarda moda, design, food, meccanica, ecc.
  • nel territorio si registra già la presenza di diverse imprese italiane (infrastrutture) e il nostro export si attesta su buoni livelli ed è apprezzato
  • la realizzazione del mercato unico ASEAN, che avverrà nel 2015, porterà all’abolizione dei dazi doganali, alla liberalizzazione degli investimenti, alla libera circolazione di capitali e lavoratori all’interno di tutta l’area
  • la firma relativa all’accordo di libero scambio commerciale (EUSFTA), tra Singapore ed Unione Europea, avvenuta nel settembre 2013, darà una ulteriore spinta all’incremento dei traffici commerciali tra le due zone e farà aumentare l’influenza della città-stato nel Sud-Est asiatico.

Singapore è, ad oggi, il principale partner commerciale dell'Unione Europea nell’ASEAN mentre l'UE è il secondo partner commerciale di Singapore, dopo la vicina Malesia.

Settori che offrono concrete opportunità di business

  • Abbigliamento ed articoli sportivi. La vendita di abbigliamento sportivo supererà i 40 miliardi di USD nell’area del Pacifico asiatico
  • Elettronica. Tale settore ha contribuito al 5.2% del PIL nel 2012 e il Governo negli ultimi anni ha aumentato il budget per ricerca e sviluppo
  • Automotive. Singapore è da sempre un importante hub sia per l’insediamento di sede produttiva e di rappresentanza, sia per la distribuzione e commercializzazione di pezzi di ricambio e componentistica
  • Logistica. Il processo di integrazione economica all’interno dell’ASEAN, fornisce una grande prospettiva di sviluppo per questa industria
  • Energie rinnovabili, biotecnologia e meccanica impiantistica. Questi ultimi settori sono oggetto di particolari incentivi.
  • Food & beverage (in particolar modo per il vino). Si registra l’apertura di numerosi ristoranti di lusso ed alberghi e il comparto andrà incontro ad un inevitabile processo di crescita
  • Hi-tech. Il Governo locale è impegnato nella promozione sul territorio di insediamenti hi-tech attraverso l’investimento nella formazione per garantire mano d’opera qualificata.

Enrico Perego

Docente al Corso Executive NIBI “Business Focus Cina e Far East” in partenza a settembre 2014.

 

 

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.