Cina: certificazione CCC

di lettura

Da quando è entrato in vigore in Cina il sistema di certificazione CCC (China Compulsory Certification) molti prodotti, per poter essere importati e commercializzati sul mercato locale, devono ottenere la certificazione e il marchio CCC, che unifica e sostituisce le due certificazioni obbligatorie preesistenti. Pubblichiamo l'elenco degli enti certificatori che rilasciano il marchio CCC.

IL PRIMO CATALOGO CCC

La CCC certifica gli standard di sicurezza, compatibilità elettromagnetica e protezione ambientale del prodotto.

I prodotti soggetti alla certificazione sono quelli inclusi nel primo catalogo CCC.

Al catalogo appartengono 19 categorie merceologiche, a loro volta suddivise in varie sottocategorie, disciplinate da un "regolamento di attuazione per la certificazione" che indica:

  • i prodotti interessati
  • le procedure di certificazione
  • la documentazione richiesta
  • le regole per l'applicazione del marchio.

Ricordiamo che i codici doganali non permettono di identificare con sicurezza i prodotti soggetti a certificazione, poiché a volte i codici cinesi non corrispondono a quelli italiani.

Le 19 categorie merceologiche del primo catalogo

1) cavi elettrici
2) interruttori, apparecchiature di protezione e di connessione
3) apparecchi elettrici a bassa tensione
4) motori elettrici frazionali
5) utensili elettrici
6) macchine saldatrici
7) elettrodomestici e similari
8) apparecchi audio / video
9) prodotti IT
10) apparecchiature per illuminazione
11) terminali per telecomunicazione
12) automobili e accessori per la sicurezza
13) pneumatici
14) vetri di sicurezza
15) macchine agricole
16) prodotti in lattice
17) apparecchiature elettro-medicali
18) equipaggiamenti antincendio
19) sensori per sistemi di allarme.

Nel caso in cui sia il prodotto che il suo componente appartengano al primo catalogo:

  • se il prodotto è già assemblato, il componente può non essere certificato (ma è comunque consigliabile la sua certificazione)
  • se il prodotto non è assemblato, il componente deve essere certificato.

Se il prodotto non rientra nel primo catalogo, mentre il suo componente ne fa parte, il prodotto già assemblato non deve essere certificato.

ENTI CERTIFICATORI

L'Organismo ufficiale di accreditamento è il CNCA (www.cnca.gov.cn), cui compete anche l'interpretazione ufficiale delle norme.
Gli enti accreditati a rilasciare la certificazione sono nove; tutti hanno sede in Cina. Nessuno di essi è competente per tutti i gruppi merceologici.
Esistono inoltre 137 agenzie autorizzate che svolgono un ruolo di collegamento tra il richiedente e gli enti certificatori.

Enti certificatori accreditati

Nome

Sede

 Web 

China Quality Certification Centre (CQC)

Beijing

link

China Certification Centre for Electromagnetic Compatibility (CEMC)

Beijing

link

China Public Security Prevention
and Certification Centre

Beijing

link

China Agricultural Machinery
Quality Certification Centre (CAM)

Beijing  

 

China Safety Glass Certification Center 

Beijing

 

China Tyres Products Accreditation
Committee Certification Centre

Beijing

 

China Latex Products
Quality Accreditation Centre

Zhuzhou

 

China Certification Center
for Fire Products (CCCF)

Beijing

link

China Certification Centre
for Automotive Products

Beijing

link

COME OTTENERE LA CERTIFICAZIONE

La CCC è una procedura ISO che prevede:

  • presentazione e accettazione della domanda di certificazione e della documentazione necessaria
  • prove di tipo
  • ispezione fabbrica preliminare
  • prove random
  • rilascio del certificato
  • ispezione fabbrica di routine.

Le vecchie certificazioni possono essere convertite nella CCC.
È anche possibile richiedere la certificazione CCC con il certificato e la relazione di prove CB.

ESENZIONI

In determinati casi i prodotti, pur appartenendo al primo catalogo, possono non essere certificati.

E' prevista l'esenzione automatica per i prodotti importati per esposizioni, fiere, presentazioni, ecc. non destinati alla commercializzazione.

Procedure particolari di esenzione sono inoltre previste per:

  • i prodotti destinati a prove o esperimenti
  • la componentistica importata per assemblaggio/lavorazione conto terzi, quando il prodotto finale è destinato interamente all'esportazione
  • i prodotti destinati alla riparazione/manutenzione oppure i ricambi di prodotti fuori produzione.

COSTI

Gli enti certificatori devono attenersi al tariffario unico nazionale. I costi possono variare in relazione alla lingua, alla collocazione geografica, ecc. dell'azienda richiedente.

In linea di massima, i costi sono i seguenti:

  • presentazione ed accettazione della richiesta: 600 RMB
  • prove di tipo (in base al prodotto): 1500-3000 RMB
  • verifica fabbrica preliminare: 3500 RMB per persona al giorno (durata media 1-5 gg.)
  • approvazione e rilascio del certificato: 800 RMB
  • registro di mantenimento annuo: 400 RMB
  • acquisto del marchio CCC (standard): 0,07 – 0,56 RMB cadauno
  • utilizzo del marchio: 1000 RMB all'anno.

Attualmente per ottenere la certificazione trascorrono circa sei mesi. A regime bisognerà probabilmente attendere tre mesi.

Informazioni:
Camera di Commercio Italo Cinese 
mail 
link 

CNCA 
link 

Tag dell'informativa
In vigore dal 1° agosto 2003
Dogane
Status di AEO e accordi di mutuo riconoscimento
Status di AEO e accordi di mutuo riconoscimento Nell'articolo sono presentate le novità riguardanti la procedura per il rilascio dello status di Operatore Economico Autorizzato e i relativi benefici.
Turchia: Richiesta prova d’origine
Turchia: Novità per richiesta prova d’origine L’accordo di Unione Doganale fra UE e Turchia, ad oggi in vigore, prevede che i prodotti immessi in libera pratica e successivamente importati nel Paese di destinazione godano di abbattimento daziario, purché scortati dal certificato ATR  (ad esempio merce immessa in libera pratica nella Comunità Europea, spedita in Turchia e qui immessa in libera pratica).
Esportare in Arabia Saudita: novità per imballaggi e plastica monouso
Esportare in Arabia Saudita: imballaggi e plastica monouso A settembre 2019 inizierà la seconda fase del regolamento che l’Arabia Saudita ha introdotto nel dicembre 2017 per contrastare i rischi ambientali e sanitari. Tale regolamento riguarda le materie plastiche tra cui è incluso anche il materiale da imballaggio.
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia L’Italia è il sesto paese per volumi di scambi con la Russia e il secondo più grande importatore di gas russo in Europa. Negli ultimi dieci anni il numero di imprese italiane che ha approcciato il mercato russo è aumentato costantemente.
Customs decisions system: strumenti informatici doganali
Customs decisions system: strumenti informatici doganali Il Customs Decisions System (“CDS”) è un sistema che consente agli operatori stabiliti nell’Unione europea e in possesso di un codice EORI di richiedere e gestire le decisioni doganali per via elettronica attraverso un unico portale (“EU Trade Portal- EU TP”) condiviso a livello unionale, al quale si accede previo specifico accreditamento.
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio Lo scorso 18 marzo il Ministero per lo Sviluppo Economico ha diramato nuove disposizioni per il rilascio dei certificati di origine e dei visti per l’estero, introducendo svariate novità, tra le quali l’obbligo della richiesta telematica.
Accordo di libero scambio UE-Giappone
Accordo di libero scambio UE-Giappone L’Unione Europea ha ratificato un maxi accordo di libero scambio con il Giappone, denominato EPA (Economic Partnership Agreement). E’ stato approvato con larga maggioranza ed è entrato in vigore il 1° febbraio 2019.
Emirati Arabi Uniti: I nuovi visti per investitori, imprenditori e talenti
Emirati Arabi: I nuovi visti per investitori e imprenditori Alla fine del 2018 gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto nuove regole per il rilascio di visti di residenza di lunga durata (10 e 5 anni) e da febbraio di quest’anno inizieranno ad accettare le richieste di visto.
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere Nel contesto di un’auspicata crescita dell’integrazione “transfrontaliera” la guida è stata concepita con il preciso intento di offrire agli operatori economici un utile strumento di orientamento verso scelte operative che tengano conto delle opportunità offerte dalla collaborazione Italo – Svizzera, specialmente all’interno delle aree di confine.
Guida all'origine preferenziale della merce
Guida all'origine preferenziale della merce L'origine preferenziale dà diritto a benefici tariffari (ingresso a dazio zero o a dazio ridotto) negli scambi tra paesi che hanno stipulato accordi di commercio preferenziale, perché la merce possa essere considerata di origine preferenziale devono essere soddisfatte alcune condizioni specifiche indicate nei protocolli di origine degli accordi di commercio preferenziale.