Classificazione tariffaria: quali fonti utilizzare?

di lettura

Su circa 20 sentenze all’anno in materia doganale della Corte di Giustizia dell’Unione Europea più di 10 hanno ad oggetto la classificazione tariffaria.

Classificazione tariffaria: quali fonti utilizzare?

Il codice di classificazione determina tra l’altro:

  • l’aliquota del dazio applicabile in importazione: la maggior parte dei casi di contenzioso nascono proprio dalla volontà dell’impresa importatrice di utilizzare il codice corrispondente al dazio più basso e dalla posizione della dogana a favore del codice cui corrisponde il dazio più elevato
  • l’origine preferenziale e non preferenziale della merce e l’identificazione di prodotti da escludere dalla liberalizzazione tariffaria comportante la riduzione o l’esenzione del dazio applicabile nell’ambito di un accordo di libero scambio.

Una delle maggiori difficoltà deriva dalla molteplicità delle fonti di riferimento da analizzare e dalla individuazione delle fonti applicabili.

Sistema armonizzato: regole di interpretazione

La nomenclatura di base è quella del Sistema armonizzato (SA), la convenzione multilaterale, gestita e aggiornata dall’Organizzazione Mondiale delle Dogane (OMD) che predispone codici sino a sei cifre e le relative descrizioni per classificare i prodotti in base alla materia di cui son fatti o alla funzione che svolgono. Tale nomenclatura è organizzata in 97 capitoli e 21 sezioni spesso preceduti da note introduttive utili, tra l’altro, a comprendere in che capitolo e in che codice classificare un prodotto.

Le prime sei cifre e le relative descrizioni del SA devono essere riprese esattamente dalle nomenclature degli Stati contraenti.

Sono stabilite 6 Regole Generali di Interpretazione (RGI) della nomenclatura. La RGI 1, gerarchicamente sovraordinata alle successive, è la prima da applicare; essa stabilisce che la classificazione è legalmente determinata dal testo delle voci, cioè quello corrispondente ai codici a 4 cifre, e dal testo delle note di sezione e di capitolo. Se non è possibile classificare il prodotto applicando la RGI 1 si utilizzano le RGI successive.

La RGI 3 è spesso usata, soprattutto per prodotti composti o costituiti dall’assemblaggio di beni differenti suscettibili di essere classificati in due o più voci. Tale regola predispone tre criteri da applicare in successione:

  1. il primo è quello della prevalenza della voce più specifica
  2. il secondo dà priorità al componente o alla funzione che conferisce al bene il suo carattere essenziale
  3. il terzo stabilisce la prevalenza dell’ultima voce in ordine numerico della nomenclatura.

In ambito OMD, al fine di promuovere un’interpretazione uniforme del SA, vengono elaborate le Note esplicative del SA e i pareri di classificazione. Tali note e pareri, non sono parte della convenzione del SA e non sono legalmente vincolanti, ma costituiscono un ausilio importante per la classificazione.

Regolamento di nomenclatura

Il Regolamento 2658/87 del Consiglio è la base giuridica per la classificazione dei prodotti importati negli Stati dell’Unione Europea. Entro il 31 ottobre di ogni anno ne viene pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’UE la versione aggiornata che entrerà in vigore il 1° gennaio dell’anno successivo.

Il regolamento di nomenclatura è la prima fonte di carattere vincolante per determinare la classificazione dei prodotti, pertanto, l’azienda importatrice deve avere cura di controllare e, se è il caso, aggiornare la classificazione dei propri prodotti all’inizio di ogni anno.

Il regolamento di nomenclatura riprende integralmente la nomenclatura del SA con le note di sezione e di capitolo e le 6 RGI. Aggiunge 2 cifre di classificazione, per un totale di 8, e ulteriori note introduttive alle sezioni e ai capitoli.

Note esplicative e Regolamenti di classificazione

La Direzione Generale Fiscalità e Unione doganale, meglio nota come DG TAXUD, assistita dal Comitato del codice doganale, Sezione Tariffa, elabora le note esplicative UE ed emette regolamenti di classificazione.

Le note esplicative UE non hanno forza vincolante, ma costituiscono un ausilio importante nell’interpretazione delle voci di nomenclatura. La Corte UE ha sottolineato che:

  • la consultazione delle note esplicative UE non sostituisce quella delle note esplicative SA, ma le supporta. Le note SA, ancorché non legalmente vincolanti, sono un valido aiuto per l’interpretazione delle voci della nomenclatura UE a condizione che non siano con essa incompatibili
  • le note esplicative UE devono essere compatibili con il regolamento di nomenclatura e non possono alterarne lo scopo
  • le dogane devono tenerne conto prima di emettere una Informazione Tariffaria Vincolante (ITV) e spetta, in caso, all’azienda importatrice impugnare la ITV basata su note esplicative incompatibili con la nomenclatura UE.

I regolamenti di classificazione - a differenza delle note esplicative - sono legalmente vincolanti e:

  • non sono applicabili retroattivamente, ma è possibile utilizzare il ragionamento e le conclusioni su cui sono basati per chiedere il rimborso dei dazi più alti pagati in quanto il prodotto era classificato in un codice diverso da quello stabilito dal regolamento di classificazione
  • determinano il codice a 8 cifre di nomenclatura in cui si classifica un determinato prodotto
  • indicano su quali RGI si è basato il ragionamento di classificazione
  • spesso stabiliscono il metodo di analisi alla base della classificazione.

Database delle ITV già rilasciate dalla Commissione Europea

Un’altra fonte da consultare è il database che contiene le ITV già rilasciate. Con la richiesta di una ITV l’azienda chiede alla Dogana di pronunciarsi in merito alla classificazione tariffaria di un prodotto. Viene rilasciata su istanza scritta e gratuitamente, tranne eventuali costi sostenuti dalla Dogana per la perizia tecnica utile a capire meglio le caratteristiche o la funzione del prodotto.

Se l’ITV è favorevole comporta l’applicazione di un dazio più basso per 6 anni salvo i casi in cui la ITV cessa di essere valida. L’azienda può quindi importare senza il rischio che la Dogana applichi una classificazione differente dando luogo al pagamento di un dazio più elevato o al recupero a posteriori dei dazi più elevati sulle operazioni svolte sino a tre anni prima.

La ITV non è più valida quando il suo contenuto è discordante con:

  • una modifica del regolamento di nomenclatura o delle note esplicative
  • un nuovo regolamento di classificazione
  • una successiva sentenza della Corte UE.

La ITV sfavorevole può essere impugnata innanzi alla Commissione tributaria se l’azienda la ritiene contraria al diritto applicabile.  

Se nel database della Commissione Europea vi sono ITV rilasciate per prodotti identici o molto simili e comportanti una classificazione sfavorevole, l’azienda importatrice dovrà fare un’attenta valutazione al fine di evitare che la Dogana, conformandosi alle ITV già esistenti, rilasci una ITV sfavorevole.

Altre fonti

Anche i lavori del Comitato del codice doganale costituiscono un ausilio interpretativo da prendere in considerazione.

Infine, le sentenze della Corte UE, insieme alla nomenclatura e ai suoi principi, sono la principale fonte per la classificazione e possono anche invalidare un regolamento di classificazione.

Conclusioni

La classificazione ha un forte impatto economico e strategico poiché determina, tra l’altro, l’aliquota del dazio applicabile in importazione. Il presidio dell’azienda di una corretta classificazione è fondamentale, a partire dal fatto che la disciplina di riferimento va applicata ai prodotti di cui solo l’azienda conosce le caratteristiche tecniche e il know-how. È opportuno che l’azienda valuti di farsi rilasciare una ITV da richiedere sulla base di un’approfondita analisi delle fonti applicabili.

Queste complesse problematiche verranno affrontate dagli autori di questo articolo nell’ambito del corso di formazione NIBI “Strategie doganali e Commercio Internazionale” in programma a Milano il 22, 23 e 24 novembre.

Davide Rovetta
Avvocato e docente del Corso Executive NIBI “Strategie Doganali e commercio Internazionale”

Laura Carola Beretta
Faculty NIBI e Senior Advisor, Italy, Trusted Trade Alliance

Tag dell'informativa
Dogane
Turchia: Richiesta prova d’origine
Turchia: Novità per richiesta prova d’origine L’accordo di Unione Doganale fra UE e Turchia, ad oggi in vigore, prevede che i prodotti immessi in libera pratica e successivamente importati nel Paese di destinazione godano di abbattimento daziario, purché scortati dal certificato ATR  (ad esempio merce immessa in libera pratica nella Comunità Europea, spedita in Turchia e qui immessa in libera pratica).
Esportare in Arabia Saudita: novità per imballaggi e plastica monouso
Esportare in Arabia Saudita: imballaggi e plastica monouso A settembre 2019 inizierà la seconda fase del regolamento che l’Arabia Saudita ha introdotto nel dicembre 2017 per contrastare i rischi ambientali e sanitari. Tale regolamento riguarda le materie plastiche tra cui è incluso anche il materiale da imballaggio.
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia L’Italia è il sesto paese per volumi di scambi con la Russia e il secondo più grande importatore di gas russo in Europa. Negli ultimi dieci anni il numero di imprese italiane che ha approcciato il mercato russo è aumentato costantemente.
Customs decisions system: strumenti informatici doganali
Customs decisions system: strumenti informatici doganali Il Customs Decisions System (“CDS”) è un sistema che consente agli operatori stabiliti nell’Unione europea e in possesso di un codice EORI di richiedere e gestire le decisioni doganali per via elettronica attraverso un unico portale (“EU Trade Portal- EU TP”) condiviso a livello unionale, al quale si accede previo specifico accreditamento.
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio Lo scorso 18 marzo il Ministero per lo Sviluppo Economico ha diramato nuove disposizioni per il rilascio dei certificati di origine e dei visti per l’estero, introducendo svariate novità, tra le quali l’obbligo della richiesta telematica.
Accordo di libero scambio UE-Giappone
Accordo di libero scambio UE-Giappone L’Unione Europea ha ratificato un maxi accordo di libero scambio con il Giappone, denominato EPA (Economic Partnership Agreement). E’ stato approvato con larga maggioranza ed è entrato in vigore il 1° febbraio 2019.
Emirati Arabi Uniti: I nuovi visti per investitori, imprenditori e talenti
Emirati Arabi: I nuovi visti per investitori e imprenditori Alla fine del 2018 gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto nuove regole per il rilascio di visti di residenza di lunga durata (10 e 5 anni) e da febbraio di quest’anno inizieranno ad accettare le richieste di visto.
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere Nel contesto di un’auspicata crescita dell’integrazione “transfrontaliera” la guida è stata concepita con il preciso intento di offrire agli operatori economici un utile strumento di orientamento verso scelte operative che tengano conto delle opportunità offerte dalla collaborazione Italo – Svizzera, specialmente all’interno delle aree di confine.
Guida all'origine preferenziale della merce
Guida all'origine preferenziale della merce L'origine preferenziale dà diritto a benefici tariffari (ingresso a dazio zero o a dazio ridotto) negli scambi tra paesi che hanno stipulato accordi di commercio preferenziale, perché la merce possa essere considerata di origine preferenziale devono essere soddisfatte alcune condizioni specifiche indicate nei protocolli di origine degli accordi di commercio preferenziale.
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese Il presente articolo analizza con un approccio tecnico il cosiddetto “Regime doganale 42”, al fine di far comprendere alle imprese i possibili vantaggi che possono trarre dall’utilizzo di detto strumento.