Accordo di libero scambio tra UE e Ucraina, Georgia e Moldova

di lettura

Dopo una lunga trattativa, durata più di otto anni, in data 30 luglio 2014 le associazioni di categoria maggiormente rappresentative degli agenti e rappresentanti di commercio e dei preponenti del settore industriale e della cooperazione, hanno sottoscritto il nuovo Accordo Economico Collettivo per la disciplina dei rapporti di agenzia che rinnova e sostituisce il precedente AEC siglato il 20 marzo 2002.

Accordo di libero scambio tra UE e Ucraina, Georgia e Moldova

L’accordo prevede che i paesi firmatari si impegnino, in primis, a riavvicinare le proprie legislazioni sulla base di valori comuni e di legami stretti e privilegiati. La parte centrale riguarda, invece, l’istituzione progressiva di una zona di libero scambio (free trade zone), conformemente alle disposizioni presenti e all'articolo XXIV dell'Accordo generale sulle tariffe e sul commercio del 1994 (GATT).

E’ frutto di un lungo e travagliato negoziato iniziato nel 1994 e conclusosi solamente nel 2014, in seguito alle note vicende che stanno coinvolgendo l’Ucraina; l’instabilità politica presente in Ucraina ha, infatti, ulteriormente ritardato la firma dell’accordo che, inizialmente, era prevista per la fine del 2013.

Con l’applicazione di tale accordo, le autorità comunitarie intendono aiutare l’Ucraina ad uscire dalla crisi economica e creare un’area di libero scambio nell’est Europa sia con l’Ucraina che con la  Moldova e la Georgia. A tal proposito occorre sottolineare che gli accordi con questi ultimi paesi sono entrati provvisoriamente in vigore il 1° settembre 2014 e prevedono un’associazione tra l’Unione Europea e i suddetti stati terzi.
Le finalità degli accordi sono:

  • promuovere l'associazione politica e l'integrazione economica tra le Parti sulla base di valori comuni e di legami stretti
  • offrire un quadro consolidato per un dialogo politico rafforzato in tutti i settori di reciproco interesse, consentendo lo sviluppo di strette relazioni politiche tra le Parti
  • conseguire la progressiva integrazione economica dei suddetti stati nel mercato interno dell'UE.

Quest’ultimo aspetto viene attuato mediante l'istituzione di una zona di libero scambio globale e approfondito, che prevedrà un ampio accesso ai mercati, sulla base di un riavvicinamento normativo soprattutto in ambito doganale.
Gli accordi, pertanto, perseguono:

  • una reciproca apertura dei mercati per i beni ed i servizi
  • un graduale riavvicinamento della normativa dei paesi considerati a quella dell’Unione Europea nel settore del commercio e in aree correlate,  tra cui si possono citare il settore industriale, quello sanitario e fitosanitario dei prodotti agricoli, quello relativo ai diritti di proprietà intellettuale, l’agevolazione degli scambi, gli appalti pubblici, la concorrenza e gli aspetti energetici.

Per attuare il programma le parti contraenti sopprimono tutti i dazi doganali sulle merci originarie, considerate tali in base alle norme relative all’origine preferenziale,  dell'altra Parte a decorrere dalla data di entrata in vigore dell’accordo.

Requisiti per trattamento preferenziale

Tali norme prevedono che, per poter ottenere il trattamento preferenziale i prodotti debbano:

  • aver subito una trasformazione secondo i parametri previsti dagli accordi
  • che tale trasformazione sia avvenuta interamente nel territorio della parte contraente
  • che tali prodotti siano accompagnati da prova di origine che può essere rappresentata da un certificato di origine preferenziale EUR 1 o da una dichiarazione su fattura rilasciata dall’esportatore.

Le autorità importatrici non applicano il dazio sulle merci scortate dal certificato di origine preferenziale ma si riservano di richiedere, alle autorità dello stato esportatore, una verifica della autenticità di tali prove di origine.

Mentre gli accordi con Georgia e Moldova sono entrati in vigore, l’accordo con l’Ucraina diverrà operativo solamente quando i due stati contraenti avranno completato le procedure interne per la sua concreta applicazione.

Reg. n. 374 del  16.04.2014: trattamento preferenziale unilaterale

Tuttavia l’Unione Europea, considerata la situazione estremamente grave presente in Ucraina, ha anticipato le misure agevolative nei confronti di tale paese e, con il Reg. n. 374 del  16.04.2014, ha introdotto un trattamento preferenziale unilaterale.

L’Unione Europea ha voluto ulteriormente agevolare l’Ucraina anticipando l’abbattimento dei dazi in importazione per merci originarie di detto paese. Infatti l’art. 1 del suddetto regolamento prevede che “i dazi doganali sulle merci originarie dell’Ucraina sono ridotti o soppressi per ognuno dei prodotti(…) della Tariffa Doganale dell’Unione Europea”.

Similmente a quanto previsto nell’accordo di associazione per poter ottenere le agevolazioni occorre che l’Ucraina:

  • partecipi ad una cooperazione amministrativa efficace con l’Unione, al fine di prevenire rischi di frode
  • e che, all’atto dell’esportazione, vengano rispettate le norme relative all’origine dei prodotti e delle procedure connesse, presenti nel titolo IV, capitolo 2, sezione 2, del regolamento (CEE) n. 2454/93.

Tali norme prevedono:

  • il rispetto dei requisiti che devono essere soddisfatti in territorio ucraino relativamente alla lavorazione di materie prime di origine NON Ucraina (trasformazione sufficiente)
  • emissione di una prova di origine preferenziale Ucraina delle merci all’atto della loro esportazione verso l’Unione europea (EUR 1 o dichiarazione dell’esportatore).
  • prova documentale del trasporto diretto Ucraina /Unione europea

AndreaToscano
Enrico Calcagnile

Tag dell'informativa
Dogane
Dogane: gli ultimi interventi per frontaggiare l’emergenza sanitaria Covid-19
Dogane: gli ultimi interventi per frontaggiare l’emergenza sanitaria Covid-19
Pagamenti in dogana differiti, sospensione delle attività di riscossione e calendarizzazione delle verifiche e degli accertamenti per non gravare sugli operatori, sempre però in ossequio al principio per cui i dazi doganali, in quanto risorse proprie, non sono tributi disponibili.
Coronavirus: le misure aggiornate per gli operatori internazionali
Coronavirus: le misure aggiornate per gli operatori internazionali
Il quadro attuale del mondo imprenditoriale offre una continua successione di difficoltà, dalla interruzione totale o parziale di fabbriche e uffici, alle interruzioni delle differenti catene di approvvigionamento e dei trasporti, fino al blocco effettivo degli scambi commerciali in alcune aree del globo.
Il ruolo della voce doganale
Il ruolo della voce doganale
Con il termine voce doganale, nomenclatura combinata o custom tariff, si intende il codice numerico che dal punto di vista doganale identifica i beni oggetto della transazione sia intracomunitaria sia di importazione o di esportazione.
Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio
Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio
In linea con la politica sulla verifica della conformità dei prodotti, il 16 dicembre 2019 il Marocco ha implementato un controllo di conformità (programma VOC, Verification of Conformity), reso obbligatorio dal 1° febbraio 2020 per alcuni prodotti importati in Marocco.
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
La guida, realizzata da Unioncamere Lombardia, ha lo scopo di informare e fornire strumenti pratici alle imprese nell’ambito dell’origine preferenziale della merce. 
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione
L’origine, da non confondere con la provenienza, è la nazionalità economica dei beni scambiati nel commercio internazionale. Esistono due tipi di origine: preferenziale/fiscale e non preferenziale/economica.
Le prove di cessione Intra Ue e il Reg. Ue 2018/1912
Le prove di cessione Intra Ue
Che l’acquisizione e la gestione documentale delle prove delle cessioni Intra UE sia un problema ed una criticità nella vita di molte imprese italiane non è che una constatazione di fatto.
Novità certificati EUR 1 EUR MED
Novità certificati EUR 1 EUR MED
Nell'articolo un aggiornamento a seguito dell’entrata in vigore della Nota dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 200901 del 5 dicembre 2019.
Abolizione dei certificati EUR1 e ATR previdimati per l'esportatore autorizzato
Novità EUR1 e ATR: l’importanza della qualifica di esportatore autorizzato
Ottenere la qualifica di esportatore autorizzato per l’impresa rivolta all’export diventa sempre più importante.
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali
Nonostante siano passati già 3 anni dal referendum che ha dato avvio al processo Brexit, persiste tutt’ora un clima di incertezza per quanto riguarda le modalità di uscita del Regno Unito dall'Unione Europea.