La corruzione nel ciclo del procurement

di lettura
Il partecipante a una gara d'appalto che si reca dall'incaricato della valutazione con la valigia piena di contanti rappresenta forse l'immagine caricaturale più familiare, ma la corruzione nel "ciclo del procurement" dei progetti è un fenomeno ben più complesso che merita attenzione.
Image

Episodi di corruzione si verificano in tutto il mondo in differenti momenti della vita politica e sociale: dalla "mancia" pagata al funzionario per accelerare una pratica o approvare un permesso, a quella data al poliziotto per chiudere un occhio, al versamento sul conto estero di un giudice, al "ritocco" dei risultati elettorali.

È indubbio però che il "ciclo del procurement" nell'esecuzione di contratti pubblici sia il momento che offre le occasioni più frequenti e più favorevoli all'evento nelle sue varie forme.
I contratti finanziati dalle Banche Multilaterali (BMS) nei paesi in via di sviluppo ed economie emergenti non sono immuni da questo problema.

Per questo da almeno una decina d'anni le Banche hanno incluso nelle linee guida al procurement norme precise che:

  • esplicitano cosa si intende per corruzione
  • identificano modalità specifiche per denunciarla
  • stabiliscono sanzioni precise per punire i colpevoli.

Come riferimento si guardi al capitolo 1 articolo 14 delle Procurement Guidelines della Banca Mondiale.
Se ne evince che "frode e corruzione" vengono appaiate e che rischiano sanzioni corrotti e corruttori.
Vengono elencate cinque categorie di pratiche:

  • corrotte
  • fraudolente
  • collusive
  • coercitive
  • ostruttive.

Per ognuna vengono elencate le azioni e/o omissioni che le caratterizzano.
 

  • Per i partecipanti alle gare che vengano riconosciuti colpevoli di una di queste azioni o omissioni è prevista la cancellazione dell'eventuale aggiudicazione del contratto e il "bando" limitato o permanente dal partecipare a gare su contratti finanziati dall'Organizzazione Multilaterale.
  • Per l'amministrazione pubblica del paese coinvolto nell'evento è prevista la cancellazione del prestito per il contratto e/o progetto se si verifica che non siano state prese contromisure adeguate.


A questo proposito si ricorda che la Banca Mondiale è giunta all'estremo di bloccare i prestiti a interi paesi giudicati corrotti (una pratica che non tutti hanno approvato all'interno e all'esterno dell'Istituzione).

È inutile negare che, in molti dei paesi che ricevono prestiti dalle BMS, la corruzione sia endemica così come sarebbe ipocrita negare che il nostro e altri paesi "sviluppati" ne siano immuni. Pur con qualche riserva sulle modalità di conduzione dei questionari si veda:

  • la classifica annuale stilata da Transparency International a riguardo
  • la nutrita e sempre aggiornata lista di società e individui banditi dalla partecipazione a contratti finanziati dalla Banca Mondiale

I responsabili dell'aggiudicazione dei contratti finanziati dalle BMS sono le agenzie implementanti nei paesi mutuatari e non le Banche stesse, che svolgono nel ciclo del procurement un ruolo di guida e controllo, ma non di esecuzione.

Secondo una stima conservativa, la corruzione incrementa del 20% - 25% i costi al prezzo finale di un contratto.

Consigli operativi

Ecco alcune misure precauzionali da seguire per partecipare alle gare senza correre il rischio di essere coinvolto, come accusato o come vittima, in un caso di frode o corruzione.

  • Aderire scrupolosamente alle linee guida del procurement redatte dalle BMS e soddisfare accuratamente tutti i requisiti tecnici, finanziari, amministrativi e burocratici contenuti nei documenti di gara. Se qualcosa non è chiaro o, viceversa, se un requisito è evidentemente costruito per favorire un concorrente contattare per iscritto l'agenzia implementante con copia all'istituzione che finanzia chiedendo chiarimenti e/o correzioni entro il tempo limite riservato a queste comunicazioni.
  • Se si partecipa a una gara in gruppo, verificare che tutti i partner aderiscano allo stesso standard di comportamento. A maggior ragione conoscere la realtà del paese e scegliere con cura eventuali partner locali. Ai fini delle sanzioni l'atto di frode o corruzione compiuto da un agente o rappresentante locale conta come se compiuto dalla società, joint venture, consorzio con i quali collabora.
  • Nelle comunicazioni scritte, telefoniche o nelle visite alle Agenzie Implementanti seguire sempre le più corrette norme etiche. Non permettere che la troppa cordialità dia adito a false aspettative o a pressioni e richieste.
  • Scaduto il tempo limite per le comunicazioni con l'Agenzia Implementante, nel corso della valutazione astenersi da comunicazioni con l'Agenzia e/o la Banca.
  • Se chiamati a negoziare il contratto, nel caso dei consulenti, non si può essere invitati a rinegoziare il costo giornaliero dei consulenti, ma solo, se necessario, a riaggiustare il piano di lavoro.
  • Nel caso di fornitori di beni e lavori, il cliente non può chiedere di cambiare i costi unitari del contratto, ma può chiedere di rivedere piano di lavoro e/o quantità. In ogni caso le variazioni sono soggette all'approvazione della Banca.
  • Se si vuole denunciare un caso estremo di frode o corruzione in un contratto Banca Mondiale ricorrere alla "Hot Line" anonima per la denuncia

Antonietta Poduie

Tag dell'informativa

Contrattualistica
Supply chain e obblighi di due diligence: nuova proposta di direttiva in materia di sostenibilità
Supply chain e obblighi di due diligence: nuova proposta di direttiva in materia di sostenibilità
Il 23 febbraio 2022 è stata pubblicata la proposta di Direttiva UE relativa al dovere di diligenza delle imprese in materia di sostenibilità.
Arabia Saudita: agenzia commerciale, distribuzione e franchising
Arabia Saudita: agenzia commerciale, distribuzione e franchising
Un'azienda straniera non ha bisogno di creare una presenza stabile in Arabia Saudita allorché le sue merci sono importate per la vendita o la rivendita attraverso un distributore, un agente commerciale, o a seguito di un contratto di franchising.
Contratto con mezzi elettronici: attenzione alla terminologia da adottare sul pulsante di inoltro dell’ordine
Contratto con mezzi elettronici: attenzione alla terminologia da adottare sul pulsante di inoltro dell’ordine
La Corte di Giustizia dell’Unione Europea, con sentenza del 7 aprile 2022 nella causa C-249/21, si è espressa circa l’importanza dell’espressione da utilizzare sui pulsanti di inoltro degli ordini, quando il contratto è concluso con mezzi elettronici dal consumatore.
Imposizione  unilaterale di aumenti di prezzo e ritardi nelle consegne dei fornitori: rinegoziare le clausole contrattuali
Imposizione unilaterale di aumenti di prezzo e ritardi nelle consegne dei fornitori: rinegoziare le clausole contrattuali
Le problematiche concernenti i ritardi nelle consegne da parte dei fornitori italiani o esteri determina, a cascata, problemi per le aziende che non riescono ad assemblare i propri impianti e a consegnare in base a contratti già stipulati, determinando problematiche che possono sfociare nell’applicazione di penali o nella risoluzione del contratto di vendita col cliente finale.
Nuovo Regolamento sulle intese verticali: cosa cambia per l’e-commerce?
Nuovo Regolamento sulle intese verticali: cosa cambia per l’e-commerce?
Il 10 maggio 2022 la Commissione europea ha adottato il nuovo Regolamento sulle intese verticali n. 2022/720 che sostituisce il Regolamento 2010/330 e le nuove Linee Guida sulle restrizioni verticali.
Limiti alla responsabilità del venditore nella vendita internazionale
Limiti alla responsabilità del venditore nella vendita internazionale
La vendita internazionale di beni mobili tra professionisti è regolata dalla Convenzione delle Nazioni Unite sulla vendita internazionale di beni mobili, adottata a Vienna nel 1980 (Convenzione di Vienna).
Digital Services Act: proposta di Regolamento EU sui servizi digitali
Digital Services Act: proposta di Regolamento EU sui servizi digitali
Il 23 aprile il parlamento Europeo e il Consiglio d’Europa hanno raggiunto un accordo sul testo della proposta di Regolamento UE sui servizi digitali, il Digital Services Act (DSA).
Pratiche commerciali sleali nella filiera agricola e alimentare
Pratiche commerciali sleali nella filiera agricola e alimentare
Con D.lgs. dell’8 novembre 2021 n. 198 è stata data attuazione in Italia alla direttiva UE 2019/633 del 17 aprile 2019 in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare, che ha abrogato l’art.
Infoexport: Letter of authority per vendere vino negli USA
Infoexport: Letter of authority per vendere vino negli USA
Produciamo vino in Italia e ci ha contattato un importatore statunitense interessato ai nostri  vini in bottiglia (Horeca e vendita tramite e-commerce). Ci ha chiesto una Letter of authority…
Contratti con controparti aventi sede in territorio russo o bielorusso
Contratti con controparti aventi sede in territorio russo o bielorusso
Confindustria ha pubblicato alcuni consigli sui principali profili da considerare nella stipula di contratti internazionali con controparti aventi sede in territorio russo, bielorusso o in territori limitrofi.