Emirati Arabi Uniti: contratto di agenzia registrato e non registrato

di lettura

Le imprese straniere che desiderano fornire beni e servizi senza stabilire una presenza fisica negli Emirati, trovano vantaggioso incaricare un agente locale. Va anzitutto detto che il contratto di agenzia può essere registrato e non registrato.

1. Contratto di agenzia registrato

Le norme di riferimento sono le Leggi Federali n. 18 del 1981, n. 14 del 1988, la n. 13 del 2006 e la n. 2 del 2010. Occorre evidenziare che tale legge ha, di fatto, ridimensionato le liberalizzazioni contenute nella precedente legge n. 13 del 2006. Secondo la normativa attualmente in vigore:

  • il contratto di agenzia è definito come la rappresentanza del preponente da parte dell’Agente per la distribuzione, offerta di vendita, o presentazione di beni o servizi all’interno della Federazione
  • l’attività di agente commerciale può essere svolta solo da un cittadino emiratino o da un’impresa posseduta al 100% da cittadini degli Emirati Arabi Uniti (EAU)
  • un agente commerciale deve essere registrato presso il Commercial Agency Register tenuto dal Ministero per l’Economia e il Commercio.

Principali caratteristiche del contratto di agenzia registrato

  • L’accordo di agenzia commerciale deve essere stipulato per iscritto con l’indicazione specifica dei prodotti e dei territori coperti dal contratto.
  • L’accordo deve essere firmato da entrambe le parti (azienda rappresentata ed agente) e legalizzato davanti ad un Court Notary Public.
  • L’accordo deve essere tradotto in arabo da un traduttore giurato (provvisto di licenza che lo abiliti a operare negli EAU). Se l’accordo di agenzia viene firmato al di fuori degli Emirati, è necessario tradurre il contratto in inglese, autenticarlo presso un traduttore e ottenere la legalizzazione dall’ambasciata emiratina del paese in cui è sottoscritto. Negli Emirati, sarà poi necessario tradurre ed autenticare il contratto in lingua araba.
  • Le aziende rappresentate possono affidarsi ad un unico agente o incaricarne uno per ogni Emirato o per ogni prodotto. In pratica, spesso le aziende straniere affidano a diversi agenti il compito di coprire diverse aree ben definite del territorio.
  • Un agente di commercio è investito di esclusiva commerciale per il prodotto e ha diritto a una provvigione per ogni transazione conclusa nella sua area di competenza a prescindere da chi si sia attivato per concluderla.
  • L’agente può impedire l’importazione parallela dei prodotti oggetto del contratto e può chiederne il sequestro in dogana in caso di contraffazione.

In alcuni casi, un agente con diritti in tutti gli EAU nomina distributori per gli altri Emirati oppure vengono concluse joint venture o partnership con cittadini di Emirati vicini.

In caso di cessazione del rapporto, l’agente ha sempre diritto ad una buona uscita che può però essere determinata dalle parti nel contratto.

Il preponente può risolvere immediatamente il contratto di agenzia solo in presenza di un giustificato motivo.

Durata

La legge n. 13 del 2006 aveva introdotto delle modifiche in tema di durata del rapporto, poiché era possibile stipulare un contratto di agenzia a tempo determinato, che cessava quindi i suoi effetti alla scadenza se non rinnovato con il consenso di entrambe le parti, senza alcun riferimento alla giusta causa.

La recente legge n. 2 del 2010 ha nuovamente modificato questo aspetto, restaurando di fatto la disciplina previgente al 2006, nel senso che anche in caso di contratti a tempo determinato, il mancato rinnovo è legittimo solo se vi è una giusta causa.

Per questo motivo è ora consigliabile reintrodurre nei contratti di agenzia, anche a tempo determinato, delle specifiche previsioni che chiariscano quando vi possa essere un’ipotesi di giusta causa idonea a non rinnovare il contratto. Si pensi alle ipotesi di mancato raggiungimento degli obiettivi di vendita, svolgimento di attività in conflitto di interessi, etc.

Giurisdizione in caso di controversie

La legge n. 2 del 2010 ha inoltre reintrodotto il comitato per le agenzie a cui le parti devono rivolgersi in caso di controversie. Il comitato deve esaminare la vertenza entro 60 giorni dalla richiesta e la sua decisione può essere impugnata davanti al giudice ordinario, altrimenti diviene definitiva.

Registrazione di un nuovo contratto di agenzia

A seguito delle modifiche introdotte dalla Legge n. 2 del 2010, anche quando il vecchio contratto di agenzia è scaduto, non può provvedersi alla registrazione di un nuovo contratto con un nuovo agente. Difatti, poiché il mancato rinnovo del contratto a tempo determinato deve essere dipeso da una giusta causa, è possibile procedere alla registrazione del nuovo accordo solo se:

  • il precedente accordo è stato risolto per mutuo consenso
  • il precedente accordo non è stato rinnovato poiché vi era una giusta causa riconosciuta tale dal comitato delle agenzie
  • vi è una sentenza che cancella il precedente contratto.

Il contratto di agenzia risolto o non rinnovato produce i suoi effetti fino al momento in cui non sia stato cancellato dal registro.

2.  Contratto di agenzia non registrato

E’ consentito stipulare contratti di agenzia non registrati la cui disciplina, quindi, non sarà dettata dalla legge federale, ma verrà determinata dalle parti, in conformità alle regole del codice civile e del commercio.

Per questo tipo di rapporto non è necessario che l’agente sia un soggetto emiratino, essendo sufficiente che detenga una valida licenza per operare all’interno degli Emirati.

Il contratto non registrato non è soggetto alle formalità elencate in relazione al contratto registrato; può infatti essere:

  • a tempo determinato, senza obbligo di giusta causa in caso di mancato rinnovo
  • senza esclusiva
  • e in caso di risoluzione l’agente non ha diritto al pagamento di alcuna buona uscita.

Va peraltro detto che, proprio per l’assenza di tutele, gli agenti emiratini difficilmente accettano di stipulare un contratto di agenzia non registrato.

Avv. Stefano Meani

Tag dell'informativa

Contrattualistica
Contratto con mezzi elettronici: l’importanza del pulsante di inoltro dell’ordine
Contratto con mezzi elettronici: l’importanza del pulsante di inoltro dell’ordine
Con sentenza del 7 aprile 2022 nella causa C-249/21, la Corte di Giustizia dell’UE fornisce indicazioni sulla dicitura da utilizzare sui pulsanti di inoltro degli ordini online, affinché il contratto sia valido e il consumatore sia tenuto al pagamento.
Imposizione  unilaterale di aumenti di prezzo e ritardi nelle consegne dei fornitori: rinegoziare le clausole contrattuali
Imposizione unilaterale di aumenti di prezzo e ritardi nelle consegne dei fornitori: rinegoziare le clausole contrattuali
Le problematiche concernenti i ritardi nelle consegne da parte dei fornitori italiani o esteri determina, a cascata, problemi per le aziende che non riescono ad assemblare i propri impianti e a consegnare in base a contratti già stipulati, determinando problematiche che possono sfociare nell’applicazione di penali o nella risoluzione del contratto di vendita col cliente finale.
Nuovo Regolamento sulle intese verticali: cosa cambia per l’e-commerce?
Nuovo Regolamento sulle intese verticali: cosa cambia per l’e-commerce?
Il 10 maggio 2022 la Commissione europea ha adottato il nuovo Regolamento sulle intese verticali n. 2022/720 che sostituisce il Regolamento 2010/330 e le nuove Linee Guida sulle restrizioni verticali.
Limiti alla responsabilità del venditore nella vendita internazionale
Limiti alla responsabilità del venditore nella vendita internazionale
La vendita internazionale di beni mobili tra professionisti è regolata dalla Convenzione delle Nazioni Unite sulla vendita internazionale di beni mobili, adottata a Vienna nel 1980 (Convenzione di Vienna).
Digital Services Act: proposta di Regolamento EU sui servizi digitali
Digital Services Act: proposta di Regolamento EU sui servizi digitali
Il 23 aprile il parlamento Europeo e il Consiglio d’Europa hanno raggiunto un accordo sul testo della proposta di Regolamento UE sui servizi digitali, il Digital Services Act (DSA).
Pratiche commerciali sleali nella filiera agricola e alimentare
Pratiche commerciali sleali nella filiera agricola e alimentare
Con D.lgs. dell’8 novembre 2021 n. 198 è stata data attuazione in Italia alla direttiva UE 2019/633 del 17 aprile 2019 in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare, che ha abrogato l’art.
Infoexport: Letter of authority per vendere vino negli USA
Infoexport: Letter of authority per vendere vino negli USA
Produciamo vino in Italia e ci ha contattato un importatore statunitense interessato ai nostri  vini in bottiglia (Horeca e vendita tramite e-commerce). Ci ha chiesto una Letter of authority…
Contratti con controparti aventi sede in territorio russo o bielorusso
Contratti con controparti aventi sede in territorio russo o bielorusso
Confindustria ha pubblicato alcuni consigli sui principali profili da considerare nella stipula di contratti internazionali con controparti aventi sede in territorio russo, bielorusso o in territori limitrofi.
Tempi di consegna dilatati e rischio penali: strumenti contrattuali per l’esportatore italiano
Tempi di consegna dilatati e rischio penali: strumenti contrattuali per l’esportatore italiano
L’attuale carenza e le difficoltà di reperimento delle materie prime e della componentistica possono impedire al venditore/esportatore di consegnare i prodotti ai clienti/compratori nei tempi contrattualmente pattuiti.
Brexit: riconoscimento ed esecuzione delle sentenze in materia civile e commerciale
Brexit: riconoscimento ed esecuzione delle sentenze in materia civile e commerciale
Le normative vigenti nell’Unione Europea in materia di giurisdizione, riconoscimento ed esecuzione di sentenze civili e commerciali non sono più applicabili nel Regno Unito a seguito della Brexit.