Commercio internazionale: accordi di libero scambio e semplificazioni

di lettura

Sono 46 (includendo il Regno Unito) gli accordi di libero scambio conclusi dall’Unione europea che concedono alle imprese Ue condizioni vantaggiose nelle operazioni verso 78 Paesi extra-Ue.

Image

La competitività delle imprese sui mercati esteri può crescere grazie alla conoscenza degli accordi di libero scambio, in forza dei quali un prodotto italiano può giungere in Paesi terzi - quali Svizzera, Canada o Giappone - senza scontare dazi alla frontiera e con semplificazioni per gli standard tecnici e documentali.

L’Unione europea persegue con decisione la strategia dei Free trade agreements (FTA), trattati commerciali internazionali, istitutivi di unioni doganali, aree di libero scambio o di associazione, con l’obiettivo di sostenere e promuovere l’export delle imprese europee.

A differenza di altri accordi internazionali, i Free trade agreements sono idonei a determinare vantaggi diretti e misurabili per le imprese, in quanto permettono di azzerare o ridurre i dazi doganali all’importazione nei confronti dei prodotti originari dei Paesi partner, rappresentando un importante volano per la crescita dell’export e dell’internazionalizzazione delle imprese europee.

Oltre all’Unione doganale con Andorra, Monaco, San Marino e Turchia e lo Spazio economico europeo con Norvegia, Islanda e Liechtenstein, l’Unione europea ha concluso numerosi accordi di libero scambio, che possiamo dividere tra trattati di vecchia e di nuova generazione. 

FTA tradizionali

Tra i FTA tradizionali va ricordato l’accordo tra Ue e Svizzera, il più vecchio attualmente in vigore (dal 1972). Questo tipo di accordo si limita a definire l’annullamento dei dazi per i prodotti industriali, ma non riguarda il settore dei servizi, la proprietà intellettuale e i prodotti agricoli.

Rientrano in questa definizione di FTA tradizionali anche i quattro accordi commerciali con i Paesi dell'America latina e dell'America centrale, così come le zone di libero scambio con otto Stati del Mediterraneo meridionale e del Medio Oriente (Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Israele, Palestina, Marocco e Tunisia) e con nazioni più strettamente collegate alla sua sfera di influenza, come i sei Paesi dei Balcani occidentali (Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia e Kosovo).

FTA di ultima generazione

Si definiscono accordi di ultima generazione in quanto hanno un perimetro di intervento più ampio rispetto a quello strettamente daziario, per esempio prevedendo l’armonizzazione di determinati standard tecnici dei prodotti, che rappresentano le c.d. “non tariff barriers”, ossia ostacoli e limitazioni alla penetrazione nei mercati esteri, più insidiosi e occulti delle tariffe doganali.

Questa tipologia di accordi internazionali disciplina anche aspetti esclusi dall’ambito strettamente doganale:

  • tutela delle indicazioni geografiche dei prodotti, molto importante per il nostro settore agro-alimentare
  • settore dei servizi
  • tutela degli investimenti e della concorrenza
  • possibilità di partecipare ad appalti pubblici
  • standard ambientali e sociali.

Tra gli accordi di nuova generazione conclusi dall’Unione: Corea del sud, Canada, Singapore, Giappone, Vietnam e Regno Unito (in vigore dal 1° gennaio 2021).

Per le imprese a vocazione internazionale è quindi fondamentale svolgere un’attività di approfondimento dei mercati di espansione, anche sulla base delle possibilità che i FTA aprono e delle condizioni in base alle quali sono accordate. Approfondendo la conoscenza delle agevolazioni daziarie, delle semplificazioni sugli standard tecnici e delle condizioni per definire un prodotto “di origine preferenziale” è possibile sviluppare la propria presenza nei mercati esteri.

La previsione di specifiche agevolazioni può rappresentare, infatti, un importante volano di crescita per le imprese che intendono accedere alle opportunità presenti in nuovi mercati. Sotto questo profilo è importante ricordare anche la certificazione AEO (Authorized economic operator), una certificazione internazionale, riconosciuta nella normativa doganale dell’Ue, che accorda notevoli vantaggi sia sotto il profilo delle facilitazioni che dei controlli.

L’autorizzazione AEO attesta, infatti, l’affidabilità, legale, doganale e finanziaria dell’impresa, distinguendola positivamente rispetto agli altri operatori economici. Si tratta di un marchio internazionale di qualità, che certifica la competenza e l’elevata professionalità dei soggetti autorizzati, anche nei confronti dei partner esteri.

Tale status, disciplinato dagli artt. 38 e ss. del codice doganale dell’Unione (CDU) consta di due diversi tipi di autorizzazione: la prima, inerente il settore delle semplificazioni doganali, permette di ottenere benefici a livello procedurale (Aeoc). La seconda, invece, attribuisce agevolazioni in materia di verifiche sulla sicurezza (Aeos). Le due diverse autorizzazioni possono essere cumulate, così da fruire sia dei vantaggi relativi alle semplificazioni che delle facilitazioni nell’ambito delle verifiche (Aeof, authorized economic operator - full).

Per quanto riguarda i benefici c.d. diretti, gli operatori autorizzati godono di un trattamento favorevole in Dogana, essendo soggetti a minori controlli per le dichiarazioni presentate, con conseguente ottimizzazione nei tempi di consegna dei prodotti.

Da segnalare infine i vantaggi della certificazione anche in Paesi con cui l'Ue ha concluso accordi di mutuo riconoscimento, come Regno Unito, Giappone, Stati Uniti, Svizzera e Cina, che riducono l’incidenza dei controlli alla frontiera e le soste dovute a verifiche doganali sulla merce.

Sara Armella
Presidente della Commissione Dogane & Trade Facilitation ICC

Dogane
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Stiamo per esportare vino in Svizzera a cliente finale, ristoratore. Vorremmo informazioni su: documentazione necessaria, iter da seguire, imposte e dazi a nostro carico.
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
La vendita, la fornitura, il trasferimento o l’esportazione di molteplici beni e tecnologie a qualsiasi persona, o organismo iraniani, o per un uso in Iran, sono soggetti ad autorizzazione preventiva.
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Il processo di digitalizzazione e modernizzazione consentirà una notevole semplificazione delle procedure doganali: un’ora per il controllo documentale, 5 ore per il controllo merci.
SA 2022
Nuovi codici doganali a partire dal 1° gennaio 2022
La nomenclatura del Sistema Armonizzato (“SA” o “HS” – Harmonized System) - composta di un codice di sei cifre.
Luogo Approvato e Digitalizzazione della procedurale doganale
Luogo Approvato e Digitalizzazione della procedurale doganale
Intraprendere la procedura finalizzata all’ottenimento della qualifica di “Luogo Approvato”, significa evitare l’incombenza di svolgere le “pratiche doganali export” presso l’Ufficio doganale di riferimento, sdoganando la merce direttamente presso i locali dell’azienda e dando vita ad un processo di digitalizzazione delle procedure doganali.
Registrazione doganale per esportare prodotti agroalimentari in Cina
Registrazione doganale per esportare prodotti agroalimentari in Cina
Dal 1° Gennaio 2022 tutte le imprese esportatrici di prodotti agroalimentari aventi come destinazione la Cina dovranno registrarsi al fine di poter esportare i propri prodotti.
CARGOX e ACI: la nuova procedura per esportare in Egitto
CARGOX e ACI: la nuova procedura per esportare in Egitto
Dopo una fase pilota iniziata il 1° aprile, il 1° ottobre 2021 è diventato obbligatorio l’utilizzo del sistema Advance Cargo Information (ACI) per gli scambi commerciali con l’Egitto.
Egitto: dal 1° ottobre Dichiarazione anticipata di informazioni sul carico
Egitto: dal 1° ottobre Dichiarazione anticipata di informazioni sul carico
Le informazioni anticipate sul carico (ACI) stanno diventando obbligatorie per tutte le spedizioni di importazione dall'Egitto.
Accordi commerciali
Commercio internazionale: accordi di libero scambio e semplificazioni
Sono 46 (includendo il Regno Unito) gli accordi di libero scambio conclusi dall’Unione europea che concedono alle imprese Ue condizioni vantaggiose nelle operazioni verso 78 Paesi extra-Ue.
Svizzera: abolizione dazi all’importazione e semplificazione codici doganali
Svizzera: abolizione dazi all’importazione e semplificazione codici doganali
Il parlamento federale svizzero ha approvato il 1 Ottobre 2021 l’abolizione dei dazi doganali sulla maggior parte dei prodotti industriali che entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.