Nuove tendenze e soluzioni nella scelta della legge applicabile ai contratti internazionali: la posizione della ICC

di lettura

Vediamo in questo articolo uno studio che presenta la posizione innovativa della ICC circa la scelta della legge applicabile nella maggior parte dei modelli di contratto messi a punto dalla stessa: sottoposizione del contratto ai principi di diritto generalmente riconosciuti nel commercio internazionale.

Image

Quando, nel corso della negoziazione di un contratto internazionale, si tratta di scegliere la legge applicabile, le parti si trovano spesso davanti all'alternativa della scelta della legge nazionale di una di esse. Se una delle parti dispone di una maggiore forza contrattuale, essa potrà cercare di imporre l'applicazione della propria legge nazionale.

Tuttavia, quando ciò non avviene o quando le parti desiderano comunque giungere ad una soluzione equilibrata, si aprono essenzialmente due strade:

  • quella di optare per la legge di un paese terzo (Svizzera, Inghilterra, Svezia)
     
  • quella di sottoporre il contratto ad un sistema alternativo di norme a-nazionali.

La Camera di Commercio Internazionale ha seguito questa seconda impostazione nella maggior parte dei modelli di contratto messi a punto dalla stessa, prevedendo, in alternativa alla scelta di una specifica legge nazionale,  la sottoposizione del contratto ai principi di diritto generalmente riconosciuti nel commercio internazionale insieme ai Principi Unidroit sui contratti commerciali internazionali.

Trattandosi di una scelta innovativa, che viene vista con notevole sospetto da una buona parte dei giuristi tradizionali, è parso opportuno spiegarne dettagliatamente le ragioni e, soprattutto le varie implicazioni, in modo da consentire ai negoziatori una scelta ragionata della soluzione oggettivamente più  opportuna.

Lo studio ICC sul ricorso a norme a-nazionali

A tal fine un gruppo di lavoro presieduto dal sottoscritto e dal prof. Franco Silvano Toni di Cigoli ha elaborato lo studio intitolato "Developing neutral legal standards for international contracts. A national rules as the applicable law in international commercial contracts with particular reference to the ICC Model Contracts". Scarica e consulta lo studio.
http://store.iccwbo.org/content/uploaded/pdf/Developing%20neutral%20legal%20standards%20for%20Intl%20contracts.pdf

Il documento in questione spiega dettagliatamente l'approccio seguito nelle clausole dei modelli di contratto dell'ICC, che comunque costituisce una possibile alternativa, rimanendo in ogni modo aperta la possibilità di sottoporre il contratto ad una specifica legge nazionale scelta dalle parti.

La scelta a-nazionale consiste nel sottoporre il contratto ai principi generali del diritto (la cosiddetta lex mercatoria), escludendo le leggi nazionali, ed integrando questi principi estremamente generici con una normativa specifica sui contratti, costituita dai Principi Unidroit.

Questo abbinamento tra i principi piuttosto generici della lex mercatoria ed un sistema dettagliato di norme sui contratti, che tiene conto delle specifiche esigenze dei rapporti commerciali internazionali,  permette  di "costruire" un sistema normativo capace di offrire un grado di certezza e prevedibilità non inferiore ad una legge nazionale, soprattutto riguardo ai contratti atipici, che costituiscono la maggior parte dei contratti utilizzati nel commercio internazionale (come ad es. concessione di vendita, licenza di marchio e brevetto, subfornitura, franchising, ecc.).

Lo studio affronta dettagliatamente le questioni relative all'efficacia di un'eventuale scelta di norme a-nazionali, chiarendo che essa è raccomandabile solo a condizione che eventuali controversie vengano sottoposte ad arbitrato, essendo improbabile che tale scelta possa essere riconosciuta dai tribunali ordinari.

E' importante sottolineare che la taskforce della Camera di Commercio Internazionale, non ha inteso "promuovere" la soluzione a-nazionale rispetto ad altre possibili opzioni. In molti casi la scelta di una legge nazionale, se del caso di un paese terzo, potrà costituire la soluzione preferibile. Ciò che importa è che coloro che negoziano e redigono contratti internazionali possano disporre di uno strumento aggiuntivo per trovare soluzioni accettabili ad ambedue le parti e che siano messi in grado di valutare con obiettività se ed in che misura tale strumento può rispondere alle loro esigenze.

Considerando tutto ciò credo che lo studio in questione costituisca un contributo importante per lo sviluppo della contrattualistica internazionale.


Prof. Avv. Fabio Bortolotti

Contrattualistica
Supply chain e obblighi di due diligence: nuova proposta di direttiva in materia di sostenibilità
Supply chain e obblighi di due diligence: nuova proposta di direttiva in materia di sostenibilità
Il 23 febbraio 2022 è stata pubblicata la proposta di Direttiva UE relativa al dovere di diligenza delle imprese in materia di sostenibilità.
Arabia Saudita: agenzia commerciale, distribuzione e franchising
Arabia Saudita: agenzia commerciale, distribuzione e franchising
Un'azienda straniera non ha bisogno di creare una presenza stabile in Arabia Saudita allorché le sue merci sono importate per la vendita o la rivendita attraverso un distributore, un agente commerciale, o a seguito di un contratto di franchising.
Contratto con mezzi elettronici: attenzione alla terminologia da adottare sul pulsante di inoltro dell’ordine
Contratto con mezzi elettronici: attenzione alla terminologia da adottare sul pulsante di inoltro dell’ordine
La Corte di Giustizia dell’Unione Europea, con sentenza del 7 aprile 2022 nella causa C-249/21, si è espressa circa l’importanza dell’espressione da utilizzare sui pulsanti di inoltro degli ordini, quando il contratto è concluso con mezzi elettronici dal consumatore.
Imposizione  unilaterale di aumenti di prezzo e ritardi nelle consegne dei fornitori: rinegoziare le clausole contrattuali
Imposizione unilaterale di aumenti di prezzo e ritardi nelle consegne dei fornitori: rinegoziare le clausole contrattuali
Le problematiche concernenti i ritardi nelle consegne da parte dei fornitori italiani o esteri determina, a cascata, problemi per le aziende che non riescono ad assemblare i propri impianti e a consegnare in base a contratti già stipulati, determinando problematiche che possono sfociare nell’applicazione di penali o nella risoluzione del contratto di vendita col cliente finale.
Nuovo Regolamento sulle intese verticali: cosa cambia per l’e-commerce?
Nuovo Regolamento sulle intese verticali: cosa cambia per l’e-commerce?
Il 10 maggio 2022 la Commissione europea ha adottato il nuovo Regolamento sulle intese verticali n. 2022/720 che sostituisce il Regolamento 2010/330 e le nuove Linee Guida sulle restrizioni verticali.
Limiti alla responsabilità del venditore nella vendita internazionale
Limiti alla responsabilità del venditore nella vendita internazionale
La vendita internazionale di beni mobili tra professionisti è regolata dalla Convenzione delle Nazioni Unite sulla vendita internazionale di beni mobili, adottata a Vienna nel 1980 (Convenzione di Vienna).
Digital Services Act: proposta di Regolamento EU sui servizi digitali
Digital Services Act: proposta di Regolamento EU sui servizi digitali
Il 23 aprile il parlamento Europeo e il Consiglio d’Europa hanno raggiunto un accordo sul testo della proposta di Regolamento UE sui servizi digitali, il Digital Services Act (DSA).
Pratiche commerciali sleali nella filiera agricola e alimentare
Pratiche commerciali sleali nella filiera agricola e alimentare
Con D.lgs. dell’8 novembre 2021 n. 198 è stata data attuazione in Italia alla direttiva UE 2019/633 del 17 aprile 2019 in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare, che ha abrogato l’art.
Infoexport: Letter of authority per vendere vino negli USA
Infoexport: Letter of authority per vendere vino negli USA
Produciamo vino in Italia e ci ha contattato un importatore statunitense interessato ai nostri  vini in bottiglia (Horeca e vendita tramite e-commerce). Ci ha chiesto una Letter of authority…
Contratti con controparti aventi sede in territorio russo o bielorusso
Contratti con controparti aventi sede in territorio russo o bielorusso
Confindustria ha pubblicato alcuni consigli sui principali profili da considerare nella stipula di contratti internazionali con controparti aventi sede in territorio russo, bielorusso o in territori limitrofi.