Gestione delle trattative: come negoziare con gli arabi

di lettura

Se i 22 paesi arabi (membri della Lega degli Stati Arabi) costituissero un unico paese, sarebbe l'ottava economia mondiale in termini di PIL, davanti a paesi come Russia o India.

Gestione delle trattative: come negoziare con gli arabi

Il PIL pro capite sarebbe di $ 6.700, più alto di Cina o India e sarebbe composto da una classe media in crescita di 150 milioni di persone, su un totale di 350 milioni.

Sebbene l'aspetto religioso sia molto presente nella vita e nella cultura araba, è importante ricordare che i Paesi arabi non vanno confusi con l'insieme del mondo musulmano, infatti solo il 25% circa dei musulmani è costituito da arabi.

Il più grande paese musulmano al mondo è l'Indonesia, che non è certo un paese arabo. Da rilevare che gli iraniani non sono arabi ma persiani, infatti non parlano l’arabo ma il farsi, ma ciò non toglie che abbiano molti elementi culturali in comune.

Nel mondo arabo la negoziazione è qualcosa in più di una semplice gestione del business. È un mix tra arte e modo di vivere insito nel loro modo di essere e che si rispecchia nella gestione degli affari.

Da un punto di vista culturale gli italiani, e in generale i latini, sono molto più vicini alla cultura araba che a quella anglosassone.

Tuttavia il mondo arabo non è un blocco monolitico in cui tutti vivono e pensano allo stesso modo. Ci sono paesi con una rigorosa applicazione della legge islamica come l'Arabia Saudita o l'Iran e altri con un atteggiamento meno rigoroso come il Marocco o Emirati Arabi.

Nel mondo arabo, come in tutte le altre culture, dobbiamo sempre mantenere un atteggiamento vigile contro i possibili errori che commettiamo per mancanza di attenzione o ignoranza sulle questioni sia religiose che di vita quotidiana. Sostanzialmente il modo di negoziare degli arabi è l’opposto di quello americano.

Quando si affronta una negoziazione con gli arabi

  • Per poter essere considerati amici e poter fare affari, l’arabo deve sapere chi e come è la controparte. Vuole sapere le sue origini, la sua famiglia, studi, lavoro. Lui comunque è disponibile a corrispondere con la stessa, o maggiore informazione. Ciò è dovuto al fatto che l’arabo è molto diffidente, più dei latini. In questo contesto la figura dell’intermediario è fondamentale (negli Emirati Arabi viene chiamato “sponsor”). Quasi sempre è utile essere presentati o introdotti da qualcuno che gode la fiducia di entrambe le parti.
  • Gli arabi danno molta importanza agli incontri personali faccia a faccia (preferiti ai colloqui telefonici o alle email). Non sono a loro agio con il carteggio burocratico, la negoziazione deve sempre avvenire tra persone e non tra organizzazioni. Di conseguenza è molto importante non cambiare la persona incaricata della relazione o negoziazione. Gli arabi si concentrano sul fattore umano quando prendono decisioni o analizzano fatti, credono nelle persone, non negli enti o istituzioni.
  •  I tempi delle negoziazioni sono molto lunghi. A loro non importa investire mesi o anni nel costruire una relazione personale di reciproca fiducia (condizione principale per fare affari). Gli accordi veloci non esistono, dunque armarsi di tanta pazienza.
  • Molto difficilmente un arabo ammette in modo aperto e chiaro un errore se ciò presuppone un danno al suo ego o alla sua dignità. Per gli arabi preservare l’onore è più importante dei fatti.
  • Il fatalismo è una parte fondamentale della cultura araba. Si fonda sulla credenza che soltanto Dio controlla in modo diretto e univoco tutto ciò che accade nell’Universo. Di conseguenza l’eccessiva fiducia in sé stessi, nel controllo dei fatti, viene considerato come un segno di arroganza. Ciò si riflette nel frequente uso dell’espressione “insh’allah” (se Dio vuole), equivalente al nostro “magari”. Per loro l’ateismo e lo gnosticismo sono incomprensibili.
  • Attenzione al funzionamento del sistema bancario. In via generale nel sistema bancario islamico non vengono percepiti interessi, essendo gli stessi considerati pratica usuraia (Ribah), ma la banca ha comunque diritto a un profitto (mark up) dato dalla differenza tra il costo di acquisto e il prezzo di vendita, che tiene conto di un rendimento inizialmente convenuto tra le parti. Evitare l’uso del credito come strumento di Marketing. A questo proposito esiste la cd. “finanza islamica”.
  • È proibito investire in determinati settori quali produzione di carne di maiale, armamenti, gioco d'azzardo, alcol, tabacco e pornografia.

Società e costumi

  • Come regali apprezzeranno molto una bussola (gli permetterà di orientarsi nella posizione corretta verso La Mecca per pregare) o un piccolo tappeto dove inginocchiarsi sempre per pregare. Evitare assolutamente quadri o immagini di donne semivestite o di cani (animale impuro).
  • Contrariamente a quanto si possa pensare, le donne arabe sono le maggiori consumatrici di abbigliamento intimo elegante e di alto livello a livello mondiale, nonché di cosmetici per il “make-up”.
  • Disporre della certificazione “Halal” dei prodotti è un’arma in più. Riguarda tutti quei prodotti (alimentari, cosmetici, medicinali, abbigliamento e perfino servizi turistici, finanziari, assicurativi e bancari) che vengono fatti rispettando i dettami del Corano.

Michele Lenoci

 

Contrattualistica
Gestione delle trattative commerciali: negoziare con i tedeschi
Gestione delle trattative commerciali: negoziare con i tedeschi
La Germania è il primo mercato di sbocco per le nostre esportazioni. Sebbene siamo abituati a lavorare con i tedeschi, spesso commettiamo una serie di errori quando avviamo delle trattative commerciali. 
Giurisdizioni dell’ordine giudiziario in Francia
Giurisdizioni dell’ordine giudiziario in Francia
La procedura civile francese è stata riformata tramite dei decreti adottati l’11 dicembre 2019 che hanno ridefinito l’organizzazione giudiziaria e le regole di procedura applicabili davanti le giurisdizioni giudiziarie.
Gestione delle trattative: come negoziare con gli arabi
Gestione delle trattative: come negoziare con gli arabi
Se i 22 paesi arabi (membri della Lega degli Stati Arabi) costituissero un unico paese, sarebbe l'ottava economia mondiale in termini di PIL, davanti a paesi come Russia o India.
Dichiarato invalido l’accordo “Privacy Shield” per il trasferimento dei dati personali dalla UE agli USA
Dichiarato invalido l’accordo “Privacy Shield” per il trasferimento dei dati personali dalla UE agli USA
La decisione della Corte di Giustizia del 17 luglio 2020 è destinata ad avere pesanti ripercussioni sia politiche, nei rapporti UE/USA, che pratiche, per i provider USA e le aziende italiane.
Pratiche commerciali abusive e legge francese di applicazione necessaria
Pratiche commerciali abusive e legge francese di applicazione necessaria
Attenzione all’applicazione della legge francese, non prevista dalle parti (leggi di ordine pubblico di applicazione necessaria).
Gestione delle trattative commerciali: negoziare con i cinesi
Gestione delle trattative commerciali: negoziare con i cinesi
La Cina, con oltre 5.000 anni di storia molti dei quali dedicati al commercio, influenza l'uomo d'affari cinese con una cultura piena di tradizioni e comportamenti non comuni in Occidente.
Canoni e spese di locazione dei negozi chiusi per decreto in Francia
Canoni e spese di locazione dei negozi chiusi per decreto in Francia
Il Governo francese, per limitare la diffusione del Covid-19, ha deciso la chiusura dei negozi dal 16 marzo fino all’11 maggio, ad eccezione di quelli la cui attività è considerata essenziale (generi alimentari, farmacie, edicole, ecc.
Internazionalizzazione: la rete distributiva integrata
Internazionalizzazione: la rete distributiva integrata
Come impostare lo sviluppo internazionale di una rete a marchio?
Assocalzaturifici: partnership con la piattaforma BDroppy
Assocalzaturifici: partnership con la piattaforma BDroppy
Grazie alla nuova collaborazione i marchi calzaturieri potranno raggiungere oltre 400.000 e-tailer in oltre 50 paesi.
Mascherine (DPI) normativa di riferimento
Mascherine (DPI), normativa di riferimento per la riconversione delle produzioni
A fronte dell’emergenza mondiale COVID19 e della difficoltà a reperire dispositivi di protezione individuali ed altri dispositivi medicali vi è da una parte l’interesse di numerose imprese a convertire la produzione e, dall’altra, l’esigenza dello Stato italiano e protezione civile, di diventare il più possibile autosufficienti per poter gestire prima l’emergenza sanitaria della prima fase poi anche la gestione della fase 2.