Arabia Saudita: Special Economic Zones

di lettura

L'Arabia Saudita ha previsto di istituire una serie di zone economiche speciali che forniranno incentivi per investire in diversi settori, tra cui quello manifatturiero, delle biotecnologie e del cloud computing.

Image

L'Arabia Saudita intende creare queste zone economiche speciali per attrarre maggiori investimenti e convincere le multinazionali a trasferire le loro sedi regionali nel regno.

Le zone speciali si concentreranno su "settori ad alta priorità" e offriranno "regolamenti competitivi", come parte della nuova Strategia nazionale per gli investimenti.

I piani includono una zona logistica all'aeroporto di Riyadh e una zona economica speciale nel distretto finanziario King Abdullah. Sono previste anche altre due o tre zone, che includeranno impianti logistici, di cui una situata nella King Abdullah Economic City.

La zona economica speciale consentirà un certo grado di flessibilità per quanto riguarda le esenzioni doganali e sul reddito d'impresa e le tasse governative, oltre all'allentamento di alcune norme sul lavoro (relativa alla c.d. saudisation). Le zone economiche saranno gestite da un regolamento indipendente dell'Autorità per le città economiche e le zone speciali (ECZA).

Il principe ereditario saudita vuole trasformare il regno islamico in una centrale di investimenti e in un hub globale per gli affari e i talenti, nell'ambito del suo piano Vision 2030 di diversificazione dell’economia dalla dipendenza dal petrolio. Questa strategia sta aumentando la competizione economica con i vicini Emirati Arabi Uniti, dove la città di Dubai è da tempo un centro regionale per banche e società multinazionali.

I funzionari sauditi hanno difatti annunciato che nel 2024 il governo smetterà di firmare contratti pubblici con le aziende che hanno sede regionale in altri paesi del Medio Oriente.

Integrated Logistic Bonded Zone

ILBZ è la prima zona logistica integrata dell'Arabia Saudita e si trova a Riyadh. E’ il progetto inaugurale di una serie di zone logistiche speciali pianificate a sostegno dell'ambiziosa visione di rendere l’Arabia Saudita una delle 10 più grandi economie del mondo. Si inserisce negli sforzi per rendere il Regno un hub di trasporto e logistica competitivo a livello globale per la movimentazione di beni e servizi in tutto il mondo, all'interno di un ambiente favorevole alle imprese.

Lo sviluppo della zona offrirà incentivi alle aziende che si insedieranno nel sito adiacente all'aeroporto internazionale di Riyadh, tra cui:

  • assenza di imposizione fiscale per 50 anni
  • aliquota zero per le società, il reddito e la ritenuta d'acconto su alcuni pagamenti
  • 100% di proprietà straniera
  • sospensione al 100% delle restrizioni doganali e di importazione
  • nessuna restrizione al rimpatrio dei capitali.

La zona di 3 milioni di metri quadrati è situata in posizione strategica per servire oltre 650 milioni di clienti in Africa, Asia ed Europa, collegandoli attraverso l'aeroporto internazionale King Khalid e i mercati nazionali e regionali attraverso la Saudi Land-Bridge Railway che attraversa Riyadh e i porti secchi che circondano l'aeroporto internazionale King Khalid.

La zona offrirà strutture per l'aviazione, la movimentazione delle merci, programmi di formazione sponsorizzati dal governo e tecnologie avanzate per il tracciamento delle merci, oltre a un ufficio per i servizi governativi nell'ILBZ che fungerà da sportello unico per ottenere qualsiasi servizio governativo per gli investitori.

Stefano Meani

Dogane
Arabia Saudita: Special Economic Zones
Arabia Saudita: Special Economic Zones
L'Arabia Saudita ha previsto di istituire una serie di zone economiche speciali che forniranno incentivi per investire in diversi settori, tra cui quello manifatturiero, delle biotecnologie e del cloud computing.
Libro blu ADM 2021
Libro blu ADM 2021
Pubblicato il Libro blu dell’Agenzia delle Dogane che presenta un’analisi delle ripercussioni della guerra Russia - Ucraina sull’interscambio commerciale italiano con i paesi coinvolti nel conflitto.
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nasce il Fast Corridor ferroviario per ottimizzare lo spostamento delle merci containerizzate dal magazzino di temporanea custodia di Gioia Tauro al magazzino di Bologna Interporto.
CETA: i benefici per le imprese italiane
CETA: i benefici per le imprese italiane
A cinque anni dall’entrata in vigore del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Canada e Unione Europea, SACE traccia un primo bilancio.
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
L’introduzione in Unione Europea dei Regolamenti n. 263/2022 e 576/2022 ha determinato importanti restrizioni sul commercio internazionale verso la Russia e la Bielorussia.
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Con riferimento all’obbligo che ricade sugli operatori di comunicare in dogana le operazioni intracomunitarie, sono intervenute modifiche in merito alla scadenza di presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat.
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Per dichiarare il carattere preferenziale delle merci oggetto di esportazione (verso i Paesi firmatari di accordi di origine preferenziale con l’UE) i fornitori devono fornire indicazioni di origine preferenziale agli esportatori in merito alla materie prime, semilavorati o prodotti finiti che vengono a loro ceduti.
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Dal 9 giugno è entrato in vigore il nuovo sistema di presentazione delle dichiarazioni doganali all’importazione (mod. H1-H5), che trasforma la bolletta doganale in un data set immateriale.
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...