Un anno dopo: l'effetto del CETA sulle esportazioni UE

di lettura

A quasi un anno dall’entrata in vigore provvisoria del CETA, il trattato di libero scambio tra UE e Canada che ha rimosso il 98% delle tariffe in essere tra i due paesi, appare d’obbligo un primo bilancio degli effetti prodotti dagli sgravi tariffari sulle esportazioni UE verso il paese nordamericano. I maggiori benefici al comparto automotive e al sistema moda.

Un anno dopo: l'effetto del CETA sulle esportazioni UE

Guardando alle importazioni canadesi dall’UE negli ultimi 5 anni, a livello aggregato si nota un’accelerazione in seguito all’entrata in vigore del trattato di libero scambio, che ha avuto luogo alla fine del 2017. Tale evento chiave è simboleggiato dalla linea verticale nel grafico che segue.

Importazioni canadesi dall’Unione Europea (2013-2018)

Fonte: Elaborazioni StudiaBo su dati Statistics Canada

Sorge quindi spontaneo chiedersi in che misura questo aumento nelle importazioni canadesi dall’UE possa essere riconducibile ai nuovi sgravi tariffari.

Analisi per industry

Considerando le importazioni canadesi dall’Unione per industry, le domande a cui abbiamo tentato di dare risposta sono le seguenti:

  • Quanta parte del flusso commerciale UE-Canada era già privo di barriere tariffarie significative prima dell’entrata in vigore del CETA, e quanta parte ha invece subito uno sgravio rilevante?
  • A quanto è ammontata la variazione nelle importazioni canadesi dall’Unione tra il I semestre 2017 – quando il CETA non era ancora in vigore – e il corrispondente periodo del 2018?

Il grafico che segue riassume i risultati della nostra analisi.

Effetti del CETA sulle importazioni canadesi dall’UE
Fonte: Elaborazioni StudiaBo.
 

Fatto 100 il valore delle importazioni canadesi dall’UE nel 2017, il grafico distingue, per ogni industry, tre differenti sezioni:

  • La quota arancione indica quei prodotti che godevano, già prima dell’entrata in vigore del CETA, di tariffe minori o uguali al 2%.
  • La quota grigia riguarda invece quel flusso commerciale che, nel periodo pre-CETA, era colpito da tariffe superiori al 2%, e le cui importazioni sono aumentate meno del 10% con l’entrata in vigore provvisoria del trattato.
  • L’area grigia segnala quindi laddove il CETA non ha prodotto risultati significativi, nonostante la rimozione delle tariffe.
  • La quota verde, infine, indica quel flusso commerciale caratterizzato, prima del CETA, da tariffe superiori al 2%, e che ha visto, con la loro rimozione, un aumento nelle importazioni canadesi dall’UE superiore al 10%.

Quest’ultimo caso è quindi quello maggiormente interessante ai fini della nostra analisi, poiché segnala i comparti in cui l’accordo di libero scambio sembra aver prodotto i benefici maggiori. Possiamo infatti ragionevolmente assumere che la rimozione di tariffe medio-elevate (>2%) possa aver influito sul miglioramento della performance esportativa UE.

Risultati

Ciò che emerge a colpo d’occhio è che, nella maggior parte delle industry analizzate, le tariffe erano già mediamente basse prima dell’entrata in vigore del CETA. Tale trend riguarda in primo luogo l’ambito delle materie prime, laddove quasi il 99% del flusso commerciale UE-Canada era sottoposto a tariffe minori del 2%; discorso analogo vale per i prodotti del sistema salute (95.5%) e quelli della metalmeccanica (89%).

Dall’altro lato, invece, tra le industry che erano colpite da tariffe significative, il settore dei mezzi di trasporto e per l’agricoltura sembra essere stato il principale beneficiario dagli sgravi tariffari introdotti dal CETA.
Il 65% del flusso commerciale dall’UE al Canada avvenuto nel 2017 per questo comparto riguarda infatti prodotti che rispondono a due caratteristiche:

  • Tariffe pre-CETA superiori al 2%;
  • Aumento delle importazioni post-CETA superiore al 10%.

Bene anche il sistema moda, dove tale quota scende al 47%, rimanendo comunque una parte rilevante.

Hanno tratto beneficio dal CETA, ma in misura minore, il sistema casa, l’industria chimica e l’agroalimentare. In queste industry, infatti, buona parte del flusso commerciale UE-Canada godeva già di un regime tariffario favorevole, come indicato dalle aree arancioni molto ampie.
Per i prodotti di questi comparti caratterizzati invece da tariffe pre-CETA significative, una buona quota di essi ha registrato un aumento delle importazioni superiore al 10% in seguito alla rimozione delle stesse.

Un primo bilancio

Il CETA sembra quindi aver generato beneficio per le industry UE che sono state toccate dagli sgravi tariffari. Infatti, nei comparti in cui gli alleggerimenti sono stati significativi, più della metà dei prodotti interessati hanno registrato aumenti nelle importazioni canadesi dall’UE che eccedono il 10%.
Ciononostante, la prudenza suggerisce di trattare tali conclusioni come provvisorie, e di rimandare una valutazione più completa al momento in cui il CETA, se definitivamente approvato, avrà dispiegato i suoi effetti di medio-lungo periodo.

 Alba Di Rosa

Tag dell'informativa
Ti potrebbe interessare

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.