Quando è concluso un contratto di vendita di materie prime?

di lettura

Nella vendita internazionale di commodities può essere talora complesso stabilire se un contratto è stato effettivamente concluso ed è vincolante per le parti. 

Quando è concluso un contratto di vendita di materie prime?

Accade con frequenza che una delle parti (di regola di fronte a nuove circostanze come ritardi, indisponibilità della merce, variazioni dei prezzi di mercato) si rifiuti di adempiere sostenendo che le trattative non hanno portato alla stipulazione di un contratto definitivo.

In caso di contenzioso giudici o arbitri sono chiamati a stabilire se effettivamente un contratto esiste, e si tratta di una valutazione spesso resa complessa dal fatto che per i contratti di vendita di beni mobili  in molti ordinamenti non è richiesta la forma scritta, e il consenso delle parti può essere tacito, ossia ricavabile dalla loro condotta (è il caso per esempio della legge italiana, ed analoga libertà di forma ricorre nel diritto francese ed inglese).

Non solo,  ma esistono differenze rilevanti tra i vari ordinamenti con riguardo al momento in cui il contratto può ritenersi perfezionato, ed è dunque  possibile che in base alla legge applicabile l’accordo sia raggiunto anche solo in presenza di una intesa sui termini essenziali, con la possibilità per le parti di integrare in seguito pattuizioni ulteriori.

Tale ultimo aspetto ha particolare rilievo nel commodity trade, perché spesso le parti non possono (o non intendono) ancora definire tutti gli elementi del contratto, ma formalizzano le intese raggiunte rinviando ad un momento successivo l’accordo sui punti pendenti (che possono essere rilevanti, come prezzo, quantitativi di merce, modalità e termini di consegna).

La giurisprudenza di regola ritiene che, in mancanza di accordo su un punto essenziale, il contratto non può ritenersi concluso, e nel valutare il peso della singola clausola i giudici danno grande attenzione all’intero complesso delle trattative, per ricostruire l’effettiva volontà delle parti.

Due recentissime decisioni dimostrano però che (soprattutto per i contratti soggetti a legge inglese) nella fase delle trattative non bisogna confidare troppo sul fatto che la mancanza di accordo su alcuni dei punti oggetto delle trattative impedisce il perfezionamento del contratto.

MRI Trading AG v Erdenet Mining Corporation LLC, Court of Appeal, 2013

Nel primo caso, la giurisprudenza ha valutato la distinzione tra contratti vincolanti e intese che invece non sono suscettibili di esecuzione, in quanto puri “agreements to agree”. Un contratto del 2005 tra MRI and Erdenet (società mineraria con sede in Mongolia) per la fornitura di rame aveva dato vita a un contenzioso che aveva portato a un accordo transattivo nel 2009; le parti avrebbero dovuto sottoscrivere tre diversi contratti di fornitura, due per il 2009 e uno per il 2010, in base alle condizioni riportate in un prospetto allegato alla transazione.

Un nuovo contenzioso era sorto dal contratto 2010, che lasciava non definiti due aspetti di notevole peso, ossia la shipping schedule, e gli aggiustamenti di prezzo relativi alla raffinazione del minerale (“treatment/refining charges”) che le parti avevano espressamente concordato “to be agreed during the negotiation of terms for 2010”. L’accordo al quale le parti avevano fatto rinvio non era stato raggiunto ed Erdenet aveva rifiutato di eseguire le forniture.

Nel procedimento arbitrale promosso da MRI gli arbitri hanno ritenuto che il contratto non si fosse perfezionato, trattandosi semplicemente di un impegno a negoziare, privo di immediata efficacia vincolante.

Il lodo è stato impugnato e la High Court è stata di diverso avviso; la corte ha sottolineato che non era sorprendente che le parti avessero lasciato tali aspetti privi di determinazione, dal momento che il contratto era stato sottoscritto circa un anno prima del periodo previsto per la consegna.

Il fatto che queste restassero “to be agreed” non escludeva tuttavia di per sé l’esistenza di un contratto, poiché ad avviso della corte il linguaggio utilizzato dalle parti era “a strong indicator that the parties did not intend a failure to agree, still less a refusal to negotiate or seek to agree, as being fatal to their bargain or as entitling either party to walk away from the contract”.

Un ulteriore elemento che ha indotto la High Court a raggiungere tale conclusione è stato la circostanza che il contratto del 2010 era stato stipulato a fronte della rinuncia da parte di MRI a coltivare reclami significativi nei confronti Erdenet e relativi al contratto del 2005.

Proton Energy Group SA v. Orlen Lietuva, 2013

Aspetti analoghi sono stati affrontati in un altro recentissimo caso avente ad oggetto la vendita di un carico di 25.000 tonnellate di greggio. I termini di fornitura erano racchiusi in una e-mail con oggetto “Firm offer on delivery of ABT 25kt of crude oil mix”, trasmessa dai venditori a parte acquirente. La e-mail conteneva la proposta di vendere 25.000 tonnellate di prodotto “+/- 10% at the seller’s option, CIF Butinge, Lituania”, e precisava che l’offerta sarebbe stata valida “until close of business”.

L’acquirente replicava che il termine previsto per la caricazione avrebbe dovuto essere individuato, che la previsione di una lettera di credito era accettabile, ma che il testo avrebbe dovuto essere confermato e che avrebbero potuto esserci “small changes” in relazione ai meccanismi di riduzione del prezzo. I venditori replicavano che le condizioni contenute nella proposta non erano modificabili, e l’acquirente replicava “confirmed”.

In seguito i venditori chiedevano ed ottenevano l’accettazione da parte del compratore riguardo alle caratteristiche della nave, e concordavano il termine per la caricazione. Poco dopo i venditori cercavano di ridimensionare il quantitativo da consegnare, ma trovavano il rifiuto di parte acquirente, che però in seguito si rifiutava di sottoscrivere il testo ricevuto dai venditori contenente tutte le condizioni e le intese raggiunte, e dichiarava concluse le trattative.

Nel giudizio promosso da parte venditrice il giudice Mackie QC ha evidenziato che le parti non avevano raggiunto un accordo in relazione a due aspetti significativi, ossia se il quantitativo di 25.000 tonnellate includesse anche acqua e sedimenti ed il testo finale della lettera di credito.

Ha aggiunto tuttavia che questo non escludeva che le parti avessero stipulato un contratto, ed ha sottolineato in particolare l’importanza di accertare quali fossero le effettive intenzioni delle parti, richiamando in particolare le considerazioni di Lloyd LJ  nel caso Pagnan SpA v Feed Products (1987), dove la corte ha chiarito che “there is no legal obstacle which stands in the way of the parties agreeing to be bound now while deferring important mattes to be agreed later. It happens every day when parties enter into so-called “heads of agreement””.

Sulla base di tali precedenti la corte ha ritenuto che un accordo era stato raggiunto sulla base dello scambio di corrispondenza e-mail, sottolineando come questo fosse un classico “spot deal”, nel quale la velocità delle negoziazioni e la volatilità del mercato impone (e rende plausibile) che le parti raggiungano un accordo limitato solo ai termini essenziali, lasciando la definizione di ulteriori elementi del contratto (per quanto importanti) ad una successiva trattativa.

Claudio Perrella

Tag dell'informativa
Contrattualistica
Covid-19 e forza maggiore nei contratti internazionali di vendita di impianti
Covid-19 e forza maggiore nei contratti internazionali di vendita di impianti
L’epidemia da Covid-19 e le misure adottate allo scopo di contrastare la diffusione del virus, non solo dall’Italia ma da molti altri Paesi, si ripercuotono inevitabilmente sull’esecuzione dei contratti non consentendo (o non consentendo nei tempi concordati) alle parti l’adempimento dei propri obblighi.
Emergenza COVID-19 e commercio con l’estero: novità per i contratti internazionali
Emergenza COVID-19 e commercio con l’estero: contratti internazionali
L’emergenza sanitaria legata al COVID-19 e le misure di cui al DPCM 22 marzo 2020 impongono una immediata valutazione dei contratti commerciali in corso al fine di determinare se sia possibile invocare cause di “forza maggiore” o “hardship” per ottenerne la sospensione, risoluzione o rinegoziazione.
Franchising internazionale ed export 4.0
Franchising internazionale ed export 4.0
La formula franchising è ad un tempo tutela degli elementi proprietari e del modello di business nella sua interezza e condivisione del marchio, del progetto di espansione, del coinvolgimento di clienti/ partner/ stakeholder.
Franchising internazionale: la selezione dei mercati esteri
Franchising internazionale: la selezione dei mercati esteri
Nell’articolo vengono illustrati i fattori distintivi che devono essere considerati per impostare un efficace e consapevole piano di sviluppo del franchising internazionale, con particolare riferimento alle leve di business da non sottovalutare per la scelta dei mercati.
La ricerca del master franchisee: quali canali utilizzare?
La ricerca del master franchisee: quali canali utilizzare?
La formula franchising a livello internazionale può essere declinata secondo modelli differenti, ma la formula master è generalmente la preferita.
Contratti di agenzia internazionale nella UE: Il giudice competente nelle controversie
Contratti di agenzia internazionale nella UE: Il giudice competente
Quando il rapporto di agenzia internazionale sfocia in contenzioso (ma non solo in tal caso) diventa indispensabile individuare il giudice nazionale competente a dirimere la controversia ai sensi del Regolamento Bruxelles I-bis coordinato anche con le norme processuali nazionali.
Il franchising e’ compatibile con altre formule di export?
Il franchising e’ compatibile con altre formule di export?
La formula franchising per l’estero trae la sua impostazione dal modello di business già strategicamente definito e sperimentato con chiaro e  comprovato successo in un primo Paese; tuttavia, il modello sperimentato segue vie diverse per la relativa convalida in altri Paesi prima di avviare lo sviluppo rete nel nuovo mercato.
Contratti internazionali di vendita e prestazione di servizi in UE
Contratti internazionali di vendita e prestazione di servizi in UE
In una recente sentenza il Tribunale di Torino ha affrontato la questione relativa alla competenza giurisdizionale nel caso di un contratto di compravendita internazionale contenente elementi di prestazione di servizi fra parti aventi sede in Unione Europea.
Come progettare e sviluppare una rete in franchising internazionale
Come progettare e sviluppare una rete in franchising internazionale
Nell’articolo vengono presentati gli elementi indispensabili per lo sviluppo di una rete di franchising internazionale.
Clausole di deroga del foro nelle condizioni generali e rapporti di distribuzione
Clausole di deroga del foro nelle condizioni generali e rapporti di distribuzione
Nell’ambito dei rapporti contrattuali nel commercio internazionale sono nulle le clausole attributive di competenza stipulate nelle condizioni generali menzionate in fattura.