CARGOX e ACI: la nuova procedura per esportare in Egitto

di lettura

Dopo una fase pilota iniziata il 1° aprile, il 1° ottobre 2021 è diventato obbligatorio l’utilizzo del sistema Advance Cargo Information (ACI) per gli scambi commerciali con l’Egitto.

Image

Il sistema ACI è collegato alla piattaforma Nafeza (la “Single Window” egiziana per il commercio transfrontaliero), attraverso la quale gli importatori egiziani registrano le spedizioni in entrata, e alla piattaforma CargoX, attraverso la quale i soggetti che esportano verso l’Egitto presentano i documenti necessari allo sdoganamento in Egitto direttamente all’Autorità doganale egiziana.

Questa procedura è basata sulla blockchain che permette di definire in modo sicuro e immutabile una serie di dati all’interno di un registro la cui integrità è garantita dall’uso della crittografia.

Nuova procedura e nuovi obblighi per gli esportatori

Dal 1° ottobre 2021, per tutte le spedizioni verso l’Egitto, gli esportatori sono tenuti a presentare tutta la documentazione necessaria allo sdoganamento in anticipo e in formato digitale attraverso la piattaforma CargoX.

Pertanto, prima della spedizione della merce, tutti gli operatori che intendono esportare in Egitto devono registrarsi sulla piattaforma CargoX (vedi User Manual CargoX).

A rettifica di quanto originariamente previsto, Nafeza potrebbe eliminare la deadline che prevede che la documentazione debba essere presentata in ACI almeno 48 ore prima della partenza della nave verso il porto egiziano.

  1. La procedura inizia con la trasmissione da parte dell’esportatore della fattura (o della “pre-fattura” con tutti i dati della fattura) all’importatore nei formati previsti da Nafeza (le estensioni possono essere .pdf, .xml, .xls o .xlsx a seconda dei documenti).
  2. L’importatore, ovviamente, deve essersi preventivamente registrato sul portale Nafeza su cui deve caricare il documento ricevuto al fine di ottenere la pre-approvazione all’importazione da parte dell’Autorità doganale egiziana e ricevere quindi il numero ACID (Advance Cargo Information Declaration) che è univoco e quindi diverso per ogni spedizione.
  3. L’importatore egiziano accede al proprio account Nafeza e fornisce i dettagli sulla merce oggetto della spedizione e sull’esportatore.
  4. Dopo che tali i dati sono stati processati, una e-mail riportante il numero di ACID così generato viene inviata automaticamente all’importatore egiziano e all’esportatore italiano.
  5. A questo punto, l’esportatore deve apporre tale numero ACID su tutti i documenti necessari per l’esportazione e che dovranno essere quindi caricati su CargoX comprensivi dell’indicazione di tale numero.

In relazione ai certificati di origine, talune Camere di Commercio hanno comunicato che il numero ACID può essere riportato nella casella 5 “osservazioni” dei certificati di origine (non preferenziale); analogamente, anche in assenza di una vera e propria comunicazione ufficiale da parte dell’Agenzia delle Dogane in questo senso, il numero ACID può essere riportato nella casella 7 “osservazioni” dei formulari EUR.1.

I principali documenti che devono essere caricati sono: la bill of lading (anche draft), il packing list, la fattura commerciale, il certificato d’origine e altri documenti da concordare con l’importatore (ad esempio, il certificato EUR.1 ove ne ricorrano le condizioni).

Costi

Il costo totale per la trasmissione dei documenti si compone di due parti:

  • il costo per la elaborazione dei dati su ACI
  • e il costo per il trasferimento dei documenti attraverso la blockchain tramite la piattaforma CargoX.

L’unità di conto in funzione all’interno della piattaforma CargoX è genericamente la “unità” (contraddistinta dal simbolo “U”). Allo stato attuale, 1 U = 1 USD e gli operatori possono acquistare unità nella sezione di CargoX denominata “billing”.

Il costo per l’elaborazione dei dati su ACI è di 150 unità a “busta” (in inglese “envelope”): ossia 150 unità per ogni set documentale richiesto per ogni esportazione. Originariamente, questo valore era stato fissato a 50 USD.

Il “mittente” dei documenti (ossia l’esportatore) dovrà coprire anche il costo del trasferimento dei documenti sulla blockchain tramite la piattaforma CargoX. Tale costo potrebbe variare in funzione del documento.

In alternativa, il mittente può selezionare l’opzione che sia il primo destinatario a dover coprire i costi del trasferimento. In ogni caso, se il destinatario rifiuta il trasferimento, la pratica verrà restituita al mittente.

I documenti “ordinari” quali fatture, packing list, certificati d’origine ecc. hanno, in base alle ultime rappresentazioni, un costo di 3 unità cadauno.

Non sono previsti costi di elaborazione per la modifica dei documenti della stessa busta (nel caso in cui, ad esempio, sia stata inviata una documentazione errata o incompleta), ma, poiché si tratta di nuovi trasferimenti di documenti sulla blockchain, verrà applicato il costo di 3 unità per documento aggiuntivo. Tuttavia, è previsto un tetto limite pari a 15 unità per il costo di trasferimento dei documenti.

Esempio

Per un set documentale composto da quattro documenti, il costo di trasferimento del set documentale sulla blockchain è di 12 unità. Il costo totale, in questo caso, è 150 + 12 = 162 unità (162 USD). Qualora poi si rendesse necessario trasmettere anche più di cinque documenti per lo stesso numero ACID, il prezzo totale massimo per deposito ACI sarebbe comunque fissato a 165 unità.

La procedura è in continua evoluzione anche a fronte del riscontro pratico derivante dall’operatività quotidiana; pertanto, si invitano gli operatori a tenere costantemente monitorati i Portali ufficiali di CargoX e Nafeza.

Enrico Calcagnile

Dogane
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nasce il Fast Corridor ferroviario per ottimizzare lo spostamento delle merci containerizzate dal magazzino di temporanea custodia di Gioia Tauro al magazzino di Bologna Interporto.
CETA: i benefici per le imprese italiane
CETA: i benefici per le imprese italiane
A cinque anni dall’entrata in vigore del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Canada e Unione Europea, SACE traccia un primo bilancio.
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
L’introduzione in Unione Europea dei Regolamenti n. 263/2022 e 576/2022 ha determinato importanti restrizioni sul commercio internazionale verso la Russia e la Bielorussia.
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Con riferimento all’obbligo che ricade sugli operatori di comunicare in dogana le operazioni intracomunitarie, sono intervenute modifiche in merito alla scadenza di presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat.
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Per dichiarare il carattere preferenziale delle merci oggetto di esportazione (verso i Paesi firmatari di accordi di origine preferenziale con l’UE) i fornitori devono fornire indicazioni di origine preferenziale agli esportatori in merito alla materie prime, semilavorati o prodotti finiti che vengono a loro ceduti.
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Dal 9 giugno è entrato in vigore il nuovo sistema di presentazione delle dichiarazioni doganali all’importazione (mod. H1-H5), che trasforma la bolletta doganale in un data set immateriale.
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).