USA, Canada e Messico: Dal 1° dicembre al via l'accordo trilaterale

di lettura

Dopo 13 mesi di negoziati, gli Stati Uniti, il Messico e il Canada hanno concluso l'accordo Stati Uniti, Messico, Canada (USMCA) progettato per sostituire l'accordo di libero scambio nordamericano del quarto di secolo (NAFTA). Tuttavia, l'USMCA non funzionerà fino a quando non sarà ratificato, il che potrebbe non verificarsi prima del 2019.

USA, Canada e Messico: Dal 1° dicembre al via l'accordo trilaterale

Nel complesso, l'USMCA mantiene l'integrazione regionale del mercato nordamericano, fornendo al contempo un maggiore accesso al mercato, requisiti di contenuto regionale più elevati e meccanismi di cooperazione intergovernativa. 

Ulteriori dettagli sull’accordo, però, saranno resi noti soltanto più avanti.

Possiamo comunque già ipotizzare, dalla lettura dell’accordo, quelli che potrebbero essere gli effetti. In particolare, si evidenzia che con molta probabilità:

  • Crescerà la produzione automobilistica nel Nordamerica
  • Alcune produzioni dal Messico verranno spostate negli Usa ed in  Canada
  • Crescerà, grazie ad incentivi concessi alle imprese, il salario minimo orario
  • Gli allevatori e gli agricoltori americani avranno maggiori tutele
  • Modifica alla norma relativa alla risoluzione delle controversie tra investitori e stati.

Di seguito proviamo ad elencare , più in dettaglio,  quelli che già possono essere considerati  alcuni dei cambiamenti più significativi di USMCA rispetto al NAFTA.

Norme automobilistiche di origine

USMCA richiederà che venga realizzato il 75% dei componenti  auto in Nord America affinché le automobili possano beneficiare di un trattamento preferenziale e senza dazi doganali. In confronto, la regola di origine automatica del NAFTA era del 62,5%. Della soglia di contenuto del 75% richiesta da USMCA, il 40-45% deve essere effettuato da lavoratori che guadagnano almeno $ 16 l'ora. In sostanza, è un requisito rilevante negli Stati Uniti e/o in Canada, dal momento che le retribuzioni per i lavoratori del settore messicano non sono vicine a tale livello. Tali nuove regole potrebbero interrompere le catene di approvvigionamento esistenti progettate attorno alla regola di origine NAFTA. Le regole USMCA possono limitare i casi in cui le case automobilistiche possono procurarsi determinate parti, il che potrebbe aumentare i costi di produzione.

Risoluzione delle controversie tra investitori e stati

Il meccanismo speciale di arbitrato contenuto nel NAFTA che ha permesso agli investitori di citare in giudizio i paesi NAFTA per azioni discriminatorie verrà gradualmente eliminato tra gli Stati Uniti ed il Canada e la copertura sarà significativamente ridotta per gli investitori in Messico. 

Accesso al mercato lattiero-caseario e agricolo

Gli Stati Uniti sono riusciti a conquistare l'accesso ai mercati canadesi di prodotti lattiero-caseari, uova e pollame, consentendo al contempo al Canada di esportare più latte, arachidi e prodotti zuccherini negli Stati Uniti. L'apertura del mercato lattiero-caseario realizzata dagli Stati Uniti è un'area in cui il presidente Trump è riuscito a trovare un accordo migliore di quello che l'amministrazione Obama è riuscita a ottenere nei negoziati del Transpacifico di partenariato (TPP). USMCA fornirà agli Stati Uniti l'accesso a circa il 3,6% del mercato lattiero-caseario canadese, mentre TPP ha solo fornito agli Stati Uniti l'accesso al 3,25% del mercato. 

Commercio digitale

USMCA contiene disposizioni sul commercio digitale simili a quelle negoziate in TPP. Un significativo miglioramento rispetto al TPP è un divieto generalizzato ai requisiti di localizzazione dei dati che non prevede un'eccezione per le società di servizi finanziari.

De minimis

USMCA aumenterà la soglia alla quale le importazioni dal Canada e dal Messico saranno soggette a dazi doganali, una priorità per molti nella comunità degli affari degli Stati Uniti. Per il Canada, il livello de minimis sarà aumentato da C $ 20 a C $ 40 per le tasse e permetterà spedizioni duty-free fino a C $ 150, da C $ 20. Il Messico consentirà spedizioni duty-free fino a $ 117, da $ 50. La soglia minima per gli Stati Uniti è $ 800.

Tramonto

USMCA contiene un termine rinnovabile di 16 anni, un enorme miglioramento per Canada e Messico sulla clausola del tramonto di cinque anni originariamente spinta dall'amministrazione Trump. I tre paesi si incontreranno sei anni dopo l'entrata in vigore dell'accordo per decidere se rinnovare il patto per altri 16 anni.

Valuta

Per la prima volta, gli Stati Uniti sono riusciti a includere le regole relative alla manipolazione valutaria e alla politica monetaria nel testo centrale di un accordo commerciale. I requisiti relativi alla trasparenza delle attività di cambio saranno soggetti al meccanismo di risoluzione delle controversie da stato a stato dell'USMCA.

L'Usmca ha come obiettivo di costituire un mercato economico che sia concorrenziale sia nel confronto con la Cina, sia con l'Europa, sia con l'Asean. Sull’Europa rimane la minaccia di maggiori dazi sia nel settore delle auto sia su altri potenziali prodotti. Speriamo, quindi, che dalle minacce non si passi ai fatti.

Giuseppe De Marinis

Tag dell'informativa
Analisi di mercato
Mercati a maggiore potenziale: uno sguardo al 2021
Mercati a maggiore potenziale: uno sguardo al 2021 Nel biennio 2020-2021 sono i paesi ASEAN, Vietnam in testa, a offrire le maggiori opportunità.
Perù, la rising star dell’America Latina
Perù, la rising star dell’America Latina Il Perù si è confermato la sesta economia dell’America Latina, registrando una crescita ininterrotta dal 1999 in avanti a una media del 5% all’anno.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE - SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a ottobre 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
L’export italiano tiene ma il passo rallenta
L’export italiano tiene ma il passo rallenta In questo Interim Report SACE SIMEST aggiorna le previsioni sull’export italiano elaborate, in collaborazione con Oxford Economics, nel Rapporto Export pubblicato lo scorso maggio.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE - SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a settembre 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Accordo di partneriato tra l’Unione europea e Singapore
Accordo di partneriato tra Unione europea e Singapore Il 21 novembre è entrato in vigore l’accordo commerciale tra l’UE e la Repubblica di Singapore approvato dal parlamento europeo lo scorso 8 novembre 2019. Nell'articolo i contenuti dell'accordo e i vantaggi che ne derivano per gli scambi commerciali.
Commercio mondiale di Alimentare in sostenuta crescita anche nel 2° trimestre 2019
Alimentare: commercio mondiale in crescita nel 2° trimestre 2019 Il raffreddamento del commercio internazionale non ha finora coinvolto l'industria dell'alimentare confezionato e delle bevande. Stati Uniti, Germania e Cina i mercati trainanti a livello mondiale.
Smart cities in Thailandia e opportunità per imprese italiane
Smart cities in Thailandia e opportunità per imprese italiane Il governo thailandese ha fissato un obiettivo molto ambizioso: entro la fine del 2022, dovranno essere individuate 100 smart cities in 77 provincie del paese. Scopri nell’articolo le opportunità per le imprese italiane.
Che export tira? Scopri i dati
Che export tira? Scopri i dati Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad agosto 2019 con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Le performance dell'Export Agroalimentare Italiano nel 1° semestre 2019
Le performance dell'export agroalimentare italiano nel 1° semestre 2019 Nel primo semestre 2019 le esportazioni italiane del comparto agroalimentare (+7% tendenziale cumulato nei valori in euro) hanno confermato performance più favorevoli della media manifatturiera (che sta viaggiando, invece, ad un ritmo inferiore al +3%).