Commercio internazionale: accordi di libero scambio e semplificazioni

di lettura

Sono 46 (includendo il Regno Unito) gli accordi di libero scambio conclusi dall’Unione europea che concedono alle imprese Ue condizioni vantaggiose nelle operazioni verso 78 Paesi extra-Ue.

Image

La competitività delle imprese sui mercati esteri può crescere grazie alla conoscenza degli accordi di libero scambio, in forza dei quali un prodotto italiano può giungere in Paesi terzi - quali Svizzera, Canada o Giappone - senza scontare dazi alla frontiera e con semplificazioni per gli standard tecnici e documentali.

L’Unione europea persegue con decisione la strategia dei Free trade agreements (FTA), trattati commerciali internazionali, istitutivi di unioni doganali, aree di libero scambio o di associazione, con l’obiettivo di sostenere e promuovere l’export delle imprese europee.

A differenza di altri accordi internazionali, i Free trade agreements sono idonei a determinare vantaggi diretti e misurabili per le imprese, in quanto permettono di azzerare o ridurre i dazi doganali all’importazione nei confronti dei prodotti originari dei Paesi partner, rappresentando un importante volano per la crescita dell’export e dell’internazionalizzazione delle imprese europee.

Oltre all’Unione doganale con Andorra, Monaco, San Marino e Turchia e lo Spazio economico europeo con Norvegia, Islanda e Liechtenstein, l’Unione europea ha concluso numerosi accordi di libero scambio, che possiamo dividere tra trattati di vecchia e di nuova generazione. 

FTA tradizionali

Tra i FTA tradizionali va ricordato l’accordo tra Ue e Svizzera, il più vecchio attualmente in vigore (dal 1972). Questo tipo di accordo si limita a definire l’annullamento dei dazi per i prodotti industriali, ma non riguarda il settore dei servizi, la proprietà intellettuale e i prodotti agricoli.

Rientrano in questa definizione di FTA tradizionali anche i quattro accordi commerciali con i Paesi dell'America latina e dell'America centrale, così come le zone di libero scambio con otto Stati del Mediterraneo meridionale e del Medio Oriente (Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Israele, Palestina, Marocco e Tunisia) e con nazioni più strettamente collegate alla sua sfera di influenza, come i sei Paesi dei Balcani occidentali (Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia e Kosovo).

FTA di ultima generazione

Si definiscono accordi di ultima generazione in quanto hanno un perimetro di intervento più ampio rispetto a quello strettamente daziario, per esempio prevedendo l’armonizzazione di determinati standard tecnici dei prodotti, che rappresentano le c.d. “non tariff barriers”, ossia ostacoli e limitazioni alla penetrazione nei mercati esteri, più insidiosi e occulti delle tariffe doganali.

Questa tipologia di accordi internazionali disciplina anche aspetti esclusi dall’ambito strettamente doganale:

  • tutela delle indicazioni geografiche dei prodotti, molto importante per il nostro settore agro-alimentare
  • settore dei servizi
  • tutela degli investimenti e della concorrenza
  • possibilità di partecipare ad appalti pubblici
  • standard ambientali e sociali.

Tra gli accordi di nuova generazione conclusi dall’Unione: Corea del sud, Canada, Singapore, Giappone, Vietnam e Regno Unito (in vigore dal 1° gennaio 2021).

Per le imprese a vocazione internazionale è quindi fondamentale svolgere un’attività di approfondimento dei mercati di espansione, anche sulla base delle possibilità che i FTA aprono e delle condizioni in base alle quali sono accordate. Approfondendo la conoscenza delle agevolazioni daziarie, delle semplificazioni sugli standard tecnici e delle condizioni per definire un prodotto “di origine preferenziale” è possibile sviluppare la propria presenza nei mercati esteri.

La previsione di specifiche agevolazioni può rappresentare, infatti, un importante volano di crescita per le imprese che intendono accedere alle opportunità presenti in nuovi mercati. Sotto questo profilo è importante ricordare anche la certificazione AEO (Authorized economic operator), una certificazione internazionale, riconosciuta nella normativa doganale dell’Ue, che accorda notevoli vantaggi sia sotto il profilo delle facilitazioni che dei controlli.

L’autorizzazione AEO attesta, infatti, l’affidabilità, legale, doganale e finanziaria dell’impresa, distinguendola positivamente rispetto agli altri operatori economici. Si tratta di un marchio internazionale di qualità, che certifica la competenza e l’elevata professionalità dei soggetti autorizzati, anche nei confronti dei partner esteri.

Tale status, disciplinato dagli artt. 38 e ss. del codice doganale dell’Unione (CDU) consta di due diversi tipi di autorizzazione: la prima, inerente il settore delle semplificazioni doganali, permette di ottenere benefici a livello procedurale (Aeoc). La seconda, invece, attribuisce agevolazioni in materia di verifiche sulla sicurezza (Aeos). Le due diverse autorizzazioni possono essere cumulate, così da fruire sia dei vantaggi relativi alle semplificazioni che delle facilitazioni nell’ambito delle verifiche (Aeof, authorized economic operator - full).

Per quanto riguarda i benefici c.d. diretti, gli operatori autorizzati godono di un trattamento favorevole in Dogana, essendo soggetti a minori controlli per le dichiarazioni presentate, con conseguente ottimizzazione nei tempi di consegna dei prodotti.

Da segnalare infine i vantaggi della certificazione anche in Paesi con cui l'Ue ha concluso accordi di mutuo riconoscimento, come Regno Unito, Giappone, Stati Uniti, Svizzera e Cina, che riducono l’incidenza dei controlli alla frontiera e le soste dovute a verifiche doganali sulla merce.

Sara Armella
Presidente della Commissione Dogane & Trade Facilitation ICC

Dogane
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nasce il Fast Corridor ferroviario per ottimizzare lo spostamento delle merci containerizzate dal magazzino di temporanea custodia di Gioia Tauro al magazzino di Bologna Interporto.
CETA: i benefici per le imprese italiane
CETA: i benefici per le imprese italiane
A cinque anni dall’entrata in vigore del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Canada e Unione Europea, SACE traccia un primo bilancio.
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
L’introduzione in Unione Europea dei Regolamenti n. 263/2022 e 576/2022 ha determinato importanti restrizioni sul commercio internazionale verso la Russia e la Bielorussia.
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Con riferimento all’obbligo che ricade sugli operatori di comunicare in dogana le operazioni intracomunitarie, sono intervenute modifiche in merito alla scadenza di presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat.
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Per dichiarare il carattere preferenziale delle merci oggetto di esportazione (verso i Paesi firmatari di accordi di origine preferenziale con l’UE) i fornitori devono fornire indicazioni di origine preferenziale agli esportatori in merito alla materie prime, semilavorati o prodotti finiti che vengono a loro ceduti.
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Dal 9 giugno è entrato in vigore il nuovo sistema di presentazione delle dichiarazioni doganali all’importazione (mod. H1-H5), che trasforma la bolletta doganale in un data set immateriale.
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).