Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero

di lettura

Con l’accordo di libero scambio sottoscritto da Ue e Uk, le merci di origine preferenziale, come tali correttamente auto-dichiarate dagli esportatori, beneficiano degli effetti dell’area di libero scambio con dazi di import zero.

Image

Per certificare le merci come preferenziali, però, gli esportatori devono garantire la tracciabilità della filiera produttiva o commerciale e, sul piano formale, devono necessariamente essere registrati nel sistema Rex, che dal 26 gennaio 2021 è obbligatorio per tutte le operazioni e ottenibile con una domanda on line semplificata.

Origine preferenziale: la certificazione Rex

Scatta dunque la “corsa” al Rex perché solo con tale identificativo le merci possono essere dichiarate come preferenziali e beneficiare in Uk del dazio zero.

Si tratta di un sistema che, dopo le incertezze iniziali, trova in queste settimane un primo assestamento e la possibilità per le prime operazioni di uscire come preferenziali se come tali certificate da operatori non iscritti al rex. Questa misura (circ. 49/d/2020) ha generato qualche confusione, ma ora l’intendimento dell’autorità doganale, formalizzato nella circolare 4/d/2021, è chiaro (e, del resto, in linea con i principi dell’accordo): le merci devo essere intrinsecamente preferenziali ed essere esportate da un operatore Rex; solo così, a destino, i cessionari potranno evitare di pagare i dazi di importazione. 

La certificazione dell’origine preferenziale delle merci necessita di un approfondimento sostanziale e uno formale.

Quanto al tema sostanziale, gli operatori devono essere in grado di stabilire se i propri beni sono interamente ottenuti nell’Ue o, almeno, sono ivi sufficientemente lavorati in coerenza con le regole dell’accordo. A tal fine, valgono le regole ordinarie che discendono dalla duplice possibilità di avere beni interamente ottenuti nell’Ue, ovvero ivi sufficientemente lavorati secondo le regole dell’accordo che, per la verità, sono molto snelle e favorevoli, mediamente meno rigide rispetto a quelle in essere, ad esempio, negli accordi con i paesi del sistema paneuromediterraneo.

Sul punto, è interessante notare come si registrino dei disallineamenti normativi e applicativi tra le regole Ue e quelle Uk perché, se da un lato l’accordo tra le parti prevede solo la possibilità di cumulo bilaterale, in molti altri simili accordi che Uk sta concludendo con decine di altri paesi sono considerati originari, in quegli ambiti, anche i beni unionali, con grande beneficio per l’industria locale (e, forse, a scapito di quella Ue).

Ma è sul piano formale che si registrano le maggiori novità e la necessità di ulteriore chiarimento da parte dell’Agenzia dogane e monopoli. Per certificare l’origine preferenziale delle merci spedite dall’Ue a Uk, occorre infatti essere iscritti al sistema Rex, procedura che deve rapidamente essere posta in essere da tutti gli operatori nazionali.

Già con una faq pubblicata sul propri sito, l’Agenzia dogane e monopoli aveva chiarito la portata della circ. 49/d/2020, precisando che gli esportatori già registrati al sistema unionale Rex devono utilizzare il relativo identificativo per esportare in Uk merci preferenziali Ue.

Di contro, la stessa circolare prevedeva che, “in attesa dell’attivazione del nuovo portale unionale Rex e dell’acquisizione di eventuali ulteriori elementi rinvenienti dall’accordo in fase di ratifica, coloro che risultino ancora privi del codice Rex, potranno rendere la dichiarazione di origine indicando il proprio codice Eori”.

Era dunque dubbio se i soggetti già Rex dovessero come tali dichiararsi per gli scambi con Uk e, soprattutto, se i soggetti non Rex dovessero già attrezzarsi in tal senso o se, nelle more dell’attivazione del portale, potessero continuare a operare solo con l’Eori.

Con la pubblicazione della circolare 4/d/2021, l’agenzia ha attrezzato un sistema di richiesta di registrazione al Rex di tipo informatico estremamente funzionale. Il portale è operativo dal 25 gennaio 2021 e, pertanto, le esportazioni verso Uk dovranno essere effettuate da operatori registrati se vorranno beneficiare di un sistema di dazi azzerati.

È certo che non tutte le imprese esportatrici italiane saranno iscritte al Rex in pochi giorni ed è probabile ci vogliano mesi per addivenire a tale risultato. Una eventuale inerzia degli operatori può risultare dannosa, rischiando di esporre commercialmente l’export nazionale che, da un lato, non è pronto a certificare a dovere le merci esportate (e che pure teoricamente sono preferenziali), né può esserlo in termini rapidi dovendo sottoporsi preventivamente a un audit documentale/fisico per l’ottenimento del Rex (anche se i riscontri delle Dogane in merito paiono, al momento, molto rapidi).

Il warning, in ogni caso, è duplice:

  • per i soggetti Rex è necessario procedere alla manutenzione dell’autorizzazione, aggiornandola anche con i codici di nomenclatura combinata relativi alle merci di interesse nel contesto dell’accordo Ue - Regno unito, così da ricomprendere tutte le operazioni future, anche quelle probabili e delle quali si confida, così da essere subito pronti in caso di necessità
  • per i soggetti non ancora iscritti scatta la corsa alla registrazione Rex, così da essere subito perfettamente allineati e compliant al quadro normativo.

Infine è bene ricordare che l’origine preferenziale può essere anche dichiarata mediante una autodichiarazione di conoscenza da parte dell’importatore (c.d. procedura di importer’s knowledge), da considerarsi però un metodo di fall back o per lo meno alternativo in via residuale.

È questa una pratica, infatti, per certi versi rischiosa, ma sicuramente in molti casi risolutiva, come per esempio avviene per gli scambi infragruppo. Mancano però, sul punto, prassi amministrative chiare e precise che individuino i profili di controllo nel caso in cui l’autodichiarazione in parola sia sottoposta ad audit doganale.

Ettore Sbandi

Dogane
Svizzera: abolizione dazi all’importazione e semplificazione codici doganali
Svizzera: abolizione dazi all’importazione e semplificazione codici doganali
Il parlamento federale svizzero ha approvato il 1 Ottobre 2021 l’abolizione dei dazi doganali sulla maggior parte dei prodotti industriali che entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.
Convenzione Vienna settore orafo
Oreficeria: meno barriere all’export con la Convenzione di Vienna
L’adesione dell’Italia alla Convenzione di Vienna si tradurrà in minori oneri e barriere all’esportazione per le 7.500 imprese italiane del settore orafo.
Dual use
Nuovo Regolamento UE sui beni a duplice uso
Dal 9 settembre 2021 è in vigore il Regolamento UE 2021/821 sui beni a duplice uso. Estesi i controlli a beni e tecnologie e particolare attenzione agli aspetti di Cybersecurity.
Brexit e problemi doganali
Problemi doganali nel Regno Unito: cosa fare in caso di MRN scaduto?
Nonostante il Regno Unito sia uscito già da alcuni mesi dall’Unione Doganale, si continuano a ricevere segnalazioni di problemi dalle imprese per quanto riguarda le esportazioni verso le isole britanniche.
Origine preferenziale: le regole transitorie dell’accordo Paneuromediterraneo (PEM)
Origine preferenziale: le regole transitorie dell’accordo Paneuromediterraneo (PEM)
Nel 2012 sono iniziate le discussioni per modernizzare la Convenzione PEM (Paneuromediterraneo). La Convenzione riveduta deve essere approvata all'unanimità.
Ue - zona Paneuromediterranea: semplificate regole di origine
Ue - zona Paneuromediterranea: semplificate regole di origine
La Commissione europea ha pubblicato il 25 agosto 2021 una Guida sulle regole di origine transitorie applicabili nella zona Paneuromediterranea (PEM).
Accordo RCEP
Accordo commerciale RCEP
Il 15 novembre 2020 è stato finalizzato il Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), accordo commerciale di libero scambio che, oltre ai 10 paesi ASEAN, comprende Australia, Cina, Corea del Sud, Giappone e Nuova Zelanda.
Nuovo Regolamento dual use 2021/821
Nuovo Regolamento dual use 2021/821
È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale Ue dell’11 giugno 2021 il Regolamento (Ue) 2021/821 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 maggio 2021 che istituisce un regime dell’Unione di controllo dei prodotti a duplice uso. ...
Origine non preferenziale: linee guida della Commissione
Origine non preferenziale: linee guida della Commissione
Pubblichiamo un riassunto delle linee guida fornite dalla Commissione Europea in materia di origine non preferenziale (Made in).
Egitto: nuovi adempimenti per gli esportatori comunitari dal primo luglio 2021
Egitto: nuovi adempimenti per gli esportatori comunitari dal primo luglio 2021
Il nuovo sistema di preregistrazione delle importazioni in Egitto entrerà in vigore in via definitiva dal 1° luglio 2021 unicamente per spedizioni in arrivo ai porti marittimi egiziani.