Gestione delle trattative commerciali: negoziare con i tedeschi

di lettura

La Germania è il primo mercato di sbocco per le nostre esportazioni. Sebbene siamo abituati a lavorare con i tedeschi, spesso commettiamo una serie di errori quando avviamo delle trattative commerciali. 

Image

Per gli operatori tedeschi sono fondamentali: la qualità dei prodotti; i servizi offerti; la sostenibilità ambientale. Anche il prezzo conta, soprattutto nei settori ad elevata competitività.

Il tedesco è restio a cambiare prodotto se si trova bene (la sua fedeltà è proverbiale), ma questa fedeltà va guadagnata sul campo offrendo sempre servizi e qualità.

Consigli sulla negoziazione

  • Esiste un alto livello di formalità nelle società d’affari tedesche: i titoli e le posizioni sono molto importanti. Usare prima il titolo professionale, seguito dal grado. Ad esempio: “Herr Direktor Dr…”
  • Non dare mai del tu, anche quando si raggiunge una grande confidenza, a meno che non sia richiesto dalla controparte, altrimenti è una grave scortesia
  • Sebbene l’inglese sia la seconda lingua in Germania, il tedesco è la lingua degli affari. Dunque prima della riunione, meglio accertarsi se l’inglese è accettato o se è richiesto un traduttore
  • Le lettere di presentazione sono molto gradite e normalmente corrisposte
  • Fissare gli appuntamenti con largo anticipo (invito per partecipare a una fiera), altrimenti si viene considerati persone che non rispettano gli impegni altrui
  • Evitare di “assillare” i contatti tedeschi con continue email e/o telefonate per avere una risposta, è la strada migliore per distruggere un rapporto ancora prima di iniziarlo
  • La puntualità è assoluta
  • I biglietti da visita vengono scambiati all’inizio della riunione
  • Non aspettarsi flessibilità e/o spontaneità. Meglio non interrompere l’interlocutore mentre parla.
  • Poco gradite le esagerazioni. Non si fanno impressionare da presentazioni “pirotecniche”, frasi memorabili o dalla storia aziendale. Evitare lunghe premesse, subito al sodo
  • Bisogna andare all’incontro ben preparati, con argomentazioni tecniche concrete e prove a sostegno delle proprie tesi (dati scientifici, grafici, documenti)
  • Nella presa delle decisioni non conta la gerarchia degli interlocutori, ma l’opinione dei professionisti e degli specialisti convocati alla riunione. Dunque bisogna convincere loro, non il “capo” che deciderà sulla base del parere tecnico dei suoi collaboratori (il contrario di quanto accade, spesso, in Italia)
  • Nelle negoziazioni i tedeschi sono molto diretti, cosa che a volte viene confusa con arroganza. Non è necessario cercare di stabilire relazioni personali per promuovere gli affari. La vita personale è separata da quella professionale.
  • I tedeschi cercano i difetti nei prodotti o servizi offerti, che puntualmente rileveranno se non vengono rispettate le promesse fatte (in questi casi si attendono le scuse e il ripristino di quanto promesso)
  • I contratti vengono presi molto sul serio nella cultura d’affari tedesca, vengono adempiuti alla lettera, ma si aspettano altrettanto dalla controparte
  • Gradiscono l’abbigliamento elegante, alla moda ma conservatore, non troppo appariscente. Per gli uomini abito scuro o grigio, mentre per le donne evitare abiti troppo corti.
  • Scambi di regali non sono, in generale, utilizzati. Eventualmente regalare oggetti di poco valore (apprezzano il gesto, non il valore del prodotto)
  • I tedeschi non sono maniaci del lavoro: prendono sei settimane di ferie all'anno e la loro giornata lavorativa termina tra le 16 e le 17. Il lavoro straordinario è percepito piuttosto come una mancanza di organizzazione che impedisce un uso efficace del tempo (i tedeschi sono quelli che lavorano di meno in Europa, appena 1280 ore/anno contro i 1800 degli italiani, questo grazie alla loro elevata produttività). Non si dovrebbero fissare appuntamenti al di fuori di questi orari, né aspettarsi che lavorino nei fine settimana o durante le vacanze (molte aziende tedesche inibiscono la consultazione delle e-mail al di fuori dell’orario di lavoro).

Michele Lenoci

Contrattualistica
Antitrust Canada
Contratti di distribuzione e di agenzia in Canada: norme sulla concorrenza
La normativa anti-trust vigente in Canada è contenuta nel Competition Act che regola le restrizioni sul prezzo, sul territorio, sulla clientela, sulle vendite online e gli accordi di esclusiva.
Brexit e accordi di scelta del foro
Brexit e accordi di scelta del foro
Considerate le complicazioni derivanti dalla Brexit, è importante valutare attentamente, caso per caso, quale tipo di clausola di scelta del foro adottare.
Emirati Arabi Uniti: eliminato l’obbligo di sponsor locale per le società onshore
Emirati Arabi Uniti: eliminato l’obbligo di sponsor locale per le società onshore
Dal 1° giugno sono in vigore le nuove regole che consentono la piena proprietà straniera delle società onshore, ossia quelle costituite sul territorio emiratino, fissate nel Decreto Legge Federale n. 26 del 2020.
Codice civile Repubblica Popolare Cinese
Codice civile Repubblica Popolare Cinese
Una svolta storica per il diritto cinese: il 28 maggio è stato approvato il primo Codice Civile della Repubblica Popolare Cinese, che è entrato in vigore il 1° gennaio 2021.
Regolamento Privacy: stato di attuazione a due anni dall’applicazione
Regolamento Privacy: stato di attuazione a due anni dall’applicazione
La risoluzione del Parlamento europeo 25 marzo 2021 descrive e commenta lo stato di attuazione del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016.
Compravendita internazionale e garanzia dei vizi: profili critici
Compravendita internazionale e garanzia dei vizi: profili critici
La garanzia dei vizi nell’ambito di un contratto di vendita internazionale alla luce della recente sentenza della Corte di Cassazione e dei principali aspetti disciplinati dalla Convenzione di Vienna.
Vendita internazionale di beni: efficacia degli Incoterms per determinare la giurisdizione
Vendita internazionale di beni: efficacia degli Incoterms per determinare la giurisdizione
L’individuazione del giudice competente rappresenta un passaggio imprescindibile e talvolta dirimente per le sorti del giudizio nelle controversie internazionali.
Nozione di agente commerciale: confronto tra giurisprudenza francese ed europea
Nozione di agente commerciale: confronto tra giurisprudenza francese ed europea
Sentenza della Corte di Giustizia europea del 4 giugno 2020 (causa C-828/2018).
Brexit e risvolti operativi sui contratti commerciali
Brexit e risvolti operativi sui contratti commerciali
Il Regno Unito non è più parte dell’Unione Europea e questo comporta cambiamenti dal punto di vista della movimentazione delle persone, doganale, tariffario e commerciale.
Brexit e contratti commerciali
Brexit e contratti commerciali
Sintesi del Tascabile Brexit realizzato da Agenzia ICE che analizza gli effetti della Brexit sugli accordi commerciali tra imprese.